Mercedes-Benz riparte e punta forte sulla gamma EQ

Il marchio della Stella a tre punte chiude il 2021 con lanci di modelli importanti e vede il nuovo anno come una sfida per pianificare nuove strategie che prevedono di assecondare la tendenza sempre più netta all’elettrificazione

“Il 2021, seppur condizionato dagli effetti della pandemia e, in particolare, dalla carenza di microchip è stato un anno caratterizzato da lanci molto importanti di cui speriamo di beneficiare soprattutto nel corso del 2022”, spiega Christian Catini, Responsabile Flotte Mercedes-Benz Italia.Con la nuova Classe C, disponibile Berlina e Station Wagon e All-Terrain, esclusivamente con motorizzazioni mild e plug-in hybrid, torniamo a parlare al cuore del segmento business, allo stesso tempo si continua ad espandere la gamma di Mercedes-EQ, che dopo la EQC, la EQA e la EQS, proprio nel mese di novembre ha visto il debutto della nuova EQB”.

LE SFIDE DEL 2022

“Molto probabilmente la carenza di semiconduttori continuerà ad incidere sull’industria automobilistica per tutto il 2022 e, con un impatto meno grave, fino al 2023. Il ritorno ad una nuova normalità e l’uscita da situazioni ed eventi che ci hanno costretti ad adottare soluzioni di necessità, più che una sfida dobbiamo considerarla un’opportunità. Ritornare finalmente ad uno stato di normalità ci permetterà, infatti, di ripianificare le nostre strategie al di fuori di una finestra emergenziale sfruttando a pieno tutto il potenziale dei nostri marchi”.

CHRISTIAN CATINI
Responsabile Flotte
Mercedes-Benz Italia

MOBILITÀ ELETTRICA

“Già oggi, nel canale business, avvertiamo un deciso trend verso l’elettrificazione. Una transizione intelligente che passa attraverso prodotti mild e plug-in hybrid e arriva fino all’elettrico puro e soprattutto è orientata da una reale consapevolezza e non da una necessità più legata ad un discorso di immagine, come avvenuto in passato. Per assecondare questa tendenza è assolutamente necessario mettere in campo politiche a sostegno dell’acquisto di vetture elettrificate. Allo stesso tempo bisogna velocizzare l’implementazione delle infrastrutture di ricarica, rinnovando quelle ormai obsolete rispetto alle esigenze di prodotti elettrici di ultima generazione”.