Nuova Audi Q8, un design ricco di citazioni stilistiche

Nata per entrare nel segmento di mercato dei Suv-Coupé di lusso, la nuova Audi Q8 ha da pochi mesi debuttato sul mercato italiano portando con sé tante innovazioni sia dal punto di vista delle tecnologie di bordo (leggi qui per scoprire il suo bagaglio di sistemi di assistenza alla guida) che delle motorizzazioni (con il debutto della tecnologia Mild-Hybrid con sistema elettrico da 48 volt).

Ma nella riuscita fusione delle due anime (Suv e Coupé) nel corpo della nuova Q8 è ovviamente anche il design ad avere un ruolo decisivo, non solo per ciò che riguarda l’estetica ma anche sotto il profilo funzionale.

 

 

Sicuramente forte è il legame con le Audi più recenti come A6, A7 e l’ammiraglia A8 nel frontale, con la grande griglia ottagonale attraversata da sei listelli verticali e raccordata con i gruppi ottici per formare un possente corpo unico. Da segnalare, poi, i vetri laterali in puro stile coupé privi di cornice, così come il tetto che scende in maniera decisa verso la coda attraversata da un’unica “linea luminosa”. Tutti tratti che sottolineano la vocazione decisamente sportiva di Q8. Questa vocazione spicca anche nella parte posteriore delle fiancate della vettura dove risaltano, soprattutto nei passaruota, le linee delle spalle che ricordano la “ur-quattro”, la progenitrice di tutte le “quattro” che gareggiava negli anni ‘80 nel Campionato Mondiale Rally. 

Al di là di queste citazioni stilistiche, osservando la nuova Q8, con i suoi profili pronunciati e le superfici sportivamente tese, si ha la percezione di essere al cospetto di un’Audi assolutamente nuova che esprime sensazioni di potenza e raffinatezza al contempo.

 

Leggi anche: