Le proposte per il dopo crisi delle società di noleggio l.t.*

di Gennaro Speranza

* tema della Fleet Manager Academy del 15 marzo a Milano

Le proposte per il dopo crisi delle società di noleggio l.t.Queste le novità dalle società di NLT per il 2016. Arval lancia l’offerta telematica Arval Active Link, Alphabet punta su e-mobility e corporate car sharing, Car Server si focalizza sullo small business, LeasePlan scommette su telematica e sulla soluzione flessibile di noleggio FlexiPlan e Leasys sui servizi offerti ai clienti, in particolare su I-Doctor e I-ShareIl 2015 è stato un anno positivo per il settore del noleggio a lungo termine, dopo che il 2014 aveva già fatto registrare una crescita a doppia cifra. Merito delle grandi aziende che hanno scelto di rinnovare o addirittura di ampliare il proprio parco auto, ma anche della lungimiranza delle società di noleggio, che in particolare negli ultimi anni hanno intrapreso un processo di cambiamento e innovazione a 360° e reso appetibile il servizio anche a un nuovo target di clienti (come le piccole e medie imprese, i professionisti e i privati), attraverso il lancio di nuovi prodotti, maggiore flessibilità, personalizzazione dei servizi e soluzioni su misura del cliente. E anche il 2016 sarà un anno positivo e ricco di nuove iniziative, come ci raccontano i grandi operatori del settore del noleggio a lungo termine. Tra le società di NLT di cui vi parliamo qui di seguito manca Arval, a cui abbiamo dedicato un articolo (con un’intervista al dottor Alessandro Torchio, responsabile di Arval Consulting e del Corporate Vehicle Observatory di Arval italia)  a pagina 22, intervista in cui si parla anche dei punti di forza dell’offerta di Arval per il 2016.

 

andrea-cardinali-giovanni-orlandiniE-Mobility e Corporate Car Sharing  

Alphabet nell’ultimo anno ha consolidato partnership di lunga durata e conquistato nuovi clienti grazie all’ampliamento dell’offerta di soluzioni di business mobility con prodotti innovativi come AlphaElectric (eMobility) e AlphaCity (Corporate Car Sharing). “Per il 2016 – spiega Andrea Cardinali, Presidente e AD di Alphabet in Italia – proseguiremo il consolidamento di AlphaElectric e AlphaCity. Per quanto riguarda AlphaElectric, si tratta di un ecosistema olistico che facilita la diffusione dell’eMobility nelle aziende e include consulenze personalizzate, la possibilità di selezionare i veicoli elettrici più appropriati, infrastrutture di ricarica e servizi ad alto valore aggiunto, coniugando esigenze di mobilità a basso impatto ambientale. Con questo progetto, lanciato nel 2013, Alphabet aveva già effettuato una precisa scelta di campo, al fine di percorrere, insieme ai suoi clienti, la strada di una mobilità virtuosa e sostenibile”. AlphaCity, invece, è una soluzione di Corporate Car Sharing, strutturata sul modello del noleggio a lungo termine e lanciata nel 2014. “Per Alphabet – prosegue Cardinali – è un punto d’orgoglio essere stati i primi in Italia ad operare in questo mercato ed essere ancora gli unici. Già da qualche mese è operativa la funzionalità di ride sharing (car pooling), che arricchisce il servizio stimolando l’utilizzo collaborativo dell’auto in ambito aziendale attraverso la condivisione delle singole tratte. Ma il progetto AlphaCity vive una costante evoluzione, e per il 2016 si prevedono importanti novità, di cui non possiamo ancora parlare”.

 

Le proposte per il dopo crisi delle società di noleggio l.t. 2Si punta sullo small business

Per CarServer l’obiettivo principale per il 2016 è  “migliorare quelle caratteristiche che ci contraddistinguono e che ci fanno apprezzare dalla clientela – sostiene Giovanni Orlandini, AD di Car Server –. Punteremo ulteriormente sulla capillarità dei punti di assistenza, apriremo nuove filiali e stringeremo altri accordi con le Case automobilistiche per le manutenzioni. Ma, soprattutto, continueremo ad investire nello small business, che riteniamo il segmento con i margini di crescita più importanti. Su questo fronte raccoglieremo i frutti degli investimenti fatti nel 2015, con l’inaugurazione in Italia dei due primi store ‘Drive Different’ dedicati all’autonoleggio per le piccole imprese e i privati”. L’iniziativa di CarServer, in particolare, è nata con la collaborazione dei centri commerciali e consiste nel portare il noleggio a lungo termine nei luoghi dove il consumatore è abituato a recarsi per fare la spesa, andando quindi incontro alle esigenze di nuovi target per il settore: professionisti, commercianti, artigiani, piccole aziende, ma anche famiglie e privati. “In Italia – aggiunge Orlandini – non esistevano luoghi adatti a concretizzare queste opportunità, che parlassero il linguaggio dello small business; per questo la nostra idea viene percepita come novità interessante. Nel 2015 abbiamo inaugurato il primo store a Reggio Emilia e il secondo a Milano, e nel 2016 prevediamo di sbarcare in altre importanti città italiane”.  

Le proposte per il dopo crisi delle società di noleggio l.t.3

Tecnologia e soluzioni flessibili  

Diventare dei veri e propri “mobility hub”, ovvero un interlocutore unico per tutte le esigenze di mobilità del cliente: è questo l’obiettivo strategico più importante per LeasePlan. Per farlo, si punta sulla telematica e su FlexiPlan. “La telematica e FlexiPlan sono state le nostre principali voci di innovazione del 2015 – sostiene Gavin Eagle, direttore commerciale di LeasePlan Italia. Per quanto riguarda la telematica, abbiamo puntato sull’installazione delle clear box, soluzioni che offrono massima efficienza, monitoraggio costante e sicurezza del parco veicoli. Una taglia su misura delle esigenze di ogni azienda, modulata in pacchetti che vanno da un’offerta base ad una soluzione completa di tutti i servizi. Tra i servizi più apprezzati della telematica abbiamo anche l’Emergency call, che attiva soccorso stradale ed emergenza sanitaria quando necessario”. Per rispondere alle crescente richieste di flessibilità da parte dei clienti, LeasePlan ha poi lanciato FlexiPlan. gavin-eagle-enrico-rossini“Si tratta di una soluzione – spiega Eagle – che permette di noleggiare un veicolo del segmento scelto, a partire anche da un mese, e decidere poi quando restituirlo, senza vincoli di durata e penali in caso di restituzione prima del termine previsto. Tutti i servizi sono inclusi (bollo, assicurazione, manutenzione, ecc.). Questa nuova soluzione è adatta sia alle grandi aziende che alle PMI e ai professionisti che vogliono avvicinarsi al noleggio con costi contenuti e per periodi specifici”.

 

Innovazione nei servizi  

Per Leasys l’obiettivo per il 2016 è “quello di allungare la catena del valore del noleggio a lungo termine – afferma Enrico Rossini, AD di Leasys – un percorso, cominciato nel 2013, che fino ad oggi ha già dato importanti risultati. In particolare, in tema di servizi, i nostri clienti potranno beneficiare del nuovo I-Doctor, un servizio h24, da includere nel canone di noleggio, a disposizione di chi dovesse avere bisogno di assistenza sanitaria. Di tutt’altra natura è il servizio I-Share, pensato per le aziende che manifesteranno l’esigenza di gestire, in modalità car sharing, le vetture in pool. Infine, introdurremo un servizio pay per use per le aziende e i professionisti desiderosi di testare i modelli più nuovi o speciali, lanciati sul mercato: saranno noleggi da un minimo di sei fino a un massimo di dodici mesi, con un canone molto competitivo. Lo offriremo anche ai concessionari della nostra rete di vendita come strumento di proposizione del noleggio per i loro clienti e costituirà, ovviamente, una forma di collaborazione molto stretta con le Case. Le proposte per il dopo crisi delle società di noleggio l.t.4Proprio i concessionari avranno la nostra rinnovata attenzione: per loro è in programma un ‘roadshow’ che illustri le valenze del noleggio quale moltiplicatore di business per il punto vendita”. “Più in generale – conclude Rossini – faremo tesoro delle nostre esperienze per far diventare il noleggio sempre più un prodotto ‘da banco’, semplificando la preventivazione e la burocrazia”.