Mitsubishi Eclipse Cross, tecnologia al massimo livello

di Piero Evangelisti

Il design, per quanto riguarda la stragrande maggioranza degli automobilisti in ogni parte del mondo (in special modo in Italia), rimane l’elemento primario nella scelta di una nuova automobile. E lo stile, la linea, per un costruttore, diventano elementi ancora più importanti per distinguere un modello nel sempre più esteso oceano rappresentato oggi da Sport Utility Vehicle e Crossover, vetture che dovendo rispettare certe regole come altezza dal suolo e look da fuoristrada, anche quando sono a due ruote motrici, rischiano di assomigliarsi un po’ tutte. Non è così per l’ultima creazione di Mitsubishi, il Suv coupè Eclipse Cross

 

 

Dynamic Shield

Eclipse Cross è lunga 4,41 metri, larga 1,81 e alta 1,69, misure che danno l’idea, prima di tutto, del grande spazio disponibile a bordo, e infatti anche chi siede dietro, nonostante la denominazione “coupè”, ha abbondante spazio in tutte le direzioni. Abbinare, infatti, a “Suv” la parola “coupè” potrebbe sembrare azzardato se ripensiamo all’origine dei due termini, ma i designer di Mitsubishi hanno fatto un ottimo lavoro e Eclipse Cross interpreta perfettamente il “Dynamic Shield” – la caratteristica calandra, segno distintivo della Casa – conferendo forte personalità al design dinamico del Suv coupé che punta prima di tutto a emozionare l’automobilista. I tratti del frontale aggressivi non solo indicano robustezza ma garantiscono uno standard di visibilità tra i migliori del segmento grazie ad una perfetta combinazione fra altezza del cofano e le posizioni del parabrezza e del sedile. Si tratta di un design – dichiarano in Mitsubishi – creato anche per stupire, grazie a un’inaspettata abitabilità interna garantita anche dal divano posteriore scorrevole (200 mm), ribaltabile, divisibile e reclinabile in otto posizioni, una soluzione che permette di portare la capacità di carico da 335 a 1.112 litri. 

 

La tradizione

Con Eclipse Cross la Casa giapponese fa una grande passo avanti. “Mitsubishi Eclipse Cross segna un nuovo, importante traguardo per la Casa – spiega Moreno Seveso, direttore generale Mitsubishi Motors Italia – perché quest’auto è frutto di un lavoro che ha messo al primo posto una elevatissima qualità costruttiva di concerto con le migliori tecnologie, i massimi standard di sicurezza e linee di design moderne e innovative. Possiamo considerarlo un progetto di natura davvero globale, che affonda le radici nella tradizione del marchio facendo leva su un heritage che comunica capacità prestazionali, funzionalità Suv e performance di guida unendo queste caratteristiche a sfide del tutto nuove: design davvero unico ed emozionante, sicurezza e piacere di guida garantiti e una tecnologia di connettività con tutti i dispositivi mobile che siamo certi piacerà anche ad un target giovane e all’avanguardia”. Il direttore generale ha ragione, basta pensare all’eterno Pajero, che ha preceduto praticamente tutti i Suv, coniugando la solidità di un fuoristrada con il comfort di una raffinata berlina, per capire la tradizione c’è. 

 

 

Motori e trasmissioni

Al momento del lancio, già in corso, Mitsubishi Eclipse Cross è offerta soltanto con un motore a benzina 1.5 litri, turbo, Dohc a iniezione diretta, che eroga una potenza massima di 163 CV, più che sufficienti a rendere la marcia briosa e a viaggiare sicuri quando si lascia l’asfalto per passare ai terreni amati dalle auto della Casa dei tre diamanti. Questo grazie anche alla coppia di 250 Nm. Fa progressi, riducendo al minimo l’effetto di trascinamento tipico di queste trasmissioni, il cambio CVT a variazione continua, a otto rapporti, che può essere scelto in alternativa a un manuale sempre a otto marce. Per il diesel bisognerà aspettare la fine di quest’anno e sarà sicuramente un modello più appetibile per aziende e noleggi. Come è ormai naturale nel settore di Suv e crossover, anche Eclipse Cross offre l’alternativa fra trazione anteriore e 4×4 proposta esclusivamente con il cambio CVT. Al volante si apprezza lo spunto e la riduzione al minimo del rollio che si può riscontrare su questo tipo di vettura. 

 

La trazione integrale

Guidare un’auto a quattro ruote motrici è sempre un fattore di sicurezza anche quando si viaggia su strada normale, e scegliere il nuovo Suv di Mitsubishi 4×4 può essere una scelta razionale. Se la trazione integrale di Eclipse Cross S-AWC (con tre modalità di scelta: Auto, Snow e Gravel) integra e controlla sistemi dinamici come stabilità, trazione, Abs grazie ai segnali ricevuti dai giri del motore, dall’angolo di sterzo e dalla spinta dei freni, gestendoli per stabilizzare l’auto in curva, la sicurezza e il confort di Eclipse Cross sono ulteriormente garantiti dalla presenza di dispositivi di Smart Driving Assistance: Blind spot warning (Bsw), Adaptive cruise control (Acc), Rear cross traffic alert (Rcta), Auto high beam (Ahb), Multi around monitor e di Smart active safety: il Lane departure warning (Ldw), il Lane change assist (Lca) e il Forward collision mitigation (Fcm), declinato con due soluzioni tecnologiche, una con Laser più Camera e la seconda con l’aggiunta del Radar. Naturalmente molto di questi dispositivi non sono tutti di serie ma vengono inseriti come standard nei diversi allestimenti. I livelli di allestimento sono quattro: Invite, Insport, Intense, Instyle ai quali si aggiunge l’esclusivo Diamond. 

 

GUARDA IL VIDEO: MITSUBISHI ECLIPSE CROSS – PROVA SU STRADA