Nel 2022 molte novità in arrivo, nonostante la crisi dei chip/2

di Simonluca Pini

Seconda parte dell’approfondimento sui nuovi e interessanti modelli in arrivo sul mercato, nonostante la carenza dei microchip, che ha posticipato un lungo elenco di debutti

Nel 2022 molte novità in arrivo/1: leggi qui la prima parte

Nonostante la crisi dei chip, nei prossimi mesi saranno presentate e arriveranno su strada un lungo elenco di modelli ibridi plugin e completamente elettrici. Eccone altri sette.

Nissan Ariya

Motorizzazione elettrica e stile da suv per la novità Nissan in arrivo. La Ariya è lunga 4,59 metri, larga 1,85 e alta 1,66 metri con un passo di 2,78 metri, posizionandosi a metà strada tra Qashqai e X-Trail, dispone di un bagagliaio da 468 litri. Proposta in cinque versioni per il mercato europeo offrirà di base una motorizzazione a trazione anteriore con batterie da 63 kWh da 279 cv, affiancata al momento del lancio da quella da 87 kWh e 305 CV. Proprio la crisi dei chip ha posticipato di diversi mesi l’arrivo della novità elettrica Nissan.

Opel Astra

La sesta generazione di Opel Astra cambia radicalmente rispetto al passato, partendo dalla piattaforma modulare EMP2 utilizzata anche dalla “cugina” Peugeot 308. La versione Plug-in Hybrid, dotata di un motore dal 1,6 litri al quale è affiancato quello elettrico da 81,2 kW, scarica a terra 180 cv di potenza e 360 Nm di coppia. Dotato di un cambio automatico a 8 rapporti, promette un’autonomia in full elettric di 60 km e un tempo di ricarica inferiore alle 2 ore. In futuro è prevista anche una versione in grado di arrivare a 225 cv.

Renault Mégane E-Tech Electric

La nuova Renault Megane E-Tech Electric è pronta ad arrivare in primavera nelle concessionarie italiane, allargando l’offerta di modelli a zero emissioni del marchio francese. Realizzata sulla nuova piattaforma modulare CMFEV, è spinta da un inedito motore elettrico offerto in due step di potenza da 130 o 218 cavalli e due batterie da 40 o 60 kWh con un’autonomia fino a 470 chilometri. A bordo spicca il grande schermo da cui gestire il sistema multimediale, sviluppato in collaborazione con Lg. La guida autonoma arriva al 2° livello secondo tabella SAE.

Škoda Enyaq Coupé iV

La gamma elettrica Skoda cresce con il debutto della nuova Enyaq Coupé iV, suv a zero emissioni dal carattere sportivo. Proposta in abbinamento a due batterie, quattro livelli di potenza e trazione posteriore o integrale, la novità ceca sarà disponibile fin dal lancio anche in versione RS da 299 cavalli. Sul fronte autonomia la versione 80, a trazione posteriore da 204 CV e batteria da 77 kWh, assicura percorrenze fino a 545 km con omologazione WLTP e può essere ricaricata dal 10% all’80% in soli 29 minuti. A bordo spicca lo schermo touchscreen da 13”.

Toyota bZ4X

Primo modello completamente elettrico a marchio Toyota, il bZ4X è equipaggiato con una batteria da 71,4 kWh che a seconda degli allestimenti consente un’autonomia di oltre 450 chilometri nel ciclo WLTP. Per supportare l’unità elettrica si può richiedere il tetto con pannelli solari integrati che, secondo Toyota, può far percorrere da solo fino a 1.800 km in più ogni anno. Complessivamente il brand giapponese prevede di lanciare sul mercato almeno 15 veicoli a batteria entro il 2025, sette dei quali utilizzeranno la stessa sigla bZ.

Volkswagen ID.5

Linea da suv coupé e autonomia fino a 520 chilometri per la nuova Volkswagen ID.5, attesa anche in versione ID.5 Gtx con potenze fino a 299 cavalli e trazione integrale. Sviluppata sulla piattaforma modulare Meb, punto di partenza della gamma elettrica del Gruppo Volkswagen, porta al debutto anche l’ID. Software 3.0 con connettività migliorata e aggiornamenti over-the-air. Nello specifico debutta in Italia in versione ID.5 Pro Performance, con motore posteriore da 150 kW (204 cavalli) e ID.5 Gtx con trazione integrale bimotore da 220 kW (299 cavalli).

Volvo C40 Recharge

Primo modello solo elettrico a marchio Volvo, la C40 Recharge è già disponibile in concessionaria. Prodotto sulla piattaforma Cma, il coupé svedese è spinto da due motori da 150 kW in grado di generare una potenza di sistema di 408 cavalli con una coppia massima di oltre 650 nm scaricata sulle quattro ruote motrici. La batteria agli ioni di litio da 78 kW assicura un’autonomia superiore ai 420 chilometri. Sul fronte tempi di ricarica, l’80% dell’autonomia sarà disponibile in 37 minuti facendo rifornimento da una stazione ad alta potenza da 150 kW.