Viano (LeasePlan): “Mondo dell’auto aziendale fortemente interessato agli ecobonus”

Il mondo dell’auto aziendale è molto interessato agli incentivi alle auto a basso impatto ambientale in vigore dal 1° marzo. Lo ha dichiarato Alberto Viano, amministratore delegato di LeasePlan Italia, secondo cui nel primo mese di vita degli ecobonus sono state ricevute, da parte dell’operatore leader nel settore del noleggio e della mobilità, numerose richieste di informazioni e di preventivi con l’applicazione dei bonus statali.

“Le richieste – ha sottolineato Viano – hanno riguardato un po’ tutta la gamma delle auto a basso impatto, ma soprattutto la Nissan Leaf, la Hyundai Kona e la Ioniq, la Renault Zoe, la Volkswagen e-Golf, la Peugeot Ion e la Smart Fortwo”.

Gli ecobonus valgono per tutti gli acquirenti (enti e imprese, oltre che per i privati) e per tutte le immatricolazioni effettuate a partire dal 1° marzo 2019 per i veicoli nuovi di fabbrica con valore inferiore ai 50.000 euro (IVA esclusa). I nuovi incentivi si applicano anche alle auto aziendali e possono essere richiesti non solo dalle persone fisiche ma anche dalle partite IVA e dalle società che intendono acquistare auto ecologiche per usarle direttamente o per darle in noleggio a breve o a lungo termine. Secondo Viano, la valutazione del mondo dell’auto aziendale sui nuovi incentivi è dunque positiva anche se i fondi stanziati per erogare i bonus non sono ancora sufficienti.

“Per ridare slancio al mercato dell’auto – ha proseguito l’amministratore delegato di LeasePlan Italia – sarebbe però necessaria una normativa organica per l’accesso ai centri urbani valida su tutto il territorio nazionale ed anche un programma di incentivi con uno stanziamento significativo per contribuire a svecchiare il parco circolante italiano. In particolare un programma di incentivi veramente significativo dovrebbe puntare sulle soluzioni a basso impatto ambientale, ma dovrebbe anche tener conto del fatto che la transizione verso soluzioni più verdi non può che essere graduale e che l’obiettivo principale in questa fase è quello di eliminare le auto più vecchie ed inquinanti sostituendole sia con soluzioni verdi che con auto con alimentazioni tradizionali, ma di nuova generazione e quindi decisamente meno inquinanti