Mercedes-Benz GLB 200d, sette posti per l’ottavo Suv

di Piero Evangelisti

Dimensioni compatte, tanto spazio interno. Pronto per l’off-road, confortevole come una station premium. Motori endotermici virtuosi. Sempre assistiti da ADAS al top e dal sistema MBUX.

Ottava compatta e ottavo Sport Utility Vehicle: la nuova Mercedes-Benz GLB arriva ad ampliare due gamme di premium con la Stella, quella della Classe A, ceppo inesauribile di continue evoluzioni di un concetto vincente, e quella dei Suv di Stoccarda che formano oggi una gamma invidiabile per costruttori premium e generalisti.

Se da un lato la GLB appare come alternativa off-road alla Classe B, dall’altra si colloca, grazie alla configurazione a sette posti, un gradino sopra la più compatta GLA. Oggi una Mercedes-Benz su tre è un SUV, una su quattro una compatta. Un SUV compatto come GLB riunisce quindi tutti gli ingredienti di successo dei due segmenti in cui la Casa registra il maggior numero di vendite.

LINEA ORIGINALE

Con 4,63 metri di lunghezza, 1,83 di larghezza per un’altezza di 1,66 m, unite a un generoso passo di 2.829 millimetri, maggiore di dieci centimetri rispetto alla nuova Classe B, GLB offre inediti volumi di abitabilità con tanto spazio per le gambe di chi siede sul divano posteriore. Il vano bagagli offre lo spazio di carico di una station wagon large, con un volume compreso tra 560 e 1.755 litri (valori riferiti alla versione cinque posti), e facendo scorrere longitudinalmente il divano posteriore si possono ottenere fino a 179 litri di capacità in più. GLB è la prima compatta della Stella disponibile a richiesta con una terza fila di sedili, costituita da due sedili singoli supplementari su cui trovano comodamente posto passeggeri (perfettamente protetti da airbag e pretensionatori) la cui statura, spiega la Casa, non deve superare 1,68 metri.

VOGLIA DI OFF-ROAD

E’ nelle forme che la nuova Mercedes- Benz GLB anticipa la sua vocazione al fuoristrada, con una linea nitida caratterizzata da tagli decisi, come quello verticale del frontale. Le spalle, muscolose e ben modellate, dominano la vista laterale e sono accentuate dalla linea di cintura che sale verso il montante posteriore. Le portiere che arrivano a coprire i sottoporta rendono più confortevole salire a bordo e aumentano la protezione in caso di impatto laterale. I designer di Stoccarda, guidati da Gorden Wagener, sono riusciti a fornire alla nuova GLB un look che, pur possedendo un forte family feeling, ha una sua personalità ben distinta.

IL LAYOUT DEGLI INTERNI

Salendo sulla nuova Mercedes-Benz GLB si avverte subito la continuità stilistica fra la linea della carrozzeria e quella degli interni che riprendono il tema off-road. La plancia portastrumenti è un corpo unico e davanti al conducente si trova la strumentazione digitale con display widescreen, che per i comandi e la visualizzazione si affida al sistema MBUX (Mercedes-Benz User Experience). È nuovo l’elemento tubolare in look alluminio, che delimita inferiormente la plancia portastrumenti e accoglie le tre bocchette centrali del clima.

Il suo stile offroad conferisce alla plancia un’immagine di forza e robustezza, accattivante nella grafica. Sotto le bocchette si trova il gruppo di comandi del climatizzatore, i cui tasti sembrano ricavati da un cilindro di alluminio, e particolari in alluminio sono inseriti anche nella console centrale. La percezione d’insieme è decisamente hi-tech ma non fredda e la GLB si presenta pronta a favorire la convivialità delle tante persone che può trasportare.

MOTORI POTENTI ED EFFICIENTI

Vettura ideale per famiglie dinamiche, anche numerose, nuovo GLB ha tutte le caratteristiche per essere inserito come comoda e versatile company car in una car list premium. Nella gamma dei motori ci sono anche due unità a benzina ma saranno ancora i diesel ad essere preferiti sia dai privati sia dalle aziende. I turbodiesel sono tre due litri, quattro cilindri, con potenze di 116 (180d), 150 (200d) e 190 CV (220d), tutti abbinati di serie al cambio automatico 8G-DCT. Il più piccolo svolge egregiamente il proprio lavoro, ma, senza voler salire al top con la 220d, è il 150 CV a dimostrarsi il più equilibrato su una vettura che ha una massa di 1,7 tonnellate. Con questo propulsore GLB 200d offre una guida scattante con riprese pronte grazie alla bella coppia di 320 Nm disponibile già a 1.400 giri/minuto, il tutto gestito dalla moderna trasmissione automatica a otto rapporti 8G-DCT che consente di avere sempre il rapporto più giusto in funzione dello stile di guida.

Per viaggiare sicuri in off-road o su fondi a bassa aderenza si può scegliere di dotare la 200d della trazione integrale 4MATIC (la 220d è offerta esclusivamente in versione 4×4). La nuova Mercedes-Benz GLB 200d in versione Business a due ruote motrici costa 39.300 euro e ce ne vogliono quasi 43mila per passare alla versione 4MATIC Sport.

ADAS E DIGITALIZZAZIONE

I sistemi di assistenza alla guida che equipaggiano il nuovo GLB sono mutuati da quelli della Classe S. Con telecamere e radar ancora più efficienti la vettura è in grado di “vedere” fino a 500 metri davanti a sé e, in determinate situazioni, di viaggiare in modo parzialmente automatizzato, ad esempio modificando la velocità prima di curve, incroci o rotatorie con l’ausilio del sistema di assistenza attivo alla regolazione della distanza DISTRONIC e attingendo anche ai dati cartografici e di navigazione. A tutto ciò va ad aggiungersi l’intuitivo sistema di assistenza attiva al cambio involontario di corsia, che è una funzione nuova del sistema di assistenza allo sterzo attivo. Se poi a bordo è presente il sistema di assistenza al parcheggio attivo con PARKTRONIC, GLB dispone anche della funzione ampliata di ripartenza automatica in autostrada.

A richiesta sono disponibili le sospensioni attive, che permettono al conducente di passare, con l’interruttore DYNAMIC SELECT, da una taratura più confortevole a un settaggio particolarmente sportivo. La digitalizzazione ruota intorno all’apprezzato ed esclusivo sistema di Infotainment MBUX (Mercedes-Benz User Experience). I punti di forza di questo sistema sono il potente calcolatore, la brillantezza degli schermi e della grafica, la visualizzazione personalizzabile, il display head-up a colori, la navigazione con Realtà Aumentata, il software con funzione di autoapprendimento e il dialogo che il guidatore può instaurare con l’auto pronunciando semplicemente le parole “Hey Mercedes”. Con MBUX, insomma, il guidatore non sarà mai solo e arriverà a conoscere ogni più piccolo dettaglio della propria auto.