Advertisement

Mazda6 Wagon: purosangue giapponese

di Piero Evangelisti

mazda6-wagon-purosangue-giapponese-1É l’ammiraglia della flotta Mazda che offre alle aziende tanta concretezza: prestazioni autenticamente sportive ma consumi da compatta. La filosofia Mazda non si smentisce: piccolo non è sempre bello e del downsizing imperante si può fare a meno grazie a Skyactiv. Linee feline tracciate dal Kodo Design.Kodo Design e SkyActiv: sono questi i segreti del successo di Mazda6 che è stata recentemente rinnovata, e sono le armi che hanno permesso al costruttore di Hiroshima di tornare a volare libero dopo i lunghi anni trascorsi sotto il controllo di Ford, penalizzato nella sua identità e nelle tecnologie che è invece oggi in  grado di elargire a piene mani. E, a differenza degli altri costruttori nipponici che operano in Europa, di essere l’unico a offrire soltanto automobili made in Japan al cento per cento. Orgoglio e senso di libertà, sono questi i sentimenti che ispirano oggi l’azione di Mazda e che sono trasfusi in tutti i suoi prodotti, dalla Mazda2 ai Suv CX, fino alla nuova Mx5, lo spider che con la prima longeva serie ha creato un mito fra gli appassionati della guida a cielo aperto.

mazda6-wagon-purosangue-giapponese-2Soul of Motion

Si può tradurre così lo spirito che è alla base del Kodo Design che in ogni Mazda riesce a trasfondere, attraverso le forme, un senso di forza, potenza e vocazione allo scatto tipico di un ghepardo, virtù che si percepiscono immediatamente  osservando Mazda6, sia la versione Berlina sia la Station Wagon che abbiamo scelto per la nostra prova, due vetture che potremmo definire autentici campioni dell’anti-downsizing. La tendenza imperante nel mondo dell’auto a ridurre dimensioni e cilindrate sembra infatti non avere nemmeno sfiorato ingegneri e designer di Mazda e la nuova “6” vanta una lunghezza di 4,80 metri e una larghezza di 1,84, valori che, insieme al passo di 2,75 m, definiscono una vera ammiraglia adatta a svolgere egregiamente il ruolo di company car. Il frontale, dominato dalla grande calandra che è  la firma del costruttore, è un riuscito mix fra imponenza e fluidità, ben raccordato, attraverso i proiettori, alle fiancate dai tratti sinuosi. Interessante, sulla Wagon, la simmetria fra fari anteriori e gruppi ottici posteriori che proseguono sul portellone in una coda dalle linee pulite e semplici.

mazda6-wagon-purosangue-giapponese-3Interni riveduti e arricchiti

All’interno Mazda6 2015 conserva la bella curvatura della plancia che prosegue lungo i rivestimenti delle portiere fasciando il guidatore e il passeggero anteriore. Nuovo è il disegno della leva del cambio automatico che scorre adesso linearmente e cresce il ricorso all’alluminio, materiale che esalta il lato hi-tech di un abitacolo molto confortevole ed ergonomico. Lo schermo da 7″ ha la funzione touch ma può essere gestito anche attraverso l’HMI Commander collocato sulla console centrale; debutta anche su Mazda6 il sistema di lettura dei dati relativi alla marcia attraverso l’head-up diplay già introdotto sulle nuove “2” e “3”, un elemento che favorisce la concentrazione del guidatore. Lo spazio per pilota e passeggeri rimane fra i migliori della categoria e da record è la capacità del bagagliaio che può variare tra 522 e 1.648 litri.

mazda6-wagon-purosangue-giapponese-4SkyActiv fa la differenza

Dopo Kodo, la seconda parola magica comune a tutte le Mazda di ultima generazione è SkyActiv. Non è il nome di un dispositivo ma il termine che indica un nuovo modo di progettare globalmente telaio, scocca e motori per fornire il massimo in termini di robustezza, sicurezza, qualità, dinamicità, prestazioni e consumi. L’abbiamo sintetizzato così, ma di SkyActiv gli ingegneri di Hiroshima potrebbero parlarvi per ore, lo abbiamo sperimentato direttamente: ciò che conta sono i risultati, le sensazioni che si provano guidando la nuova Mazda6 equipaggiata del quattro cilindri, 2.2 l, turbodiesel che eroga una potenza massima di 150 CV (eccellente la coppia di 380 Nm), abbinato al cambio automatico AT a sei rapporti. Naturalmente non è l’unico motore di cui può essere equipaggiata la station wagon di Hiroshima, offerta anche con cambio manuale a 6 marce, ma è quello certamente più adatto e meglio equilibrato per un uso business dell’auto, a meno che non si voglia passare al 2.2 con 170 CV di potenza (è l’unico a cui può essere abbinata l’integrale AWD in alternativa alla trazione anteriore) che rende Mazda6 ancora più esuberante. mazda6-wagon-purosangue-giapponese-schedaContraddistinti dal rapporto di compressione (14,0:1) più elevato in assoluto nel panorama automobilistico, sono entrambi Euro6 e nel ciclo combinato fanno registrare un consumo medio identico: 4.9 l/100 km.  É un valore di tutto rilievo per una vettura che pesa quasi 1,5 tonnellate, e conferma la tesi di Mazda secondo la quale non è vero, come sostengono i fan del downsizing, che un motore di cilindrata superiore richiede necessariamente l’immissione di una maggiore quantità di carburante, ma che tutto dipende dalla tecnologia impiegata che, nel nostro caso, è ovviamente la SkyActiv.

Allestimenti completi

Mazda6 Wagon può essere equipaggiata, quando non sono di serie, di numerosi dispositivi di sicurezza attiva, come i proiettori Advanced LED, il BSM che copre l’angolo cieco del guidatore, il sistema di mantenimento della carreggiata, l’SCBS che frena l’auto alle basse velocità e il cruise control intelligente. Ma l’elenco non finisce qui, perché Mazda6 – la station wagon come la berlina – è un autentico top di gamma, e lo si apprezza guidandola: fluida e scattante fa sentire in ogni momento il perfetto grip sulla strada mentre il cambio AT passa da una marcia all’altra in maniera impercettibile, senza intaccare l’ottima insonorizzazione dell’abitacolo. Un difetto di Mazda6? Quello, comune un po’ a tutti i modelli (fatta eccezione per i Suv CX) del costruttore nipponico, di non essere abbastanza conosciuti nel mondo delle flotte e dei noleggi a lungo termine. Prezzi della  station wagon 2.2 D 150 CV da 33mila euro; 2mila euro per il cambio automatico AT, Business Pack a 1.250 euro.