Panoramica novità

Renault Laguna MY 2011




Con un frontale più seducente, grazie alla nuova calandra e ai nuovi gruppi ottici più slanciati, e nuovi ambienti interni, Nuova Renault Laguna acquisisce una personalità più coerente rispetto alle sue performance dinamiche. La struttura delle gamma permette, oggi, di avere anche nella versione base l’alta tecnologia di serie. Per quanto riguarda il look esterno, Nuova Renault Laguna MY 2011 si presenta nelle versioni 4 CONTROL con nuovi cerchi in lega da 18” che le conferiscono senza dubbio un aspetto più moderno ed accattivante. Le motorizzazioni eco2 si distinguono per il rispetto dell’ambiente, come il dCi 110, ad esempio, che emette soltanto 120 g/km di CO2.





Jeep Nuovo Grand Cherokee




Nel giovane gruppo Fiat-Chrysler, il brand Jeep continuerà a rivestire un ruolo strategico, e un ruolo di spicco continuerà a rivestire il Grand Cherokee. La nuova serie dell’ammiraglia, fra i Suv della marca che è sinonimo di fuoristrada, ha da poco debuttato sul mercato ma, per il momento, soltanto con due propulsori, V6 da 286 CV e V8 da 352, ottimi per i clienti americani; per quelli italiani arriverà un potente turbodiesel nel corso dell’anno. Il prezzo d’entrata della lussuosa versione Overland (poco più di 52mila euro) con il V6 fornisce comunque l’orientamento per immaginare il prezzo del futuro TDI.





Audi A6




High-tech in Business Class. Si presenta così l’imminente nuova generazione della Audi A6, storicamente una protagonista dell’alto di gamma e delle flotte premium, che segue, nel design, le linee tracciate per la A8 presentata lo scorso anno, ma con una lunghezza (4,92m) di 22 cm in meno rispetto alla superammiraglia. Le tecnologie d’avanguardia sono largamente profuse nell’abitacolo, spaziosissimo, e sotto al cofano dove, al momento del lancio (le prime consegne sono previste in primavera) troveranno posto motori ottimamente calibrati per questa berlina premium: due a benzina (204 e 300 CV) e due TDI (204 e 245 CV). Cambi M tronic e S tronic, trazione anteriore oppure quattro, e prezzi a partire 48.00 euro.





Skoda Octavia wagon GreenLine




Consumo medio di 4,2l/100 e 99g/km di anidride carbonica emessa sono i dati più significativi della Skoda Octavia Wagon GreenLine. La linea verde, di nome e di fatto, della marca ceca (che è già alla seconda serie) consiste in un pacchetto di misure che consentono di abbattere i consumi senza ridurre le prestazioni che il cliente si aspetta da questa briosa familiare che vanta, come sempre, un favorevole rapporto qualità/prezzo. Questa versione della generosa station wagon di Skoda (lunghezza 4,57 m, capienza del vano bagagli da 580 a 620 l) , equipaggiata del turbodiesel 1.6 TDI common-rail da 105 CV, con filtro antiparticolato Fap, viene infatti offerta a 22.350 euro, un prezzo decisamente aggressivo.





Peugeot 508




Spalanca a Peugeot nuovi orizzonti, anche nelle flotte, la nuova 508, prima ammiraglia del nuovo secolo per la Casa del Leone. Pronta da subito con carrozzerie Berlina e SW (lunghe, rispettivamente, 4,79 e 4,81 m), la 508 interpreta pienamente il nuovo motto “motion&emotion” del brand inaugurato dalla rivoluzionaria coupè Rcz, presentandosi con un mix equilibrato fra dinamicità ed eleganza. Spaziose e funzionali (il vano bagagli della SW ha una capacità variabile fra 545 e 1.600 l) le nuove Peugeot si presentano con una scelta fra cinque motori, benzina e diesel, con potenze da 112 a 204 CV. Al debutto l’1.6 eHdi, turbodiesel da 112 CV dotato di Stop&Start. Listino a partire da 23.400 euro, 800 il differenziale fra le versioni berlina e SW.





Opel Antara




Anche il Suv compatto Antara si rinnova per adeguarsi al nuovo linguaggio stilistico di Opel inaugurato con la Insignia. Tratti più dinamici, aria di famiglia inconfondibile, l’Antara 2011 si presenta con un telaio rivisitato nell’assetto e motorizzazioni più parsimoniose contraddistinte da emissioni di CO2 sempre più virtuose. Su tutte il nuovo turbodiesel 2.2 proposto con due diverse potenze: 163 e 184 CV, abbinati a cambio manuale oppure automatico, entrambi a sei rapporti. Come per la serie precedente, Opel Antara è proposta sia a trazione integrale sia a trazione anteriore, in grado, quindi, di soddisfare esigenze diverse. Entry level la versione benzina 2.4 (167 CV) offerta a 23.500 euro.





Porsche Cayenne Hybrid




Nel panorama automobilistico mondiale la sensibilità ecologica è trasversale e anche i giganti devono inchinarsi di fronte ai sempre più severi limiti alle emissioni. Nasce così Porsche Cayenne S Hybrid, la versione più ecologica del Suv di Stoccarda giunto alla seconda generazione. Il motore termico di base è il V6, 2.995 cc, da 333 CV a 6.500 g/min., che viene abbinato a un propulsore elettrico da 34 kW, ossia 47 CV da aggiungere ai 333 per ottenere la potenza massima effettiva dell’auto. Con un peso di 2.240 kg, 140 in più rispetto alla diesel, la S Hybrid ha un consumo medio dichiarato di 8,5l/100 km di benzina. Oltre 81mila gli euro necessari per mettersi al volante di questa Porsche.




Mercedes-Benz E NGT




Mobilità sostenibile e piacere di guida si sposano felicemente sulla Mercedes Classe E 200 NGT presentata in anteprima all’ultimo Motor Show di Bologna. Unica berlina di lusso nel panorama automobilistico a montare un propulsore a doppia alimentazione benzina/metano, la nuova Mercedes-Benz dimostra che l’esclusività, tipica della Casa della Stella va perfettamente d’accordo con la sensibilità ambientale, i bassi consumi e le ridotte emissioni di CO2. Con le dovute modifiche, il propulsore 4 cilindri, 1.8 l (è quello della 200 CGI BlueEFFICIENCY), consente alla E NGT (Natural Gas Technology) di raggiungere i 224 kmh, di passare da 0 a 100 km/h in 10,4 sec. e di far registrare un consumo medio pari a 8,1 l/100 km (190 g/km di CO2).




Mazda 3 con 1.6 D Euro 5




Mazda3, completamente rinnovata nel 2009, e da quest’anno disponibile anche con carrozzeria a tre volumi, si arricchisce di un nuovo motore turbodiesel Euro 5 che completa l’offerta ecologica della popolare media della Casa di Hiroshima, un’auto che nell’affollato segmento delle medie si distingue per l’elevato rapporto prezzo-qualità La cilindrata, 1.6 l, è la stessa del motore che va a rimpiazzare, ma la potenza sale a 115 CV, ottimamente sfruttati grazie al cambio manuale a sei rapporti. Il comportamento è brioso e elastico allo stesso tempo grazie ad una coppia massima di 270 Nm sempre disponibili fra 1.750 e 2700 giri/min. che riduce sensibilmente il ricorso al cambio. Due le versioni di equipaggiamento: Active, a 20.790 euro, e Advance a 22.750.





Saab 9-4X




Il primo crossover Saab, la 9-4X, sarà in vendita in Europa a partire da agosto. Quest’auto è caratterizzata da un design avveniristico, con comfort e versatilità uniti ad una qualità di guida tipiche delle vetture del segmento premium. Tra le tecnologie di spicco c’è sicuramente il sistema di trazione integrale XWD già impiegato sulla 9-3X e sulla 9-5. Saab ha previsto di lanciare la 9-4X con due motori a benzina: un 3.0 aspirato con iniezione diretta da 270 CV e 302 Nm ed il più aggressivo 2.8 con turbina Twin-Scroll da 305 CV e 400 Nm. Entrambe le unità sono comandate da un cambio automatico a sei rapporti.





Citroen Ds4




Secondo capitolo per la nuova storia di Ds che si avvia a diventare una gamma autonoma all’interno del brand Citroen. E’ in arrivo infatti la Ds4, quasi un crossover dalle forme muscolose ma più compatto della neonata C4 (qualche centimetro in meno per una lunghezza totale di 4,27 m) con la quale condivide telaio e gran parte delle motorizzazioni fra le quali spiccano i benzina sviluppati insieme a Bmw. Della Ds3 conserva la forte personalità, frutto di soluzioni originali nel più puro stile Citroen che consentono di elaborare la vettura secondo i gusti e le esigenze del cliente. Oltre ai propulsori a benzina (120, 155 e 200 CV), la nuova Ds propone anche i turbodiesel Hdi 1.6 ( 110 CV) e 2.0 (160 CV).





Bmw Serie 6




Il rinnovamento della Serie 6 di Bmw parte dalla versione Cabrio, che conserva la classica capote in tessuto e la configurazione 2+2, con un’abitabilità accresciuta grazie alle dimensioni ancora più imponenti (lunghezza 4,89 m). Ad un’immagine di fortissimo impatto corrispondono motori all’altezza: il sei cilindri in linea, tre litri, della 640i (320 CV) e l’imponente V8, 4,4 l che equipaggia la 650i (407 CV). Per entrambi velocità massima di 250 km/h e consumo medio dichiarato, per la 640i, di 7,9 l/100 km. Prezzi adeguati per chi cerca il massimo nella guida open air: da 87.00 a 106.850 euro, e una lunghissima lista di optional indispensabili per personalizzare la propria Serie 6 Cabrio.







Lascia un commento