Volvo: faremo il possibile per ridurre gli impatti della crisi

La Casa svedese si aspetta una spinta decisa della mobilità aziendale verso l’elettrificazione e nel 2022 punterà su modelli plugin hybrid, con novità full electric

La strategia di Volvo Car Italia si gioca su un doppio fronte. Da una parte la riconferma di pedine forti come i nostri modelli Plug-in Hybrid – XC40 in modo particolare – che già quest’anno si sono imposti nel settore specifico come i più richiesti nel mercato del noleggio a lungo termine delle auto ibride a ricarica in ambito Flotte aziendali”, dice Corrado Franchini, Retailer Business Manager Volvo Car Italia. “Dall’altra, spingeremo le novità full electric – ancora una volta XC40 Recharge in primo piano – e punteremo su servizi di mobilità innovativi legati all’elettrificazione, studiati per rispondere in modo efficace ed efficiente alle necessità di mobilità delle aziende moderne. Per fare questo, oltre a iniziative specifiche che presto annunceremo, continueremo con la politica di capillare assistenza ai clienti business e ai fleet manager dele aziende per proporre le soluzioni più adeguate in funzione della loro realtà”.

CORRADO FRANCHINI
Retailer Business Manager
Volvo Car Italia

LE SFIDE DEL 2022

“Il settore delle flotte e della mobilità aziendali non potrà che seguire i destini del mercato generale. I tempi di uscita dalla crisi legata alla carenza di semiconduttori sono ancora incerti. Le previsioni che parlano della metà del prossimo anno come momento di svolta sono tutte da verificare. Comunque ci aspettano ancora altri mesi di situazione difficile e di ripercussioni sulla produzione. Di certo Volvo farà il possibile per garantire gli impatti il più possibile ridotti a una clientela tanto importante come è quella business”.

MOBILITÀ ELETTRICA

“Riteniamo che il mondo della mobilità aziendale andrà in modo deciso nela direzione di una elettrificazione delle flotte. E dati i nostri obiettivi di brand e di business e la nostra strategia più volte dichiarata, non faremo che favorire questa accelerazione. Di certo, in vista di una transizione dai modelli ibridi (dove, come detto, Volvo è già leader) a quelli full electric, lo scoglio principale è quello di implementare le infrastrutture di ricarica, un ambito nel quale l’Italia è purtroppo in ritardo. Ed è proprio per rassicurare la clientela che volesse optare per la tecnologia elettrica pura e per favorirne la diffusione che Volvo Car Italia ha promosso il progetto Volvo Recharge Highways. Si tratta di un’iniziativa senza precedenti, realizzata in collaborazione con i concessionari italiani di Volvo e che prevede l’installazione di stazioni di ricarica veloce da 175 kW presso le concessionarie Volvo, in prossimità di altrettante uscite delle principali autostrade italiane e in altri punti strategici. Le prime quattro stazioni verranno inaugurate entro la fine dell’anno, le altre entro la metà del 2022. E intanto, è stata sempre Volvo Car Italia a inaugurare – lo scorso 9 novembre – la prima stazione di ricarica fast charge della città di Milano, a Porta Nuova a due passi dal Volvo Studio Milano. Da notare che i punti di ricarica Volvo saranno aperti agli utenti di veicoli elettrici di tutti i brand e non solo agli utenti Volvo; un messaggio di certo forte per tutti coloro che auspicano un passaggio effettivo senza patemi alla mobilità elettrica”.