Traffico: in coda i livelli di smog sono più alti del 40%

Quando si rimane in coda dentro l’autoveicolo, o fermi a un incrocio, i livelli di inquinamento all’interno delle auto sono fino al 40% superiori rispetto all’esterno. In altre parole, l’automobilista è esposto ad una quantità maggiore di sostanze inquinanti rispetto a quella che subiscono i pedoni. A rivelarlo è una recente ricerca pubblicata sulla rivista inglese “Environmental Science: Processes & Impacts”. 

Secondo gli autori della ricerca, ciò accade perché le emissioni degli autoveicoli impiegano più tempo a disperdersi nei centri abitati e finiscono per accumularsi nell’aria sia negli incroci sia quando tante auto si ritrovano in coda. 

Lo studio ha anche sottolineato che, in questi casi, l’esposizione più alta allo smog si ottiene tenendo i finestrini dell’auto abbassati. “Quando è possibile e se le condizioni meteo lo permettono – spiegano gli autori della ricerca – il modo migliore per limitare l’esposizione allo smog quando si è fermi in coda o a un semaforo all’interno di un veicolo è quello di chiudere i finestrini e spegnere l’aria condizionata, cercando anche di aumentare la distanza con l’auto che precede. Se il condizionatore deve restare acceso la cosa migliore è avere l’aria che ricircola nell’auto, e non che viene presa dall’esterno”.