Mini Countryman: prova su strada

Un automobilista italiano su due che acquistano Mini sceglie la Countryman, il modello che dieci anni fa fece compiere al marchio britannico il salto nel segmento C. Mettendoci al volante della serie rinnovata della seconda generazione di Countryman, ci siamo resi conto, ancora una volta, della straordinaria impresa compiuta da Bmw nel ridare vita a un’icona, un’operazione di remake in cui altri marchi hanno fallito, e poco importa se le dimensioni sono ben lontane da quelle della prima Mini.

Lunga 4,30 metri, larga 1,82 e alta 1,58, la Countryman rientra a pieno diritto nella categoria Sport Utility Vehicle grazie, oltre che al design, alla abbondante altezza da terra (16,5 cm) e alla trazione integrale ALL4 disponibile per la maggior parte delle varianti.

SCHEDA TECNICA

  • Cilindrata: 1.995 cc
  • Motore: 4 cilindri turbodiesel
  • Potenza: 150 CV
  • Coppia max: 340 Nm
  • Velocità max: 211 km/h
  • Accelerazione da 0 a 100: 9,0”
  • Cambio: automatico Steptronic a 8 rapporti
  • Consumo medio: (WLTP) 23,0 km/l
  • Emissioni CO2: (WLTP) 121 g/km
  • Dimensioni: 4,30x 1,82x 1,56 m
  • Peso: 1.645 kg
  • Bagagliaio: 450/1.390 litri
Leggi l'articolo: Mini Countryman, emblema del fascino britannico