Male il mercato auto, recuperano flotte e noleggi

di Sirio Tardella
Direttore Centro Studi Unrae

Si è appena chiuso il primo semestre del 2011 e il consuntivo delle immatricolazioni di auto nuove non denuncia alcun segnale di superamento della profonda crisi del mercato. Il mese di giugno ha evidenziato, infatti, ancora una flessione dell’1,7% con 168.832 auto vendute, rispetto al livello già sottodimensionato di un anno fa (171.753 unità). Il primo semestre dell’anno per il mercato auto si chiude – pertanto – con 1.012.849 immatricolazioni e un passivo del 13,1%, rispetto alla prima metà del 2010. Da rilevare che il livello di immatricolazioni di giugno è il più basso degli ultimi 15 anni e che nel primo semestre si sono perse oltre 260.000 vendite, rispetto alla media per lo stesso periodo degli ultimi 10 anni.

Questo bilancio, tutt’altro che positivo, non ha assunto dimensioni deficitarie più ampie grazie soprattutto al buon andamento degli acquisti delle società di noleggio, mantenutosi sostenuto nell’intero periodo di riferimento e chiudendo il semestre con un incremento del 13,3% rispetto allo stesso periodo del 2010.

I segnali di malessere del mercato dell’auto provengono invece dalla riduzione marcata degli acquisti da parte delle famiglie. Tra il 2010 e il 2011 la quota delle vendite a privati è scesa dal 74 al 66%: la peggiore di sempre! A rendere le aspettative di una prossima inversione di tendenza meno credibili concorrono i primi risultati di una indagine del Centro Studi Unrae che mettono in evidenza come all’interno del comparto dei privati e, quindi, delle famiglie sono i giovani dai 18 ai 29 anni che disertano in massa i saloni dei concessionari. Nel 2005 gli acquisti di auto nuove da parte dei giovani di questa fascia di età avevano rappresentato quasi il 14% del totale delle vendite a privati, percentuale che scende a poco più del 10% a fine aprile di quest’anno. Nel 2005 furono, infatti, 30 giovani su 1000 a comprare una autovettura, nel 2010 solo 23 su 1000. Nettamente diverso risulta, a fine giugno, l’andamento delle immatricolazioni effettuate a favore di persone giuridiche, che rappresentano un terzo del mercato totale: il 33,9% rispetto al 28,3% di fine anno 2010. All’interno di questa quota il noleggio a lungo termine passa dal 6,1% al 7,3% di rappresentatività, il noleggio a breve termine dal 6,1% medio dello scorso anno all’8,7% dei primi sei mesi del 2011 e, rispetto agli stessi periodi, le auto-immatricolazioni dal 10,5% all’11,6%.

Rispetto alla realtà appena descritta, la decisione di numerose province di aumentare l’aliquota dell’imposta RCAuto dal 12,5% al 16%, la revisione dell’Imposta Provinciale di Trascrizione sugli acquisti di auto nuove e usate, nonché l’addizionale erariale del bollo per le vetture di più elevata potenza appaiono decisioni incomprensibili ed assolutamente intempestive, che andando a sommarsi agli effetti indotti dagli aumenti dei carburanti, dei pedaggi e delle assicurazioni, allontanano i tempi e rendono sempre meno realistiche le possibilità di un recupero del livello normale del mercato italiano dell’auto che, è abbastanza facile prevedere, resterà ben al di sotto dei 2 milioni di unità anche il prossimo anno.


Immatricolazioni di autovetture
2009    2010    1° semestre 2011 *
Tipo di acquirente e uso    numero    %    numero    %    numero    %
A) Società ed Enti (1)    108.273    5,0    108.962    5,6    64.225    6,3
B) Noleggio a lungo termine    124.804    5,8    119.224    6,1    74.000    7,3
C) Auto Aziendali (A+B)    233.077    10,8    228.186    11,6    138.225    13,6
D) Noleggio a breve termine (2)    93.700    4,3    120.186    6,1    88.000    8,7
E) Auto immatricolazioni (3)    163.060    7,6    205.778    10,5    117.000    11,6
F) Totale persone giuridiche (C+D+E)    489.837    22,7    554.150    28,3    343.225    33,9
G) Privati (persone fisiche)    1.669.386    77,3    1.407.322    71,7    669.577    66,1
TOTALE (F+G)     2.159.223    100,0    1.961.472    100,0    1.012.802    100,0
* Stime Centro Studi Unrae
(1) Società di capitali, di persone ecc. (compresi Enti pubblici e privati, economici e non)  –  (2) compreso noleggio con conducente e taxi  
(3) Km zero, demo e vetture destinate dai concessionari al noleggio  come auto sostitutive
Fonte: Centro Studi Unrae






Lascia un commento