Trasporto merci, ancora lontani i livelli pre-Covid

Il trasporto merci non ha ancora raggiunto gli standard pre-crisi. Il livello di attività del settore è infatti ancora notevolmente inferiore rispetto all’attività precedente il periodo della pandemia.

Abbiamo scritto nei giorni scorsi di come la mobilità commerciale delle flotte sia in ripresa all’indomani della fase emergenziale più acuta della pandemia da Covid-19 (clicca qui per leggere l’intervista a Fabio Saiu, Leasing and Renting European Director di Geotab). Dai più recenti dati della dashboard di Geotab e Webfleet Solutions (aggiornati al 24 luglio) emerge infatti che l’attività dei veicoli commerciali sta gradualmente tornando alla normalità e sta raggiungendo i livelli di mobilità pre-COVID.

Tuttavia vi è anche da segnalare che il trasporto merci vive ancora una fase di difficoltà, testimoniata dal fatto che il comparto non ha ancora raggiunto gli standard pre-crisi. Con Marco Federzoni, Sales Director Italy Webfleet Solutions, abbiamo approfondito questi aspetti.

Il trasporto merci non ha ancora raggiunto gli standard pre-crisi

Dottor Federzoni, quali settori hanno ripreso le loro attività più velocemente e quali invece hanno fatto più fatica?

Marco Federzoni, Sales Director Italy Webfleet Solutions

“Per quanto riguarda il contesto italiano, il livello di recupero complessivo si attesta intorno al 98%, con piccoli e graduali miglioramenti settimanali. L’attività dei veicoli commerciali si è quindi quasi completamente ripresa“.

“Secondo quanto emerge dai dati, il settore delle costruzioni italiano è quello che sta recuperando più velocemente raggiungendo – e in alcuni momenti superando – i livelli di mobilità pre-COVID. Il trasporto merci, invece, non ha ancora raggiunto gli standard pre-crisi e si attesta attualmente intorno al 90%“.

“Il livello di attività del settore del trasporto merci è ancora notevolmente inferiore rispetto all’attività pre-COVID durante il fine settimana”.

Leggi anche: Geotab e Webfleet insieme per la mobilità commerciale

Quali sono le vostre considerazioni a proposito dei dati che avete rilevato?

“L’attività di trasporto commerciale riporta una comparazione settimanale rispetto ai livelli base pre-COVID-19 per fornire un indicatore preciso e costantemente aggiornato dello stato e del livello di ripresa del settore”.

“Nel complesso, la dashboard ha registrato un andamento positivo per quanto riguarda la ripresa dell’attività delle flotte in Europa e Nord America. Da quando abbiamo lanciato la dashboard a maggio, abbiamo assistito a una crescita costante, settimana dopo settimana, in tutti i Paesi. Data la gravità della pandemia, è stato uno sforzo notevole da parte della catena di fornitura globale e dell’industria”.

“L’analisi delle ultime settimane mostra che l’attività commerciale in Europa ha registrato una ripresa significativa, ma graduale rispetto al periodo della pandemia. I dati del confronto delle ultime settimane mostrano che la curva si sta stabilizzando, con una percentuale di ripresa dell’attività dei veicoli commerciali intorno al 90%. Per quanto riguarda il contesto italiano, il livello di ripresa si attesta intorno al 98%, con piccoli e graduali miglioramenti settimanali registrati”.

“Vediamo che l’attività della flotta commerciale può agire come un forte barometro economico, utilizzato per aiutare a informare la politica, la gestione e le previsioni a livello macro e locale.”

“A livello europeo, l‘Italia è tra i Paesi più avanzati nella fase di recupero tra quelli considerati nell’analisi, preceduta solo da Germania e Francia rispettivamente in prima e seconda posizione. Spagna e Regno Unito sono i Paesi con maggiori difficoltà di recupero”.

Leggi anche: La riscossa della mobilità commerciale: operatività delle flotte in ripresa