Volkswagen: nel 2019 ricavi del Gruppo a 252,6 miliardi di euro (+7,1%)

Ottimo 2019 per il Gruppo Volkswagen che ha fatto registrare consegne e fatturato in crescita. Il 2020 sarà però un anno difficile a causa dell’emergenza Coronavirus. Previsto a breve lo stop alla produzione.

Il CEO di Volkswagen Herbert Diess

Nel 2019 il Gruppo Volkswagen ha consegnato complessivamente 10,98 milioni di veicoli ai suoi clienti (+1,3% rispetto all’anno precedente), generando un fatturato di 252,6 miliardi di euro, con una crescita del 7,1%. E il risultato operativo, arrivato a 19,3 miliardi dopo due gestioni sotto ai 14 miliardi (13,92 nel 2018 e 13,82 nel 2017) pone il Gruppo di Wolfsburg in una posizione di ritrovata solidità, con un cash flow netto di 10,8 miliardi, in assoluta controtendenza rispetto al valore negativo (-0,3 miliardi) dello scorso anno.

“Abbiamo venduto modelli di auto meglio equipaggiate, a prezzi più alti e con maggiore profittabilità. Ecco perché il business è cresciuto rapidamente”. Lo ha sottolineato durante la conferenza annuale di presentazione dei risultati finanziari 2019 (tenutasi in streaming) il CEO del Gruppo Volkswagen Herbert Diess, che ha confermato la distribuzione di un dividendo di 6,50 euro per azione, contro il 4,80 dello scorso anno.

Il numero uno del Gruppo Volkswagen ha poi dichiarato che, a causa dell’emergenza sanitaria in atto dovuta all’epidemia del Covid-19, a breve saranno chiuse la maggior parte delle fabbriche VW in Europa per due o tre settimane. “La crisi in Europa è ancora davanti a noi – ha precisato Diess – mentre la situazione si sta stabilizzando in Cina così da aver permesso la ripresa della produzione con poche eccezioni”.

Sul tema della chiusura degli stabilimenti Diess ha precisato che a causa del “chiaro deterioramento delle vendite e della incertezza nelle forniture” ci saranno imminenti interruzioni della produzione “nella maggior parte dei siti dei nostri marchi”. I siti di Volkswagen in Spagna, Portogallo, Slovacchia e Italia sono già stati interessati da questa settimana da sospensioni della produzione e “la maggior parte delle altre fabbriche tedesche ed europee sta preparando stop da due a tre settimane”.

Volkswagen ha ribadito che l’anno 2020 sarà “molto difficile” a causa del coronavirus, in particolare perché ha visto calare le sue vendite in Cina del 74% a febbraio. “L’entità e la durata dell’impatto sul Gruppo Volkswagen del Covid-19 sono incerte”, ha ribadito durante la conferenza il CFO Frank Witter, sottolineando che “una prognosi credibile è attualmente quasi impossibile”.