Nelle stazioni di servizio 2.0 l’attesa diventa glamour

di Graziella Marino

Un loft stile aeroporto, con ristorante, caffetteria e salottini di attesa con wi-fi e internet ad alta velocità, ma anche una sorta di portineria personale dove far consegnare da un drone a corto raggio agli automobilisti comodamente in attesa sul proprio veicolo gli spuntini o gli articoli acquistati su Amazon, oppure la spesa precedentemente ordinata o la biancheria lavata a secco.

Sono tante le idee per una futuribile stazione di servizio dedicata alla mobilità elettrica, ma al momento i progetti concreti sono pochi.

TANTI SERVIZI IN ATTESA DEL PIENO

Uno dei pionieri in questo campo è la società britannica di energia verde Gridserve che ha deciso di investire un miliardo di sterline per creare 100 stazioni di servizio in Gran Bretagna e altre in giro per l’Europa, capaci di generare da sole la propria energia solare e di fornire una ricarica ultraveloce e a basso costo per tutti i tipi di veicoli elettrici.

I siti avranno zone dedicate sia per i veicoli privati che per i veicoli delle flotte, come taxi, autobus, mezzi per la consegna e veicoli pesanti. Nei meno di 30 minuti che, secondo la Gridserve, serviranno per ricaricare la maggior parte dei veicoli, i conducenti potranno usufruire di una serie di servizi per trascorrere in modo piacevole e utile il tempo: una caffetteria, cibo fresco, un supermercato e una lounge in stile aeroporto.

Le prime stazioni di servizio realizzate da Gridserve dovrebbero essere operative entro il 2020 e la rete completa entro cinque anni. Per garantire che il 100% dell’elettricità sia pulita e a basso costo, la società punta a costruire nuovi impianti solari vicino alle stazioni per supportare i piazzali elettrici, ognuno dei quali disporrà di batterie multi-megawatt per fornire servizi di rete e stoccaggio in loco che supporteranno la rapida diffusione di veicoli elettrici e la capacità aggiuntiva di energia rinnovabile.

I dispositivi di ricarica rapida offriranno capacità fino a 500 kW, riducendo i tempi a meno di 10 minuti. I siti avranno fino a 24 punti di ricarica elettrica, in grado di “fare il pieno” simultaneamente a tutti i tipi di veicoli e i clienti avranno la possibilità di prenotare in anticipo le aree di ricarica.

IL VENTAGLIO DELLE TARIFFE

L’obiettivo di Gridserve, è quello di rendere la ricarica di un veicolo elettrico “più semplice ed economica di quella di un veicolo a benzina o diesel”, con prezzi competitivi e con diverse opzioni di tariffe che vanno dall’accesso libero per i pagamenti senza contante, agli abbonamenti mensili con prezzi ridotti, a tariffe su misura altamente competitive per i veicoli delle flotte che utilizzeranno i piazzali elettrici su base continuativa’’.

Gridserve sta inoltre sviluppando un’app che aiuterà i conducenti a pianificare meglio i viaggi, a prenotare slot di ricarica e a pagare servizi in loco come il lavaggio dell’auto. L’app si collegherà a servizi di fidelizzazione che premieranno gli utenti con “miglia su strada” per l’utilizzo dei servizi forniti in loco da Gridserve e dai suoi partner.