Leon ST TGI a metano e Tarraco e-hybrid: le due anime green di Seat

di Piero Evangelisti

Abbiamo provato le nuove Seat Leon Sportstourer TGI e Tarraco e-Hybrid, due auto dall’anima green che che, anche se mediante tecnologie diverse, contribuiscono a una mobilità sostenibile.

La gamma Seat è oggi una delle più “giovani” del mercato, una famiglia di auto e Suv di successo dove entro la fine dell’estate arriveranno le rinnovate Ibiza e Arona, che si aggiungeranno ad altri due modelli molto importanti anche per flotte e noleggi che sono da poco entrati in concessionaria: Seat Leon Sportstourer TGI e Tarraco e-Hybrid. Anche se diverse dal punto di vista stilistico e dimensionale, le due nuove Seat hanno molti punti in comune, come la funzionalità che accomuna suv e station wagon e, dato più saliente, due powertrain che, anche se mediante tecnologie diverse, riducono l’impatto ambientale.

La Seat Leon ST TGI a metano (c’è anche la versione TGI con carrozzeria hatchback) usa un carburante che abbatte le emissioni di Co2 e ossidi di azoto che vengono quasi azzerate qualora sia utilizzato biometano. Si tratta, dunque, di una soluzione a portata di mano che contribuisce a una mobilità sostenibile, una tecnologia che è oggi patrimonio quasi esclusivo del Gruppo Volkswagen.

La versione ibrida plug-in di Tarraco costituisce invece un’altra tappa del percorso di elettrificazione della Casa catalana e del brand controllato Cupra che si appresta a lanciare la full-electric Born. Il grande Suv, con la sua taglia large, ben si presta ad essere equipaggiato della tecnologia plug-in, ideale per un’auto che viene scelta anche per la sua flessibilità d’utilizzo.

LA SCELTA DEL METANO

La nuova Seat Leon Sportstourer TGI è equipaggiata di un propulsore 1.5 TGI quattro cilindri che eroga una potenza di 130 CV e 200Nm di coppia, offrendo tutto il piacere di guida che ci si aspetta da Leon, indipendentemente dalla tecnologia di propulsione. La station wagon catalana integra tre serbatoi per il metano con un volume netto complessivo di 17,3 kg, che garantiscono alla vettura un’autonomia di 440 km completamente a gas naturale, una percorrenza che si sale a 600 km considerando il serbatoio di benzina aggiuntivo da 9 litri.

Questo consente di raggiungere comodamente la stazione di servizio di metano più vicina, per effettuare poi un processo di rifornimento semplice e rapido come per qualsiasi altra vettura in gamma. Il motore 1.5 TGI utilizza il ciclo Miller che ottimizza consumi ed emissioni, che per Seat Leon Sportstourer con cambio automatico DSG si assestano su 6,0 m3 di metano/100 km e 108 g/km di CO2 (WLTP). L’omologazione monovalente della nuova Leon TGI a metano comporta inoltre importanti benefici fiscali, oltre a costi di percorrenza davvero contenuti: 100 km con un costo inferiore ai 5 euro.

LE DUE ANIME DI TARRACO E-HYBRID

Il sistema ibrido plug-in della Seat Tarraco e-HYBRID abbina un motore benzina 1.4 TSI da 150 CV, un motore elettrico da 115 CV, un pacco batterie agli ioni di litio da 12,8 kWh e un cambio DSG con doppia frizione a sei rapporti; la configurazione complessiva offre 245 CV di potenza e 400 Nm di coppia. La disposizione ribassata del pacco batterie che permette di immagazzinare l’energia elettrica nella parte posteriore del SUV consente una distribuzione più uniforme del peso sul telaio che contribuisce alla eccellente stabilità e al piacere di guida che si prova al volante dell’ammiraglia di Seat.

Seat Tarraco e-HYBRID vanta un sistema che consente di commutare istantaneamente tra le diverse modalità di guida, indipendentemente dal fatto che l’auto sia alimentata esclusivamente dal motore elettrico, dall’azione sinergica del propulsore a combustione con quello elettrico o unicamente dal motore a combustione.

La versione ibrida plug-in vanta un’autonomia fino a 49 km (WLTP) sfruttando unicamente l’energia immagazzinata nella batteria della vettura e rappresenta, dunque, la soluzione ideale per incrementare l’efficienza o percorrere strade urbane in cui le norme sulla qualità dell’aria sono più stringenti. Quando si devono coprire distanze più lunghe, Seat Tarraco e-HYBRID si avvale sia del motore elettrico che di quello a benzina per garantire un’autonomia di 730 km senza necessità di fermarsi per fare rifornimento.  

Leggi anche: Seat Leon e-Hybrid: prova su strada