Advertisement

Renault Zoe, la piccola elettrica dalla grande personalità

di Gennaro Speranza

La terza generazione di Zoe, la city car 100% elettrica di Renault, vanta un design più deciso, un’autonomia fino a 396 km e un concentrato tecnologico da far invidia ai modelli dei segmenti superiori. Due i livelli di motorizzazione: R110 da 80 kW o R135 da 100 kW di potenza.

Oltre 170.000 unità vendute in 50 Paesi, una quota nel suo segmento pari al 18,2%, record di vendite in Italia con circa 4.000 unità immatricolate dal lancio. Parliamo della Renault Zoe, la best seller del costruttore francese sul fronte delle Zev (Zero Emission Vehicles).

La terza generazione della Zoe, che è stata presentata in anteprima in Italia a Matera lo scorso novembre con un test drive dedicato alla stampa sulle strade lucane e pugliesi, si presenta ora sul mercato con un restyling profondo che aggiorna forma, linee, motori e tecnologie di bordo.

UN DESIGN DECISO

Partendo dal design, la terza generazione presenta un carattere più riconoscibile grazie a forme più dolci, con il frontale totalmente nuovo, il cofano scolpito e la losanga più grande e rialzata. Rimangono invece invariate le dimensioni, che sono le stesse dalla generazione precedente (lunga 4,08 metri, larga 1,73). Da segnalare i nuovi fari Full LED, anteriori con firma luminosa C-shape, posteriori con indicatori di direzione dinamici.

Internamente la rivoluzione del design è ancora più marcata e riprende l’evoluzione già vista sulla nuova Renault Clio: la strumentazione è totalmente digitale e il sistema centrale supporta uno schermo fino a 9,7 pollici con sistema Easy-Link. I tessuti che rivestono sedili e portiere sono riciclati al 100% da scampoli tessili provenienti dall’industria automobilistica e fibre di poliestere derivanti dal riciclo di bottiglie di plastica (PET). È stata migliorata anche l’insonorizzazione, grazie ad un nuovo parabrezza acustico e all’utilizzo di materiali hi-tech.

MASSIMO COMFORT

Il posto di guida è concepito per garantire il massimo comfort, con un driver display da 10’’ HD sul quale vengono visualizzate tutte le informazioni e i parametri di guida elettrica. È da sottolineare inoltre come l’abitacolo della nuova Renault Zoe sia ancora più confortevole e pratico, con numerosi vani portaoggetti (c’è anche il wireless charger per la ricarica del proprio smartphone) ed una buona spaziosità per tutti gli occupanti.

Anche il bagagliaio, con i suoi 338 litri di capacità di carico (che diventano 1.225 con i sedili reclinati), offre uno spazio del tutto soddisfacente.

AUTONOMIA RECORD

Al di là del design che guadagna in personalità, la grande novità della nuova Renault Zoe riguarda l’autonomia, che è notevolmente aumentata rispetto alle generazioni precedenti. Se la prima e la seconda Zoe lanciate rispettivamente sul mercato nel 2012 e nel 2016 potevano percorrere al massimo 250 km e 300 km (ancora troppo pochi per una certa fascia di clientela), ecco che la nuova Zoe riesce a percorre quasi 400 km con una sola ricarica grazie a una batteria agli ioni di litio da 52 kWh.

La batteria può essere ricaricata a corrente continua fino a 50 kW (così da recuperare 150 km di autonomia in circa mezz’ora) oppure grazie al caricatore Caméléon per ricarica a corrente alternata da 11 kW (in questo caso si riesce a ricaricare completamente l’auto in circa 5 ore) per arrivare fino alla ricarica fast-charge da 22 kW (in questo caso il “pieno” di elettroni richiede circa 2 ore e mezza). Realizzata su una nuova piattaforma, la nuova Renault Zoe è proposta in due livelli di motorizzazione: il motore da 80 kW (R110), introdotto un anno fa sulla generazione precedente, e una nuova variante da 100 kW (R135) con prestazioni di un certo livello (80 – 120 km/h in 7,1 secondi) e una motricità elevata anche in condizioni di scarsa aderenza.

UNA NUOVA MODALITÀ DI GUIDA

Altra grande novità della nuova Zoe è l’introduzione di una nuova modalità di guida, denominata “B-mode”, che semplifica notevolmente la circolazione anche nel traffico cittadino. Con la modalità “B-mode” la vettura amplifica l’effetto del freno rigenerativo e rallenta in modo da non dover quasi premere sul pedale del freno, con la conseguenza di conservare energia utile a preservare l’autonomia di percorrenza. Durante la prova su strada questa modalità di guida ci ha decisamente convinto e a nostro avviso rappresenta la giusta direzione per l’ottimizzazione dei consumi.

TANTA TECNOLOGIA

Accanto alla modalità di guida “B-mode”, ci sono poi altre numerose tecnologie che semplificano la guida della nuova Zoe. Sono da citare a questo proposito i sistemi Adas di ultima generazione, che comprendono il Traffic Sign Recognition (riconoscimento segnaletica stradale) l’Automatic High Low Beam (commutazione automatica abbaglianti-anabbaglianti) e il Blind Spot Warning (sensore angolo morto). In ottica sicurezza, spiccano l’Over speed limit (allerta superamento limite di velocità), l’Automatic Emergency Braking (frenata automatica d’emergenza), il Lane Departure Warning (avviso superamento linea di corsia) e il Lane Keep Assist (assistenza mantenimento corsia). Da segnalare, inoltre, anche l’Easy Park Assist e i sensori parcheggio anterioriposteriori- laterali.

GAMMA E PREZZI

La nuova Renault Zoe è disponibile con nuovi cerchi ruota e inediti colori per la carrozzeria: Blue Céladon, Rosso Passion e Bianco Quarzo. Quattro invece i livelli di allestimento per l’Italia: Life, Zen, Intens, Edition One. I prezzi vanno dai 25.900 euro della versione entry level Life Flex con batteria a noleggio (che diventano 34.100 euro in caso di scelta di batteria di proprietà) e raggiungono i 39.500 con la top di gamma Edition One (batteria di proprietà inclusa).