Trattamento fiscale per auto concesse da luglio 2020

di Stefano Sirocchi

FISCO E DINTORNI – L’ESPERTO RISPONDE
Rubrica a cura di Stefano Sirocchi, dottore commercialista

QUESITO: Qual è il trattamento fiscale di un’auto in NLT consegnata all’azienda ad agosto 2020 e concessa in benefit al dipendente nello stesso mese?

Le auto concesse al dipendente in uso promiscuo a decorrere dal 1° luglio 2020 seguono un regime fiscale differenziato a seconda se sono state immatricolate prima o dopo questa data. In particolare, l’amministrazione finanziaria ritiene che con la locuzione “nuova immatricolazione” il legislatore abbia voluto intendere gli autoveicoli, motocicli e ciclomotori immatricolati dal 1° luglio 2020, e di conseguenza la nuova disciplina si applica solo se l’autovettura è stata immatricolata a partire da questa data.

In questi casi, il fringe benefit imponibile in capo al dipendente verrà quantificato in relazione al livello delle emissioni di Co2 del veicolo. Ad esempio, se i valori di emissione di anidride carbonica non sono superiori a 60 g/km, si considera il 25% dell’importo corrispondente al costo chilometrico calcolato sulla percorrenza convenzionale di 15.000 desumibile dalle tabelle ACI. Viceversa, se l’auto è stata immatricolata in data antecedente al 1° luglio 2020 e consegnata all’azienda successivamente a questa data, secondo l’agenzia delle Entrate si applicano i principi generali sulla determinazione del reddito di lavoro.

Nel caso dell’assegnazione in uso promiscuo, “il benefit dovrà essere fiscalmente valorizzato per la sola parte riferibile all’uso privato dell’autoveicolo, motociclo o ciclomotore, scorporando quindi dal suo valore normale, l’utilizzo nell’interesse del datore di lavoro”.

CHIEDI AGLI ESPERTI