Sterrato o asfalto non cambia, Fiat 500X è sempre un crossover vincente

di Gennaro Speranza

Cinque giorni, 4 ragazze e 910 km da percorrere insieme a bordo di una Fiat 500X lungo la Via Francigena, la storica direttrice europea percorsa per secoli da migliaia di pellegrini in viaggio verso Roma.

È l’iniziativa realizzata da Auto Aziendali magazine e Kamel Film, in collaborazione con Fiat, che si è svolta dall’8 al 12 aprile e che ha visto come protagonista il crossover di punta di casa Fiat percorrere un itinerario a tappe lungo alcuni dei luoghi più suggestivi del nostro Paese.

Da sinistra: la cantante Lisa Brunetti, l’attrice russa Kateryna Aresi e le due giornaliste Gilda Dota e Valentina Lo Surdo

QUATTRO SIGNORE A BORDO

A bordo della vettura vi era un equipaggio composto da due giornaliste (l’esperta di motori Gilda Dota e la reporter di viaggi Valentina Lo Surdo), affiancate da due speciali testimonial (la cantautrice bolognese Lisa Brunetti, in arte “Helle”, e l’attrice russa Kateryna Aresi). Il viaggio è cominciato da Saint Oyen (in Valle d’Aosta) l’8 aprile e, seguendo un lungo itinerario che ha previsto come mete intermedie Montonero, Pavia, Chignolo Po, Fiorenzuola d’Arda, Berceto, Pontremoli, Lucca, Monteriggioni, Radicofani e Bolsena, è terminato a Roma il 12 aprile.

Nel corso delle varie tappe le protagoniste di questo viaggio hanno avuto modo di incontrare anche alcuni fleet manager di importanti realtà aziendali del nostro Paese. L’obiettivo del viaggio è stato infatti quello di testare la vettura sia con riferimento agli impieghi privati che all’utilizzo nelle flotte aziendali, anche raccogliendo le opinioni dei fleet manager incontrati lungo il percorso, che avevano provato la 500X.

Claudio Grasso, fleet manager del Gruppo Iren

INCONTRI DI LAVORO

Nel corso della prima tappa, da Saint Oyen fino a Montonero (vicino Vercelli), l’equipaggio ha subito testato l’anima “crossover” della Fiat 500X, sperimentandone l’uso su un mix di strade panoramiche tra sterrati, piste offroad e percorsi urbani ed extraurbani molto suggestivi.

Proprio a Montonero è avvenuto il primo dei tre incontri previsti con un fleet manager durante questo speciale viaggio, quello con Claudio Grasso, fleet manager della società di multiservizi Iren. Grasso ha raccontato alle 4 ragazze del team che il Gruppo Iren annovera nella propria flotta una trentina di Fiat 500X, vetture che vengono prevalentemente utilizzate dai dipendenti di Iren per gli spostamenti tra le diverse sedi dell’azienda, favorendo così l’uso collettivo e condiviso dell’auto.

INFOTAINMENT PROTAGONISTA

Il viaggio è quindi proseguito prima lungo la direttrice Montonero-Fiorenzuola D’Arda (seconda tappa) e poi da Fiorenzuola fino a Lucca (terza tappa). Nel corso di queste tappe le quattro ragazze del team hanno avuto modo di sperimentare le tante funzionalità previste dal nuovo sistema di connettività e infotainment UConnect 7’’ HD Live che contraddistingue la Fiat 500X, un sistema che è dotato di un’interfaccia Bluetooth con viva voce, streaming audio, sistema di navigazione TomTom 3D, lettore di Sms e riconoscimento vocale. Il sistema garantisce la totale integrazione con lo smartphone grazie alla funzionalità Apple Car Play e Android Auto.

Connettività vuol dire però anche sicurezza, con i servizi telematici Mopar Connect che sono disponibili su richiesta sulla Fiat 500X e gestibili tramite l’applicazione UConnect Live. Tra i più importanti si segnalano l’assistenza stradale, il soccorso in caso di incidente e la possibilità di controllare da remoto la funzione di blocco/sblocco delle porte. Inoltre è possibile la geolocalizzazione del veicolo a seguito di furto e da remoto si può anche rilevare il superamento di una data soglia di velocità, l’uscita da una zona in precedenza delimitata sulla mappa e le informazioni sullo stato della vettura (livello carburante, carica batteria, pressione pneumatici).

Nella quarta tappa, da Lucca fino a Radicofani (vicino a Siena), si è parlato molto di sicurezza e di sistemi di assistenza alla guida, che tra l’altro sono molto presenti sulla Fiat 500X. In particolare sono da citare due nuovi sistemi offerti di serie su tutte le versioni: il Traffic sign recognition, che riconosce i segnali stradali, e lo Speed advisor, che consente al driver di adattare con un semplice click la propria velocità di marcia ai limiti stradali riconosciuti, evitando così le multe per eccesso di velocità.

Inoltre, è di serie il sistema di mantenimento automatico della corsia (Lane Assist) mentre sono disponibili su richiesta: il sistema di ausilio durante i cambi di corsia per coprire anche gli angoli ciechi (Blind Spot Alert), il Safety Distance Manager (ACC) che adatta la velocità della vettura a quella del traffico e alla distanza del veicolo che precede e il sistema di frenata assistita (Autonomous Emergency Brake). Di sicurezza si è parlato con la fleet manager Antonella Donati (Eli Lilly Italia), che ha raggiunto l’equipaggio a Monteriggioni per parlare della propria esperienza di gestione della flotta in particolare in termini di sicurezza e di come sia possibile ridurre i rischi per i driver aziendali.

Antonella Donati, fleet manager di Eli Lilly Italia

VERSO LA CAPITALE

Lasciata la Toscana, l’equipaggio a bordo della Fiat 500X ha infine raggiunto il Lazio approdando a Roma, destinazione finale del viaggio, con una doppia sosta: la prima sul belvedere di Monte Mario, la seconda in Via della Conciliazione, di fronte a Piazza San Pietro. Proprio a Monte Mario è avvenuto l’incontro con un altro fleet manager: Michele Amici, consigliere di A.I.A.G.A (l’Associazione Italiana di Acquirenti e Gestori di Auto aziendali) e fleet manager di esperienza pluriennale. Amici ha sottolineato in particolare come la Fiat 500X sia stata inserita sin da subito nella car list del suo parco auto.

“È un’auto che riesce a soddisfare le varie esigenze del driver: sicurezza, comfort, ma soprattutto versatilità di utilizzo, essendo una vettura che si presta sia per i fini aziendali che personali”. “È stata una esperienza fantastica”, ha commentato l’esperta di motori Gilda Dota alla fine del viaggio. “Ci siamo divertite a percorrere ogni tipo di strada alla guida di questo crossover Made in Italy. Il tutto in un contesto di grande armonia tra natura incontaminata, luoghi d’arte, musica e canto. E se si volesse rifare questo viaggio noi saremmo ssolutamente disponibili!”.

Le ragazze del team a bordo della Fiat 500X insieme a Michele Amici (a destra), fleet manager e consigliere di A.I.A.G.A.