UX, il crossover ibrido di Lexus che cambia le regole del gioco

di Gennaro Speranza

È finalmente arrivato in Italia il nuovo e attesissimo UX, il crossover ibrido di casa Lexus. Auto Aziendali magazine è stata a Barcellona, dove si è svolta la presentazione alla stampa europea, ed abbiamo avuto modo di testarlo sulle affascinanti strade catalane. Partiamo subito col dire che si tratta di un modello pensato per ricoprire un ruolo fondamentale non solo nella gamma di Lexus (si posiziona tra il modello d’ingresso Lexus CT Hybrid e il modello più venduto NX Hybrid), ma più in generale nel segmento C dei Suv premium.

“Lexus UX è un vero e proprio game changer”, lo ha definito Ennio Liberali, brand manager di Lexus Italia, nel corso della conferenza stampa di presentazione. “Un modello che permetterà a Lexus di raggiungere obiettivi importanti sia in termini di volumi, sia nel ridefinire la percezione del brand. Ci aspettiamo clienti nuovi, con l’aspettativa di passare dalle circa 4.000 unità vendute a fine 2018 alle 7.500 a fine 2019”. “Ma soprattutto – ha continuato Liberali – è un modello che permetterà al brand Lexus di rinforzare ulteriormente la posizione di leadership nel mercato elettrificato premium dove oggi già rappresenta circa il 50% delle vendite grazie alla sua gamma 100% hybrid”.

GUARDA IL VIDEO: LEXUS UX – PROVA SU STRADA

SULLA STRADA

Nel traffico di Barcellona, e sulle strade attorno alla capitale catalana, il nuovo Lexus UX Hybrid si è dimostrato perfettamente a suo agio. Il nome UX deriva infatti proprio dal concetto che risiede alla base del progetto, Urban e X-over (crossover). Lungo 4,5 metri e con un passo 2,6 metri, UX si caratterizza in prima battuta per un abitacolo spazioso e confortevole, per l’accurata lavorazione dei materiali degli interni e per una sorprendente silenziosità anche a velocità sostenuta, ottenuta grazie all’impiego mirato di materiali fonoassorbenti in tutto il veicolo.

SICUREZZA E COMFORT

La vettura è sviluppata sulla nuova piattaforma GA-C, progettata da Lexus per assicurare i massimi livelli di sicurezza e stabilità grazie all’utilizzo di materiali ad elevata elasticità. “UX presenta inoltre il baricentro più basso della categoria – ha sottolineato Liberali – caratteristica di fondamentale importanza per la maneggevolezza e la qualità di marcia, supportata dalle numerose misure atte a ridurre il peso della vettura tra cui l’impiego di pannelli in alluminio per portiere, parafanghi e cofano, e materiali in resina per il portellone posteriore”.

CINQUE ALLESTIMENTI

Nuovo UX viene venduto in Italia in versione ibrida con un 2.0 a benzina e un’unità elettrica alimentata da batterie: insieme, erogano 184 Cv, sufficienti per garantire un’accelerazione da 0 a 100 km/h in 8,5 secondi ed elevate efficienze in termini di consumi ed emissioni (i consumi sono pari a 4,1 litri/100 km, con emissioni di 96 g/km di CO2). Sono cinque gli allestimenti disponibili: Premium, F Sport, Luxury, Executive e Business (quest’ultima dedicata alla clientela flotte). I prezzi di listino partono da 37.900 euro. 

 

L’OPINIONE DEL FLEET MANAGER

a cura di Robert Satiri, Responsabile Servizi Generali di Colacem Spa

Lexus Ux si colloca in maniera originale nell’affollato mondo dei crossover, con dimensioni ben calibrate nel segmento di riferimento (C-Suv), proponendosi come alternativa di altissimo livello alle tipologie di auto già sul mercato. Con questo modello Lexus conta di raddoppiare le vendite nel segmento flotte fatte registrare nel 2018.

ESTERNI E VIVIBILITÀ A BORDO

Il design di Lexus UX è molto piacevole, con un’ottima alternanza tra linee morbide e tagli decisi; uno stile personale, particolare, che si nota e si propone in maniera autentica all’interno di una car list. Il corpo vettura, con i suoi circa 450 cm di lunghezza appare compatto, armonioso, filante, quasi a collocarsi verso i Suv coupè. L’ambiente interno è curato nei dettagli, prezioso; in nessuna delle versioni tradisce le aspettative di lussuosità del marchio. Le sedute sono comode e accompagnano confortevolmente gli occupanti anche su lunghi viaggi o nelle tante ore che i driver aziendali passano in auto.

TECNOLOGIE E ADAS

Vettura compatta, motore brillante, cambio E-CVT che assiste. Risulta agile nel traffico e piacevole nell’uso intenso tipico dei driver aziendali. La dotazione di serie è completa fin dall’entry level del Lexus Safety Sistem+ ed assicura un ottimo livello di assistenza alla guida (di pregio il sistema di mantenimento del centro della corsia). L’intervento del brake assist non è invasivo. Da ricordare che nella versione Business è inclusa di serie la retrocamera posteriore ma non sono previsti i sensori di parcheggio, così come non sono operativi i sistemi come Apple CarPlay, Android Auto o Mirror Link.

SOSTENIBILITA’

Il motore a benzina due litri a ciclo Atkinson abbinato al motore elettrico garantisce una fluidità di marcia ed un’economia d’esercizio di tutto rispetto. Sono previste versioni a 2 e 4 ruote motrici, quest’ultima equipaggiata di un secondo motore elettrico collegato all’asse posteriore. Abbiamo provato la vettura per circa 2.000 km e i consumi risultano contenuti specialmente nei cicli urbani. In altre circostanze pagano un po’ pegno all’insistenza dell’acceleratore. Volendo fare una media d’uso del driver con percorrenze eterogenee siamo oltre i 17 km/l.

CAR LIST E TCO

Il prezzo d’attacco contenuto, in particolare dell’allestimento business, unitamente ad un piano di garanzia decennale (in alcuni casi svincolato dai chilometri ma vincolato all’assistenza presso le concessionarie della casa) ed ai generali costi contenuti della manutenzione e dei ricambi Lexus, contribuiscono a realizzare un valore del TCO particolarmente interessante per la tipologia della vettura. Sono previste soluzioni Pay per Drive, sconti commerciali e supervalutazioni, leasing finanziari a tassi tra i più bassi del mercato ed un’aspettativa di valore residuo alta, com’è caratteristica del marchio, accentuata dall’accresciuta attenzione verso l’ibrido a scapito delle motorizzazioni diesel.