Opel: l’elettrificazione della gamma al centro del nuovo piano strategico PACE!

Diventare un leader europeo nella riduzione della CO2, con la prospettiva di arrivare al 2024 con una gamma di auto completamente elettrificata con propulsione elettrica pura, ibridi plug-in o motori termici mild hybrid. Sono questi i punti centrali del nuovo piano strategico “PACE!” messo a punto da Opel per il raggiungimento di livelli di eccellenza nel campo dell’ecosostenibilità. 

 

Il programma PACE!, che è stato presentato nel corso di una conferenza organizzata a Ruesselsheim, in Germania, da Michael Lohscheller (Ceo di Opel Automobile GmbH), punta a migliorare la competitività sostenibile e la crescita dell’azienda tedesca ex Gm e ora entrata nel Gruppo PSA. In particolare, Opel ha annunciato che proporrà entro il 2020 quattro modelli elettrificati, tra cui il suv Granland X PHEV e la prossima generazione Corsa, che sarà proposta anche come auto completamente elettrica. 

 

 

Inoltre, il piano prevede la rapida introduzione di due piattaforme Psa per la produzione di diversi modelli di auto nelle fabbriche Opel-Vauxhal, velocizzando il passaggio a motori pianali Psa. Più complessivamente, Opel intende ridurre entro il 2024 da 9 a 2 il numero di piattaforme che attualmente utilizza per l’assemblaggio delle auto passeggeri, mentre il numero di motopropulsori sarà tagliato da 10 a 4. Queste semplificazioni del processo produttivo consentiranno “economie di scala e contribuiranno ad accrescere la redditività”, ha spiegato Lohscheller.

 

Tra i punti nodali del programma PACE! c’è anche quello di ripristinare i fondamentali finanziari. In particolare, l’obiettivo è quello di generare un flusso di cassa positivo e un margine operativo per la divisione auto del 2% entro il 2020 e successivamente del 6% entro il 2026. Lohscheller ha anticipato anche che le sinergie con PSA permetteranno risparmi dell’ordine di 1,1 miliardi di euro entro il 2020 e di 1,7 miliardi entro il 2026.