La e-Mobility Business Unit di Stellantis alla Formula SAE Italy

La competizione ha coinvolto oltre 300 studenti di ingegneria da 13 paesi. Vassallo (Stellantis): “Vogliamo formare i giovani che si avvicinano al mondo dell’auto ed entrare in contatto con le eccellenze internazionali

Stellantis, con la sua e-Mobility Business Unit, ha partecipato alla 16esima edizione della Formula SAE Italy, la competizione tra studenti universitari che hanno progettato e costruito la propria vettura monoposto, andata in scena all’Autodromo “R. Paletti” di Varano de’ Melegari (Parma), organizzata dall’ANFIA (Associazione Nazionale Filiera Industria Automobilistica).

L’IMPEGNO DI STELLANTIS

“Per Stellantis, partecipare alla Formula SAE Italy ha il duplice obiettivo di formare i giovani universitari che si avvicinano con passione al mondo dell’automobile e, contemporaneamente, permettere alla nostra azienda di entrare in contatto diretto con le eccellenze del mondo universitario, ingegneristico e non solo – spiega racconta Marco Vassallo, Head of Technical Training & Technical Career dell’ingegneria Stellantis – Con questa iniziativa, Stellantis ha deciso di mettersi a disposizione degli studenti che hanno realizzato le auto da corsa e supportarli, attraverso i propri tecnici, in ogni aspetto dello sviluppo, dalla fase di ideazione del progetto fino alla messa in strada del prototipo”.

LE PROVE

Tutte le vetture sono state valutate attraverso differenti prove basate su design, efficienza ingegneristica e sostenibilità dei costi da una commissione di giudici esperti.

Di questa commissione ha fatto parte, tra gli altri, un gruppo di professionisti Stellantis provenienti da diversi dipartimenti – Business Development, Quality, Product Development – che hanno partecipato con entusiasmo alla valutazione del lavoro svolto dalle squadre, con particolare focus sullo sviluppo del powertrain e della parte elettronica.

STUDENTI DA TUTTO IL MONDO

Alla competzione hanno partecipato oltre 300 studenti di ingegneria provenienti da atenei di 11 Paesi del mondo, in rappresentanza di 37 team universitari (17 italiani, provenienti da 14 diversi atenei, e 1 extra-europeo, proveniente dagli USA). Ragazzi e ragazze hanno preso parte alla gara con entusiasmo, sfidandosi con le loro creazioni e dando prova di grande professionalità durante tutto l’evento.

La competizione si è articolata in numerosi test che hanno messo a dura prova i prototipi progettati dagli studenti: dopo la presentazione del piano di business, del design della vettura e l’analisi dei costi di progetto, si sono effettuate le prove di accelerazione, di autocross e sugli skid-pad, per terminare la gara con la prova di endurance e analisi consumi.

I VINCITORI

Per la classe Combustion ha vinto il team Joanneum Racing Graz dell’Università U.A.S. Graz (Austria); per la classe Electric si è aggiudicato il premio il Formula Student Team Tallinn della Tallinn University of Applied Sciences/Tallinn University of Technology (Estonia); per la classe Driverless ha vinto il team StarkStrom Augsburg Driverless dell’Università UAS Augsburg (Germania); infine, per la Classe 3 (presentazione del progetto senza creazione del prototipo di vettura) ha vinto il team UniBo Motorsport Electric dell’Università di Bologna (Italia).