Stellantis in “Pole Position” per l’e-mobility

Parte il progetto “Pole Position” sviluppato da Stellantis con Unasca. Obiettivo del progetto è supportare gli istruttori delle scuole guida nel diffondere la cultura dell’e-Mobility presso i neo-patentati.

Diffondere tra i giovani che si stanno avvicinando per la prima volta al volante di una vettura attraverso gli istruttori delle scuola guida i concetti di una nuova mobilità, attenta alle esigenze delle persone che si devono spostare in modo sostenibile, soprattutto nei centri urbani. Questo l’obiettivo del progetto Pole Position sviluppato da Stellantis con Unasca (Unione Nazionale Autoscuole, Studi di Consulenza Automobilistica).

pole position by stellantis

FORMARE I GUIDATORI DI DOMANI

L’iniziativa è suddivisa in più fasi che coinvolgeranno dapprima i formatori di Unasca, quindi le autoscuole e infine i giovani che stanno per sostenere l’esame di guida. Oltre 3.000 gli istruttori interessati dal progetto che contribuiscono al conseguimento di circa 1 milione di patenti e al rinnovo di altre 3 milioni di patenti ogni anno.

“Il progetto Pole Position – spiega Roberto Di Stefano, e-Mobility Stellantis – è un nuovo tassello delle numerose attività che abbiamo avviato per diffondere la cultura dell’e-Mobility presso i giovani, in particolare tra chi sta avvicinandosi alla guida. E sapendo che, per forza di cose, già il futuro immediato della mobilità sarà sempre più elettrico, è fondamentale indirizzare i neo-patentati verso una guida più responsabile e sostenibile”.

“La preziosa formazione dei futuri conducenti in Autoscuola – spiega Emilio Patella, Unasca Centro Studi Cesare Ferrari – contribuirà a trasferire nozioni, capacità e sicurezza alla guida sfruttando le nuove tecnologie green, affiancate agli innovativi dispositivi di sicurezza stradale”. 

Leggi anche: FCA - Speciale 2021