Viano, AD di LeasePlan Italia: 2019 positivo, fiduciosi per il futuro

di Vincenzo Conte

In questa intervista Alberto Viano, Amministratore Delegato di LeasePlan Italia, illustra i programmi della sua società nel nostro Paese e le novità che saranno lanciate per le grandi flotte, per le PMI e per i privati.  

Alberto Viano, Amministratore Delegato di LeasePlan Italia

Dottor Viano, a circa un anno dalla sua nomina ad Amministratore delegato di LeasePlan Italia, può tracciare un primo bilancio?

“Siamo molto soddisfatti per l’anno in corso in quanto, nonostante una congiuntura economica sfavorevole, sono stati raggiunti tutti i risultati aziendali previsti a inizio anno. È un anno che ha visto il presidio costante di tutti i canali e i territori, l’apertura degli Store CarNext a Milano e Verona, innovazione di prodotto e investimenti digitali. Dal punto di vista della comunicazione abbiamo continuato a presidiare il mondo dello sport. Mi piace ricordare per il 2019 la consegna all’Arma dei Carabinieri, di 250 Yaris Hybrid, parte della flotta di vetture destinate alle Tenenze e Stazioni individuate su tutto il territorio Nazionale, d’intesa con i Comandi di Legione, per la presenza in aree pedonalizzate o sottoposte a particolari vincoli ambientali. Sempre nel 2019 è nata la collaborazione con Cityscoot, la società di scooter sharing presente a Milano e Roma, con un servizio che va incontro tra l’altro anche alle esigenze di riduzione del traffico e miglioramento della vivibilità delle città. Siamo in una fase di transizione, in cui il nostro tradizionale modo di intendere la mobilità si sta arricchendo di molti nuovi elementi che promettono di rivoluzionare l’intero settore nel futuro prossimo”.

Oggi il noleggio tout court vale il 25% del mercato automobilistico (dati Unrae gennaio-settembre 2019) e il noleggio a lungo termine, da solo, il 14,4%. Quali sono le vostre previsioni sull’andamento futuro del comparto e del noleggio a lungo termine in particolare?

“Tutte le previsioni macroeconomiche per i prossimi anni delineano un quadro difficile, tra guerra dei dazi, debolezza dei consumi e difficoltà dell’export. Per quanto riguarda il settore automotive, che nello specifico in Italia pesa circa l’11% del PIL, l’esposizione nel lungo termine ad una potenziale guerra dei dazi è un fenomeno da monitorare con attenzione, soprattutto se consideriamo l’export diretto di prodotti sommato all’effetto indiretto. La produzione di componenti automotive, che è un’eccellenza italiana, infatti, potrebbe risentire del rallentamento della produzione di veicoli in Germania innescata da una guerra commerciale. Detto questo per il 2020 vediamo tre grandi temi protagonisti per il nostro settore: una vera diffusione della mobilità sostenibile, il presidio sui privati e l’avvio importante del corporate car sharing, anche per i veicoli elettrici”.

Quali sono le direttive principali su cui si concentrerà la vostra azione nei prossimi mesi?

“La gestione delle auto aziendali presenta oggi aspetti sempre più complessi. Aspetti consulenziali e soluzioni digitali sono alla base del supporto che garantiamo ai nostri clienti. I driver dell’azienda cliente possono usufruire delle soluzioni digitali di LeasePlan, come l’app che rende accessibili i nostri servizi in modalità digitale 24/7. Per il fleet manager è disponibile un tool di reportistica attraverso il quale il cliente ha accesso a tutti i dati della sua flotta. Non mancherà il focus sul prodotto di medio termine. Professionisti, lavoratori autonomi e ditte individuali, hanno esigenze diverse rispetto alle imprese e spesso hanno bisogno di una soluzione di mobilità più flessibile e meno vincolante rispetto al noleggio a lungo termine. FlexiPlan è il piano di noleggio a medio termine di LeasePlan che consente di noleggiare un’auto o un veicolo commerciale solo per il periodo che occorre mantenendo tutti i vantaggi delle formule di noleggio più lunghe”.

LeasePlan ha manifestato una sensibilità molto forte nei confronti delle auto elettriche. Come si può sostenere la crescita della diffusione delle auto elettriche?

“L’ultima indagine di LeasePlan ci conferma che i driver italiani sono tra i primi in Europa come attitudine e disponibilità verso l’elettrico, con il 50% dei conducenti italiani analizzati che sceglierà probabilmente un veicolo elettrico nei prossimi 5 anni, anche se le carenze della rete di ricarica rischiano di frenare questo orientamento. Da un’analisi dei dati sulla flotta LeasePlan Italia, emerge che circa il 70% dei veicoli ha percorrenze compatibili con i veicoli elettrici. L’analisi evidenzia dati molto interessanti sulla predisposizione alla transizione alla mobilità elettrica. Nello specifico: percorrenza media giornaliera di 250 km; almeno 4 ore giornaliere con motore spento compatibile con una ricarica completa; prezzi del veicolo elettrico e detrazioni che rendono sempre più accessibile la scelta elettrica. Noi contiamo di fare molto per sviluppare questo mercato, grazie alla nostra proposizione completamente elettrica – Start Electric – che unisce alla fornitura del veicolo elettrico e ai servizi di noleggio, una consulenza specializzata per le aziende che vogliono avvicinarsi alla mobilità sostenibile. La nostra proposizione prevede poi una energy card per la ricarica sull’80% della rete pubblica nazionale”.

Oggi tra i segmenti di mercato di riferimento una particolare importanza, vista anche la natura del tessuto imprenditoriale italiano, è riconosciuta a PMI, professionisti e partite Iva. Come vi ponete verso questa tipologia di clienti?

“Il segmento dei privati nel 2020 potrebbe raddoppiare i volumi del noleggio a lungo termine del 2017, grazie alla sempre maggiore conoscenza del noleggio e delle proposte pay for use da parte del consumatore finale. Tutte le recenti ricerche sui temi di innovazione e digitalizzazione dimostrano inoltre quanto l’utente privato preferisca completare il processo di acquisto in una modalità e-commerce. La grande sfida quindi è poter vendere un servizio complesso come il noleggio tramite i canali digitali”.

Quali sono le principali caratteristiche della vostra offerta per le grandi flotte?

“Il Corporate Car Sharing diventerà sempre più un elemento presente nella mobilità delle aziende di grandi dimensioni, anche grazie all’accessibilità completamente digitale, ad iniziare dal target delle multinazionali che per prime hanno manifestato questa esigenza, che tra l’altro si sposa perfettamente con la mobilità sostenibile e ne incrementa l’utilizzo. Inoltre, questa modalità di gestione delle auto in pool consente di ampliare il numero degli utilizzatori del benefit aziendale, tra i dipendenti non assegnatari di auto aziendale e in orari non lavorativi”.

In che modo state affrontando la tendenza al passaggio dalla gestione di una flotta di autovetture alla gestione dell’intera mobilità aziendale?

“Attraverso soluzioni come il nostro servizio di Full Outsourcing l’azienda cliente affida a LeasePlan la gestione in toto delle attività relative al parco auto, compreso l’oneroso contatto quotidiano con il driver: dal contratto all’operatività giornaliera. Le principali attività di supporto diretto con il driver vanno dalla consulenza nella scelta delle vetture e nella configurazione della car policy alla gestione delle scadenze e dei rinnovi, includendo la reportistica relativa alla fatturazione. Inoltre, offriamo un supporto diretto al driver per la configurazione dell’ordine con il conteggio, ove previsto, del fringe benefit o della quota a carico del driver e relativo report mensile, la gestione delle riassegnazioni interne con revisione dell’eventuale quota a carico del driver e la revisione annuale dei valori di fringe benefit”.