NOTIZIE

imageConsegnati i primi veicoli elettrici a Cofely Italia
Prime consegne di auto elettriche per “Companies for e-Milan”, un progetto che ha come obiettivo la creazione di un network privato interaziendale per la diffusione della mobilità a zero emissioni a Milano. Ai blocchi di partenza Cofely Italia, Gruppo GDF SUEZ, a cui sono state consegnate quattro Citroën-C Zero van per le squadre di tecnici dedicate agli interventi nei centri cittadini di Milano e Roma. Aderendo al progetto “Companies for e-Milan” Cofely si doterà, inoltre, di una stazione di ricarica elettrica Bosch presso la sede di Milano, mentre su Roma si appoggerà a stazioni di ricarica di altri partner. “Coerentemente alla nostra ambizione di contribuire allo sviluppo sostenibile delle città, siamo stati tra i primi ad aderire al progetto e confidiamo nel tempo di incrementare il nostro parco auto con altre autovetture elettriche”, commenta Enrico Colombo, Amministratore Delegato e Direttore Generale di Cofely Italia.


imageA rischio il patrimonio stradale nazionale
“Il valore complessivo dei manti delle strade italiane, estese per oltre 850mila km, ammonta a circa 1.272 miliardi di euro. Quello dell’intera struttura stradale raggiunge la cifra di 5.000 miliardi di euro. La perdurante assenza negli ultimi anni di investimenti da parte di amministrazioni centrali e locali per un’adeguata manutenzione delle strade rischia oggi di compromettere seriamente un patrimonio tra i più significativi del nostro Paese e di condannare un settore che conta 4.000 imprese, 50mila addetti diretti, un indotto con 500.000 lavoratori e che è già in grave crisi a causa dei ritardati pagamenti della PA, dei costi della burocrazia e della stretta creditizia”. E’ questa la principale conclusione cui approda il “Dossier sul valore delle strade” elaborato dal Siteb – l’associazione che in Italia rappresenta l’intera filiera dei lavori stradali e che per la prima volta fornisce una stima sull’estensione e sul valore dell’intero capitale stradale italiano. “L’Italia”, si legge nel Dossier, “è stata tra le prime nazioni in Europa a dotarsi di un sistema di moderne autostrade, delle necessarie competenze, degli impianti e delle macchine per costruirle. Negli ultimi anni il Paese si è però fermato e, anzi, ha cominciato ad arretrare fino ad arrivare alla preoccupante situazione attuale: mentre tutte le altre nazioni europee hanno sviluppato moderne infrastrutture stradali, nel nostro Paese le arterie autostradali sono aumentate di soli 187 km in 14 anni. La condizione della restante rete è insoddisfacente e tale da non garantire i requisiti minimi di sicurezza”.


imageAniasa chiede l’apertura del mercato al noleggio di bus e veicoli industriali
“Rivedere la normativa sul noleggio di veicoli all’interno del Codice della Strada abolendo l’anacronistico e immotivato divieto di noleggiare veicoli industriali e autobus”. E’ questa la principale richiesta avanzata da Aniasa nel corso dell’audizione alla IX Commissione Trasporti della Camera dei Deputati, presieduta dall’on. Mario Valducci. “Questo divieto – ha evidenziato il Presidente di Aniasa, Paolo Ghinolfi – impedisce alle pubbliche amministrazioni di rinnovare il proprio parco autobus (l’anzianità media in Italia è di 15 anni contro i 7 nel resto dell’UE). Il divieto impedisce a numerosi autotrasportatori di usufruire dei vantaggi economici del noleggio”. Il divieto, che in Europa si riscontra solo in Grecia e Portogallo, è ormai anacronistico. Al termine dell’audizione, la Commissione ha espresso parere positivo ad un aggiornamento della legislazione contenuta nel Codice della Strada, approfondendo con Aniasa i vari aspetti di interesse, tra cui le indicazioni sul minor gettito tributario effettivamente riscosso a seguito dei forti aumenti generali dell’imposizione sull’auto recentemente stabiliti.


imageLinde: consegnata la vettura numero 100 da parte di Arval
A circa 15 anni dall’inizio della collaborazione con Arval, in questi giorni Linde Italia ha inserito nella propria flotta la vettura n° 100 consegnata dalla società di noleggio a lungo termine. “Abbiamo cominciato a lavorare con Arval nel 1998 – spiega Roberto Epifani, responsabile Acquisti e Fleet Manager di Linde Italia (leader mondiale nella produzione e commercializzazione di gas tecnici e medicali) – e nel 2004, prima delle recenti acquisizioni, avevamo circa 20 auto. Da allora è stato un crescendo, che ci ha portati al traguardo di questi giorni. La maggior parte della nostra flotta percorre circa 50.000 km all’anno ed Arval è venuta incontro alle nostre esigenze personalizzando i contratti di noleggio sulla base delle necessità del momento effettuando prolungamenti e riadeguamenti, reperendo vetture in pronta consegna, fornendo un’assistenza capillare su tutto il territorio nazionale”. “La collaborazione con Linde – spiega Fabio Simboli, attuale responsabile Centro-Sud National Corporate di Arval – è stata senza dubbio un’ottima opportunità per sperimentare soluzioni di Fleet management sempre nuove, cercando di fare della reattività il nostro punto di forza. Tutto questo è stato possibile grazie alla maturità professionale del gruppo Linde e alla disponibilità di Roberto Epifani ad accogliere le innovazioni che Arval ha proposto”.


imageNuove nomine nel Gruppo Leaseplan Italia
Franco Oltolini è il nuovo Operations Director del Gruppo LeasePlan Italia, ruolo che include la responsabilità della Direzione Acquisti. Oltolini ha iniziato a lavorare in Lease Plan Italia nel 1991, dapprima in area commerciale, ricoprendo il ruolo di Sales Manager e Branch Manager, poi al Customer Service, di cui è diventato Manager responsabile e ancora Direttore Acquisti. Oggi occupa anche la carica di Direttore Generale di CarNext S.r.l. (società controllata da LeasePlan Italia, specializzata nella vendita di auto usate provenienti da flotte aziendali).
Alberto Viano assume il ruolo di Finance Director del Gruppo LeasePlan Italia divenendo Membro del Consiglio di Amministrazione dell’azienda. Viano lavora in LeasePlan da circa nove anni ed ha ricoperto con successo prima la posizione di Risk Management and Compliance Director e successivamente di Business Unit Large Fleet Operations Director.


imageHyundai: guerra ai furti d’auto con LoJack
Proteggere ogni vettura Hyundai dalla piaga dei furti d’auto, restituendole al legittimo proprietario già nelle 24 ore successive alla sottrazione e ottenendo tariffe assicurative su incendio e furto a prezzi vantaggiosi: questo l’ambizioso obiettivo dell’intesa firmata da LoJack Italia, azienda attiva nel rilevamento e recupero dei beni rubati, e Hyundai Motor Company Italy. Così, a partire dal 1° luglio i sistemi di recupero promossi da LoJack sono disponibili all’interno della gamma delle proposte Hyundai e si possono richiedere presso la rete autorizzata della Casa automobilistica coreana.


imageNuovo modello di business per Leasys
Leasys ha presentato un nuovo modello di business pensato per le proprie reti di vendita e assistenza: il “Mandato Leasys”, cui hanno già aderito e dato fiducia molti concessionari della rete di Fiat Group Automobiles. Il “mandato” stabilisce una gestione integrata e modulabile delle diverse componenti del business rental di Leasys, unendo l’attività di procacciamento classica con quella di fornitura dei veicoli e assistenza ordinaria e straordinaria alla flotta Leasys. Ciò offre ai concessionari l’opportunità di accrescere e diversificare il proprio business. “Una delle principali novità – dichiara Rolando D’Arco, Direttore Commerciale e Marketing di Leasys – è la nuova visione del modo di collaborare con la rete dei concessionari, integrando, cioè, due politiche commerciali prima separate. La vendita diretta di Leasys verso i clienti diventa di fatto un’opportunità per lavorare di più e meglio con la rete dei concessionari”. 

Lascia un commento