“Traffico negli aeroporti vicino al livello del 2019”

Lo certifica un’analisi realizzata da Targa Telematics: nei primi sei mesi del 2022 scali italiani all’85% di attività rispetto al pre-pandemia

Gli aeroporti italiani si avvicinano al livello di attività che ha contraddistinto l’anno 2019, l’ultimo periodo pre-pandemico. La conferma arriva anche dall’analisi sui dati di utilizzo orario dei mezzi aeroportuali compiuta da Targa Telematics, tech company specializzata nello sviluppo di soluzioni IoT per la mobilità connessa e che oltre due milioni di asset, inclusi i veicoli che operano all’interno delle aree degli aeroporti.

OTTIMI RISULTATI A MAGGIO

Se si prende in esame la media mensile delle ore di operatività di ogni singolo veicolo, si nota che le attività aeroportuali italiane nei primi sei mesi dell’anno sono complessivamente all’85% dello stesso periodo del 2019. Dopo i mesi di marzo e aprile – che hanno segnato rispettivamente delle buone performance (rispettivamente a circa il 90% e 91% del marzo e aprile 2019), si è registrata una particolare accelerazione nel mese di maggio 2022, che tocca addirittura il 96% dell’operatività totale della prima metà del 2019.

ALLO STESSO LIVELLO DEGLI AEROPORTI INGLESI

Rilevante la crescita rispetto al 2021, contraddistinto in generale da maggiori restrizioni causa emergenza sanitaria. La crescita delle attività degli aeroporti nei primi sei mesi del 2022 è addirittura di quasi il +100% rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente.  Gli aeroporti italiani risultano, inoltre, operativi tanto quanto quelli inglesi – da sempre considerati un punto di riferimento dal punto di vista del traffico e della presenza di passeggeri – che confermano anche loro nei primi sei mesi del 2022 di essere a circa l’84% di operatività rispetto allo stesso intervallo di tempo del 2019.