Novità in primo piano

Audi TT
image
E’ il coupè autentico della Casa dei quattro anelli e, giunto alla terza serie, ritrova i muscoli delle origini, con una linea poderosa firmata dai moderni gruppi ottici a led. Trionfa l’elettronica a bordo con l’Audi Virtual Cockpit che va a sostituire il classico schermo MMI. Il frontale è dominato dalla classica griglia single frame ma si comincia a intravedere il prossimo family feeling delle auto di Ingolstadt che in futuro si distingueranno, proprio nel muso, dai Suv e crossover con la lettera Q. A motorizzare la nuova Audi TT, sportiva per veri appassionati, ci sono i propulsori al top della gamma. Motori esuberanti all’altezza del compito.
BMW Active Tourer
image
BMW Serie 2 Active Tourer è un’autentica sfida per la Casa bavarese che passa, per questo modello, alla trazione anteriore. Una prima assoluta è anche la tipologia dell’auto, monovolume, con la quale i bavaresi non si erano mai cimentati. Conservando la dinamicità delle linee tipica di tutte le Bmw, Active Tourer (lunga 4,34 m) si presenta dotata di grande versatilità, con soluzioni innovative come il divano posteriore scorrevole che consente di variare il rapporto dello spazio a bordo fra passeggeri e bagagli (il volume di carico varia da 468 a 1.500 l). Una Bmw tutta da scoprire che potrebbe conquistare un posto di tutto rilievo nelle flotte premium grazie anche ai bassi consumi dei nuovi motori tre cilindri.
Citroën Cactustitolo
image
Non si vedeva da molti anni un’auto così originale come C4 Cactus, e soltanto Citroën poteva crearla. Difficile classificare la nuova francese che può essere un’alternativa alla berlina di cui porta il nome o un crossover molto speciale, inconfondibile per gli airbump – pannelli protettivi contro i piccoli urti – inseriti nelle fiancate e nei paraurti di un corpo vettura dalle linee pulite. L’abitacolo, spazioso e luminoso, è impostato secondo l’ergonomia pura ma riveduta in un’ottica di convivialità e di benessere a bordo. Esclusivi sono il divano anteriore, l’airbag passeggero alloggiato nel padiglione e lo schermo Touch Pad da 7”. Interessante il motore Thp da 110 cv. In strada a settembre con prezzi da 15mila euro in su.
Ford Focus
image
La Focus che ha debuttato al salone di Ginevra non è una nuova generazione dell’auto più venduta al mondo (oltre 1 milione di unità nel 2013), ma il rinnovamento, rispetto alla serie precedente, è notevole, a cominciare dal design con la nuova grafica della Marca per le sue “one Ford”, sempre più globali, sia per quanto riguarda l’esterno sia negli interni adesso più sobri ed eleganti. Focus monta per prima l’ultima versione di Sync 2, il sistema di connessione con comandi vocali. Sotto al cofano, ad assicurare prestazioni brillanti e consumi contenuti ci saranno i motori Tdci e EcoBoost fra i quali spicca il mille, tre cilindri, che emette 99 g/km di Co2.
Hyundai Genesis
image
Le ambizioni premium di Hyundai trovano una conferma nella decisione di importare anche in Europa Genesis, l’ammiraglia del brand coreano che nella nuova serie si presenta con un design più globale che la rende ora più snella . Berlina extra large a trazione integrale, Genesis arriverà anche in Italia  e il target di riferimento sarà quello delle flotte aziendali dove Hyundai punta a crescere sensibilmente, soprattutto per quanto riguarda lo small business. Carta vincente della Genesis, anche se non si sa ancora nulla sul suo listino, sarà il corretto rapporto qualità prezzo comune a tutte le auto della Casa coreana che punta tutto sulla qualità dei suoi prodotti.
Jeep Cherokee
image
Il brand che ha inventato i fuoristrada è pronto a una grande offensiva europea e, in attesa della piccola Renegade prodotta a Melfi, lancia nel Vecchio Continente la nuova Cherokee, icona dei Suv a stelle e strisce che sfoggia un accattivante design che la rende immediatamente riconoscibile. In Usa è già un successo e sul nostro mercato si presenta con trazione 4×4 e 4×2, anche se la sua indole è da regina dell’offroad grazie ai più avanzati dispositivi per la trazione integrale. Cherokee si esprime al meglio con il turbodiesel 2.0 l Multijet II da 170 cv abbinato al nuovo cambio automatico a nove rapporti.
Mercedes-Benz Classe C
image
Classe C è da lungo tempo il modello chiave per la Casa della Stella e continuerà ad esserlo con la quarta serie che per il momento è pronta in versione Berlina con un design caratterizzato dalla cabina arretrata e dal lungo cofano (curata l’aerodinamica: Cx 0,24). Cresce la Classe  C che adesso è lunga 4,69 m e vanta un passo di 2,84 m che ha permesso di ottenere un abitacolo più spazioso disegnato dal team del Mercedes-Benz Advanced Design Studio di Como, un ambiente dove eleganza e sportività si fondono con misura. I motori sono tutti Euro 6; tre i turbodiesel con potenze di 116, 136 e 176 cv. Prezzi a partire da 32.550 euro.
Peugeot 308 SW
image
In versione Berlina la nuova Peugeot 308 ha già conquistato gli automobilisti europei grazie alla sua indubbia sostanza e ad un design originale ma equilibrato, valori che adesso ritroviamo nella versione station wagon, sicuramente più adatta, rispetto alla prima, per la clientela Business alla quale è dedicato anche uno dei livelli di allestimento. La 308 SW è lunga 4,58 metri, ha un volume di carico tra i migliori della categoria (da 610 a 1.660 l) ma rispetto alla serie precedente perde 140 kg, una significativa riduzione di peso che contribuisce al contenimento dei consumi. L’innovativo 1.6 l BlueHdi, con cambio manuale a sei marce, consuma infatti soltanto 3,2 l/100 km (85 g/km di Co2). Inedito il cambio automatico Zf per le versioni che lo prevedono.
Renault Megane
image
Con il restyling di Mègane la gamma di Renault è adesso stilisticamente omogenea, la migliore premessa per accogliere la rivoluzionaria Twingo con motore e ruote motrici posteriori. Anche la media di Casa – in tutte le versioni di carrozzeria fra le quali la SporTour è il bestseller – si presenta infatti con il frontale dominato dalla grande losanga, in sintonia con Clio e con il crossover Captur. Sul fronte della connettività debutta la nuova piattaforma multimediale R Link manovrabile in completa sicurezza. Rimangono invariati i livelli di allestimento, così come le proverbiali doti di silenziosità, spunto e elasticità dei propulsori fra i quali il più adatto alle flotte aziendali è l’1.5 dCi da 110 cv. Con questo motore Mègane SporTour Style costa 23.500 euro.
Skoda Yeti
image
Il successo di Yeti è in gran parte legato alla sua originalità e alla versatilità da Suv urbano, simpatico e non ingombrante. Adesso la popolare Skoda si sdoppia  in due versioni di equipaggiamento: una, base, da città (per la quale è comunque prevista anche la trazione 4×4), e Yeti Outdoor studiata per chi ha spirito di avventura. La versatilità è comune a entrambe le versioni, così come l’agilità che discende dalla taglia compatta (Yeti è lunga 4,22 m). Tantissime le combinazioni fra trazione, trasmissione e motori (benzina da 105 a 160 cv, TDI da 105 a 170 cv). Versioni a benzina da 19.460 euro, TDI da 21.590.
Toyota Verso
image
Con i suoi sette posti, e un volume di carico che arriva a superare i mille litri, in un corpo vettura che è lungo 4,5 m, Toyota Verso è la più abitabile monovolume del suo segmento. Leggermente ritoccata, rispetto alla versione precedente, in alcuni dettagli e con un’elettronica di bordo più ricca, Verso cala un asso con la nuova motorizzazione  turbodiesel 1.6 D-4D da 112 cv, la prima fornita da Bmw dopo la partnership siglata fra i due costruttori (Toyota, da parte sua, metterà a disposizione il suo know-how nella propulsione ibrida). Aumenta il piacere di guida e calano i consumi con emissioni di Co2 pari a 119 g/km. Equilibrata per i clienti business la versione Active proposta a 20.900 euro.
Volkswagen Polo Blue GT
image
Si rinnova Volkswagen Polo, ma con moderazione, perché la serie attuale della citycar tedesca è una delle più belle automobili firmate da Walter de’ Silva, Chief Designer del Gruppo VW. L’aggiornamento, quindi, ha riguardato tanti particolari che, nell’insieme, avvicinano stilisticamente la vettura alla Golf. Da subito, la rinnovata Polo viene proposta con tre novità: Polo BlueMotion, per la quale, oltre al TDI, c’è adesso anche un benzina TSI da 95 cv; BlueGT da 150 cv, concentrato di potenza e risparmio grazie al dispositivo ACT che esclude un cilindro quando la marcia lo consente; e CrossPolo destinata agli appassionati del “Suv look”.