Martinez (LeasePlan): il noleggio può crescere ancora

di Luigi Gemma

Dottor Martinez, a partire da gennaio lei è divenuto amministratore delegato di LeasePlan Italia. Con che spirito affronta questa nuova avventura e quali sono le sue aspettative per un mercato, come quello delle flotte aziendali nel nostro Paese, che risente pesantemente di un’economia che ha smarrito la strada della crescita?
“La proposta di assumere la direzione di LeasePlan Italia, una delle principali filiali del Gruppo con una lunga storia alle spalle, è una sfida allo stesso tempo grande ed entusiasmante, che ho accolto con immenso piacere. Una sfida perché il noleggio in primo luogo e in generale il mondo delle flotte aziendali in Italia possono contare su margini di crescita, nonostante il momento economico generale sia caratterizzato da una pesante situazione congiunturale”.

Quali sono le sue considerazioni riguardo al mercato italiano delle flotte aziendali? Quali le strategie che, a suo modo di vedere, possono permettere all’intero comparto di crescere fino ad avvicinarsi alle medie di penetrazione sull’intero mercato automobilistico rilevate nei maggiori Paesi europei?
“Sono fiducioso, perché la cultura del noleggio a lungo termine in Italia non si è ancora radicata, non solo a paragone con mercati esteri quali quello statunitense, britannico e tedesco, ma anche con mercati culturalmente più vicini all’italiano, come quello spagnolo. Il grande potenziale ancora inespresso, soprattutto a causa di un trattamento fiscale non certo generoso, sarà sicuramente attratto nei prossimi anni dai numerosi vantaggi del noleggio. Il comparto dovrà essere quindi ancora più efficace nel comunicarli, in particolare ai nuovi target rappresentati dai professionisti e dalle piccole e medie imprese che, solo di recente, hanno iniziato a dimostrare interesse per questa formula”.

Ci può anticipare quali saranno le linee guida dell’azione di LeasePlan sul mercato dell’auto aziendale in Italia e quali, se ve ne saranno, gli elementi di discontinuità rispetto al passato?
“Saremo certamente molto attenti nel costruire soluzioni di mobilità mirate al grande potenziale costituito dal ‘popolo delle partite Iva’ e delle piccole imprese, consapevoli che anche i nostri competitor agiranno in tal senso. Per le aziende di medie e grandi dimensioni che, invece, hanno necessità molto diverse, concentreremo i nostri sforzi nella qualità del servizio e nell’innovazione, per rafforzare il rapporto di partnership, mettendo i nostri clienti sempre al primo posto. Questo nel breve si tradurrà in nuove soluzioni di consulenza e di e-business, sia per i fleet manager che per i driver, al fine di garantire loro una mobilità davvero gratificante e semplice”.
Un grande potenziale ancora inespresso: è questo che caratterizza il noleggio a lungo termine nel nostro Paese. A dirlo è un esperto del settore, Alfonso Martinez, nuovo amministratore delegato di Leaseplan Italia che aggiunge altre interessanti considerazioni in questa intervista esclusiva.
Cosa porta nel suo nuovo incarico dalle sue precedenti esperienze?
“Dal 2006 sono stato direttore finanziario di LeasePlan Spagna, mentre in precedenza avevo ricoperto diversi ruoli in Kraft e in Hertz Rent a Car Portogallo e Spagna come direttore finanziario. La stessa carica ha caratterizzato la mia esperienza nel1999 inDELL Spagna, per poi diventare controller e cost manager per l’Europa, Medio Oriente e Africa di DELL International Services. Da ognuna di queste esperienze ho raccolto un ampio bagaglio di conoscenze, preziose per la mia crescita, sia sul lato professionale che personale. Queste, insieme ad un’organizzazione solida come LeasePlan Italia, saranno la base per raggiungere gli obiettivi sfidanti che ci attendono nei prossimi anni”.

Ad un nuovo amministratore delegato si chiede sempre quali sono gli obiettivi che intende raggiungere nella sua gestione. Cosa può dirci a questo proposito?
“La situazione attuale, con una congiuntura economica dai contorni ancora molto incerti, non consente facili previsioni. A questo si aggiunga che le recenti manovre hanno ulteriormente appesantito il carico fiscale sulle auto. Su questo terreno supporteremo l’operato di Aniasa nei confronti del Governo e delle Istituzioni, per riequilibrare la fiscalità dell’auto aziendale e riportarla ai livelli medi europei. Come LeasePlan proseguiremo la nostra strategia di crescita sostenibile, che ha portato grandi risultati nell’ultimo triennio e consentito al nostro Gruppo di presentarsi oggi sul mercato con una forte solidità finanziaria”.

Lascia un commento