Società di noleggio responsabile in solido per le multe del cliente – Gli esperti rispondono

di Carla Brighenti e Davide De Giorgi

QUESITO: La società di noleggio è responsabile delle violazioni al Codice della Strada commesse dal proprio cliente? 

 

Una recente pronuncia della Corte di Cassazione ha modificato l’orientamento giurisprudenziale che tendeva ad escludere qualsiasi responsabilità delle società di noleggio per le infrazioni commesse al Codice della Strada da parte dei propri clienti. Più nel dettaglio, con l’ordinanza n. 1845, depositata in cancelleria in data 25 gennaio 2018, la Suprema Corte ha interpretato in maniera “dinamica” il combinato disposto degli articoli n. 196 e n. 84 del Cds stabilendo, tenuto conto della ratio complessiva delle norme in questione, che “il locatario – società di noleggio – è un ulteriore soggetto obbligato solidalmente, oltre al proprietario (o ai soggetti equiparati) ed al conducente”.

Con il fine ultimo di riscuotere la sanzione irrogata, tale ultima interpretazione “dinamica” mette al centro del dibattito l’estensione del principio della responsabilità solidale per le multe erogate al cliente/ conducente anche alle società di noleggio, “ribaltando” di conseguenza quello che è da più di 20 anni l’orientamento giurisprudenziale e di prassi “predominante” che ha sempre ribadito che il noleggio è l’unico caso in cui responsabile della sanzione al Cds è solo il driver in quanto non esiste altro soggetto obbligato in solido.

Certo è che l’ordinanza in questione è stata emessa anche sulla base di una precedente pronuncia (Corte di Cassazione n. 18988, depositata in cancelleria in data 24 settembre 2015) che aveva già “timidamente” aperto all’estensione del vincolo solidaristico anche nei casi di noleggio, e, seppur foriera di diverse interpretazioni, è destinata ad aprire un precedente importante che tutti gli operatori del mondo automotive (soprattutto le società di noleggio) non potranno ignorare.