Una giornata di studio per fleet manager

di Beatrice Selleri

imageFleet Manager Academy 2013 è una giornata di studio completamente dedicata ai fleet manager durante la quale si parlerà di car sharing aziendale, alimentazioni alternative e telematica. Tre temi di fondamentale interesse e con grandi possibilità di sviluppo nel mondo aziendale.Car sharing aziendale, alimentazioni alternative e telematica. Sono questi gli argomenti al centro del programma della Fleet Manager Academy 2013, la giornata di studio e formazione in calendario il prossimo 16 ottobre a Bologna. Si tratta di un evento organizzato da A.I.A.G.A. (Associazione Italiana Gestori auto Aziendali), Econometrica e dalla Fondazione Alma Mater dell’Università di Bologna che si svolgerà presso Villa Gandolfi Pallavicini. La partecipazione a questa giornata è gratuita e riservata a tutti coloro che si occupano di gestione dei veicoli aziendali. Numerose sono già state le adesioni da parte dei fleet manager. Oltre alle tre sessioni di studio, durante tutta la giornata saranno presenti anche gli sponsor dell’iniziativa che esporranno nel giardino antistante la Villa le proprie vetture. Alla ripresa dei lavori dopo la pausa per la colazione vi sarà la presentazione del libro “Trasferte, rimborsi e fringe benefit” a cura dell’autore Stefano Sirocchi. Seguirà l’assemblea A.I.A.G.A. durante la quale verrà effettuato un collegamento video con NAFA, la più importante associazione americana dei fleet manager, e verranno consegnati gli attestati ai partecipanti al corso di formazione permanente “Fleet e mobility manager: sviluppo di capacità manageriali” organizzato da A.I.A.G.A., Econometrica e dalla Fondazione Alma Mater dell’Università di Bologna.

image


Il car sharing aziendale
Ritornando ai temi fondamentali che verranno trattati nel corso della giornata di studio, il primo ad essere affrontato sarà, come si è detto, il car sharing aziendale. Infatti, sull’onda della crescita di esperienze di car sharing in molte città europee, cresce l’interesse per questa formula di utilizzo delle auto anche da parte delle aziende che ora gradualmente stanno cominciando a scoprire questa nuova soluzione per le loro esigenze di mobilità. Il car sharing aziendale è una soluzione che, come è noto, prevede la condivisione delle auto aziendali da parte dei dipendenti ed è in ascesa perché consente all’azienda di ottenere numerosi vantaggi sia in termini di efficienza che di risparmio che in termini ambientali. Inoltre, in un’epoca in cui gli stipendi per i dipendenti sono rimasti fermi, il car sharing permette di offrire ai dipendenti alcuni benefici come parte del pacchetto retributivo. Per questo le prospettive di crescita del car sharing per il mercato delle flotte aziendali appaiono abbastanza buone con molte realtà aziendali che stanno già praticando esperienze di questo tipo o hanno intenzione di farlo. Nel corso della Fleet Manager Academy 2013 sarà possibile, attraverso la presentazione dei risultati della rilevazione condotta dal Centro Studi Auto Aziendali durante un’apposita tavola rotonda, averne un’evidenza particolare così come avere un quadro generale dello stato attuale e del potenziale di sviluppo di questo settore della mobilità aziendale.

image

Le alimentazioni alternative per le flotte
La seconda sessione della mattinata sarà, invece, dedicata alle alimentazioni alternative per le flotte. I vantaggi che queste tipologie di alimentazione possono offrire anche alle aziende sono sia di carattere ecologico che economico, eppure, le auto a metano e a Gpl sono ancora scarsamente diffuse all’interno delle flotte. Solo il 2,1% delle auto aziendali, infatti, secondo i dati forniti da Aniasa, l’associazione nazionale delle società di noleggio, possiede un’alimentazione a metano o Gpl. Questo nonostante il numero di modelli di auto bifuel cominci ad essere interessante e comunque in rapida ascesa. Probabilmente, i principali ostacoli che limitano la diffusione del metano in ambito aziendale sono, da un lato, la scarsa diffusione sul territorio di distributori, soprattutto al centro-sud e dall’altro, la contrarietà delle società di noleggio a lungo termine che ritengono che le auto a metano abbiano un minor valore residuo. Le alimentazioni alternative per le flotte sarà, dunque, il tema della seconda sessione durante la quale, oltre ad una tavola rotonda che prevede la partecipazione di esperti del settore e di alcuni fleet manager, verrà presentata anche una rilevazione che metterà in luce lo scenario internazionale del mercato flotte accompagnata da alcune interviste ad aziende già utilizzatrici di vetture a metano o Gpl che testimonieranno i numerosi vantaggi che l’utilizzo di queste tipologie di alimentazione hanno comportato in termini di competitività ed efficienza.

image

La telematica al servizio delle flotte
Nel pomeriggio si terrà la sessione dedicata alla telematica al servizio delle flotte. Si tratta di un tema di grande interesse come è emerso anche nel corso della settima round table organizzata lo scorso 18 giugno dal Centro Studi Auto Aziendali durante la quale è stata presentata l’indagine pilota sulla telematica che ha rivelato che, per ottimizzare l’efficienza e gestire la propria flotta, il 76% delle aziende utilizza dispositivi telematici. Dallo studio è emerso, inoltre, che le soluzioni telematiche più diffuse sono quelle che riguardano la mobilità, come il monitoraggio dei Km percorsi (53%) e il monitoraggio del consumo di carburante (43%). Un ulteriore dato che l’indagine ha rivelato è quello dello scarsissimo utilizzo dei cosiddetti dispositivi “black box” a bordo delle auto aziendali (5%). Tale aspetto sarà indagato in maniera più approfondita nella rilevazione del Centro Studi Auto Aziendali che verrà presentata durante questa sessione e consentirà di capire quali sono i motivi che limitano l’utilizzo della black box e quali sono le prospettive per la telematica.

Trasferte, rimborsi e fringe benefit

Durante Fleet Manager Academy 2013 è prevista la presentazione del libro edito da Il Sole 24Ore “Traferte, rimborsi e fringe benefit” a cura dell’autore Stefano Sirocchi, dottore commercialista che si occupa di consulenza tributaria e del lavoro e socio dello studio Sirocchi & Associati. Il libro, che verrà presentato nel primo pomeriggio, è ormai giunto alla quinta edizione. Si tratta di un volume molto interessante per i fleet manager che, sempre più spesso, si occupano anche di gestire l’area “travel”. Infatti, l’autore analizza la disciplina delle imposte dirette, dell’Iva e gli aspetti amministrativi e contabili relativi alla gestione di rimborsi spese e trasferte nei confronti di dipendenti, collaboratori, amministratori, tirocinanti e professionisti; di erogazioni liberali, ticket restaurant, auto, telefoni cellulari, prestiti a dipendenti e altri fringe benefit. Scopo del volume è, da un alto, quello di esaminare il vantaggio fiscale in capo all’azienda, dall’altro, quello di essere una guida per evitare errori o contestazioni da parte del Fisco. Di particolare interesse per il mondo delle flotte sono i capitoli che analizzano l’inquadramento fiscale dell’auto aziendale concessa ai dipendenti ma anche agli amministratori o ai collaboratori.