Super ammortamenti: come calcolarli e i loro effetti

di Davide De Giorgi

Con la Circolare n. 23, del 26 maggio 2016, l’Agenzia delle Entrate ha fornito importanti chiarimenti in ordine all’applicazione pratica dell’agevolazione fiscale che prevede una maggiorazione, ai soli fini fiscali, del 40% del costo di acquisizione di beni strumentali nuovi, effettuati da imprese e professionisti a partire dal 15 ottobre 2015, e fino al 31 dicembre 2016. Com’è noto, il Legislatore ha esteso i c.d. super ammortamenti anche alle auto aziendali. Di seguito si ripropone l’esempio pratico analizzato dal documento di prassi richiamato, con specifico riferimento alle modalità di calcolo e all’incidenza dell’agevolazione nel caso di acquisto di auto aziendale del valore di euro 20.000 al netto di Iva.
Auto aziendali: il caso pratico

Poniamo il caso che il 1° gennaio 2016 sia stata consegnata ad una impresa un’autovettura acquistata in proprietà per un costo pari ad euro 20.000. L’autovettura entra subito in funzione, non viene utilizzata esclusivamente come bene strumentale e non viene assegnata in fringe benefit al dipendente, subendo quindi le limitazioni fiscali ordinarie previste per le auto aziendali. Poiché il costo massimo deducibile, ai sensi dell’Art. 164 del Tuir, resta comunque pari al 20% di euro 18.075,99, la deduzione massima consentita per un’auto aziendale del costo di euro 20.000 al netto di Iva, è pari al 20% di euro 18.075,99 + il 40%, ovvero il 20% di euro 25.306,39. Il costo complessivamente deducibile passa da euro 3.615,2 a euro 5.065,28.
Il beneficio fiscale effettivo
Pertanto, l’importo complessivo annualmente deducibile sarà pari a:
•    euro 903,80 (18.075,99 x 25% x 20%) relativi alla quota di ammortamento ordinariamente deducibile;
•    euro 361,52 (7.230,40 x 25% x 20%) relativi alla maggiorazione.

Conclusioni
Il cosiddetto super ammortamento del 40%, come confermato anche dall’Agenzia delle Entrate, agevola tutte le autovetture aziendali e dei professionisti il cui regime è regolato dall’articolo 164 del Tuir, compresi dunque i veicoli in fringe benefit o strumentali. Per questi ultimi, però, il super ammortamento si calcola ordinariamente, maggiorando cioè del 40%  l’intero costo del bene e senza necessità di particolari calcoli. Per le auto aziendali assegnate ai dipendenti in benefit il costo deducibile è pari al 20%. Nell’esempio: 20.000 euro + 40% = 28.000 euro x 70% = 19.600 euro di costo deducibile.