Noleggio auto e vacanze: da Aniasa un vademecum per un’estate serena

Aniasa ha predisposto un vademecum utile che ricorda le principali regole da seguire per noleggiare un veicolo in sicurezza.

Estate è sinonimo di vacanze e spesso di noleggio auto. Saranno infatti circa 2 milioni, secondo le stime Aniasa, i turisti che nel corso di questa estate prenderanno una vettura in noleggio per soddisfare le proprie esigenze di mobilità. Oltre 20.000 persone ogni giorno, soprattutto nelle località turistiche, presso gli aeroporti e le città d’arte, si rivolgeranno ai desk delle società del rent-a-car per ritirare un’auto.

In occasione dei primi esodi e dei periodi di maggiore afflusso dei vacanzieri, Aniasa ha predisposto un vademecum utile che ricorda le principali regole da seguire per noleggiare un veicolo in sicurezza (vademecum che è consultabile qui: https://www.aniasa.it/uploads/allegati/Autonoleggio-le-buone-regole_1.pdf), dal momento della prenotazione fino alla riconsegna, passando per il ritiro del veicolo.

Si tratta di un decalogo utile, con consigli pratici per utilizzare una vettura senza sorprese. Ad esempio viene consigliato di scegliere il canale più adeguato per prenotare, facendo attenzione a distinguere le società di rent-a-car da agenzie e broker. Aniasa raccomanda poi di verificare i servizi previsti e i costi aggiuntivi per servizi opzionali (es. navigatore o seggiolino per bambini) al momento di chiudere la prenotazione e di farsi inviare una e-mail con tutti i dettagli della prenotazione, se fatta online.

Un altro consiglio importante che viene fornito da Aniasa è quello di non risparmiare sull’assicurazione (che potrebbe proteggere l’automobilista in caso di problemi), di informarsi sulle franchigie e di chiedere quali sono i metodi di pagamento accettati e quando verrà prelevato l’importo.

Non mancano, infine, i consigli sull’utilizzo vero e proprio della vettura. Bisogna ricordarsi, sottolinea Aniasa, di controllare l’interno/esterno della vettura al momento del ritiro (se l’auto presenta danni, questi vanno fatti annotare sul contratto), di farsi dire esattamente chi contattare e come comportarsi in caso di guasto o incidenti, di riconsegnare la vettura negli orari di apertura degli uffici (controllando che non vi siano nuovi danni e facendosi rilasciare un’attestazione scritta; se invece si lasciano le chiavi in una cassetta, fuori dall’orario di apertura, non va dimenticato di fotografare il veicolo per poter contestare eventuali addebiti non dovuti), di riconsegnare l’auto con la stessa quantità di carburante (in caso contrario sono previste penali).