Più plastica nel futuro dell’auto, per contenere i consumi

Le modifiche alle normative in merito ai consumi e alle emissioni, destinate in futuro a diventare sempre più stringenti, finiranno per influenzare anche e significativamente il modo in cui le nuove vetture verranno costruite.

Come è possibile, dunque, raggiungere gli obiettivi imposti dalle normative in fase in fase di implementazione? Un recente studio degli analisti di IHS Markit, società americana che fornisce servizi di informazione e analisi, suggerisce come la via migliore per ottenere questi risultati sia l’utilizzo, nelle autovetture, sempre maggiore di materia plastiche e di compositi di nuova generazione. In particolare, secondo IHS Markit, nel 2020 ogni automobile utilizzerà in media 350kg di parti in plastica, contro i 200 kg utilizzati del 2014. Si tratta di una soluzione, sottolineano gli analisti, che permetterà costi di produzione più bassi e anche una maggiore efficienza nei cicli industriali.