Skoda Fabia, agile, spaziosa e tecnologica

di Paolo Artemi

aam17-Skoda Fabia, agile, spaziosa e tecnologica

Sobria ma realizzata con grande attenzione, vanta le misure giuste per muoversi con disinvoltura in città e con il mirror link si collega lo smartphone. Motori eco a tre e quattro cilindri, benzina e diesel, cambio manuale a cinque marce.

Chi l’ha detto che le flotte debbano essere composte solo da incrociatori, portaerei e cacciatorpediniere? Ovvero, fuor di metafora, perché mai chi pensa a una flotta aziendale visualizza immancabilmente una schiera di macchinoni extralusso? In realtà nelle aziende c’è grande richiesta di vetture capaci di disimpegnarsi con successo nei tragitti casa-lavoro e viceversa. Non solo ammiraglie e affini, dunque, ma anche mezzi che una volta sarebbero stati definiti «utilitari» ma che oggi si rivelano soprattutto utili quando si tratta di parcheggiare in spazi minimi o di disimpegnarsi nel traffico con la disinvoltura negata alle auto troppo ingombranti. Proprio in base a queste considerazioni molti fleet manager stanno guardando con interesse la nuova Skoda Fabia che è nei concessionari da gennaio. Quando ci è stata offerta l’opportunità di provarla abbiamo per prima cosa dovuto scegliere la motorizzazione e l’allestimento più consone. Per quanto riguarda il propulsore, il più interessante ci è parso  quello a benzina da 1.200 centimetri cubi che eroga una potenza di 90 cavalli (la gamma offre anche tre cilindri benzina 1.0 Mpi da 60 e 75 cv, quattro cilindri 1.4 Tdi gasolio 90 cv). aam17-Skoda Fabia, agile, spaziosa e tecnologica 2La brillantezza è assicurata e la casa garantisce consumi veramente ridotti all’osso che, per una volta, spiazzano la versione a gasolio. Per quanto riguarda, invece, il livello di finiture e la dotazione di accessori l’opzione migliore è senz’altro la Style, cioè la più completa.

Piccola con grandi doti

La Fabia edizione 2015 è lunga meno di quattro metri, anche se per un pelo, ovvero meno di un centimetro. Grazie a tanta compattezza in città si circola bene e si parcheggia ancora meglio (aiutati dai sensori), anche in quei posticini che una volta erano pascolo esclusivo delle Smart. Tornati da una breve commissione osserviamo la nostra Skoda: la livrea blu elettrico rende giustizia alle sue forme tanto compatte quanto equilibrate, mentre i cerchi in lega da 16 pollici (di serie su questa versione) contribuiscono all’equilibrio stilistico dell’insieme. A proposito di ruote, siamo sicuri al 100% di averle ben gonfie: in caso contrario, infatti, i sensori di pressione ci avvertirebbero immediatamente.

 

aam17-Skoda Fabia, agile, spaziosa e tecnologica 3Lasciata la città cominciamo a goderci il ben progettato impianto audio, che diffonde musica e notizie attraverso quattro altoparlanti. Il climatizzatore si comanda in modo facile e intuitivo e non appena la strada lo consente conviene mettere in azione il cruise control per evitare di sforare il limite di 80 all’ora, fin troppo facile da infrangere su una statale scorrevole come questa. aam17-Skoda-Fabia,-agile,-spaziosa-e-tecnologica-6Anche ad andature da passeggio si apprezza la cura dimagrante che ha permesso alla Fabia di perdere più di una sessantina di chili, fatto che si traduce in una migliore guidabilità e, ovviamente, promette di riflettersi in positivo anche sui consumi. Apprezzabile il miglioramento del servosterzo, che adesso è elettro-meccanico e non più elettro-idraulico. 

 

Spaziosa e silenziosa

Anche noi viaggiamo leggeri, nel senso dei bagagli, ma questo fatto non impedisce di apprezzare la miriade di vani portaoggetti, tasche e ganci sparsi con generosità nell’abitacolo, nonché il bagagliaio da 330 litri, quasi un record per la categoria. A questo punto merita una citazione particolare il lavoro dei progettisti che si sono occupati dell’insonorizzazione, ottima anche quando si guida con brio. Senza pecche anche il cambio manuale a cinque rapporti, in attesa che venga reso disponibile l’automatico, presumibilmente nei prossimi mesi. Il dinamismo, comunque, è uno dei punti di forza della Fabia: adesso è più corta, più larga e più bassa rispetto alla versione che l’ha preceduta, e si sente. 

aam17-Skoda Fabia, agile, spaziosa e tecnologica 4Sul fronte della tecnologia, la vera chicca è il Mirror link, l’interfaccia che permette di connettersi con l’auto attraverso il proprio smartphone, che si può così gestire con il touch display centrale. Due applicazioni consentono poi a chi guida di visualizzare e memorizzare una serie di dati supplementari rispetto a quelli forniti dal computer di bordo. Approfittiamo di una tale messe di informazioni per fare il consuntivo dei consumi. La Skoda fornisce il dato indicativo di circa 21 chilometri con un litro, noi con un po’ di città, statali varie e un bel pezzo di autostrada abbiamo fatto i 17 stando attenti a non strafare ma anche senza usare accorgimenti da economy run. Vi pare poco? Tenete presente che quasi sempre i consumi dichiarati dalle case automobilistiche sono ottenuti su percorsi-laboratorio lontanissimi dalle condizioni in cui si guida nella realtà di tutti i giorni. 

 

aam17-Skoda Fabia, agile, spaziosa e tecnologica 5Personalità su misura

Infine un consiglio ai fleet manager. La nuova Fabia può essere ordinata anche con il tetto di colore diverso da quello della carrozzeria e si può giocare pure con la tavolozza di specchietti e cerchi. Non cadete in tentazione, non pensateci neanche, puntate su una tinta e stop: immaginate che Babele si potrebbe creare se ogni collaboratore cominciasse a dirvi «io la vorrei blu ma con il tetto bianco, gli specchi così, i cerchi cosà…».