In crescita le immatricolazioni di autobus nel 2015: +7,7% sul 2014.

Nel 2015 in Italia le immatricolazioni di autobus sono state 3.007, contro le 2.792 del 2014. Vi è stata pertanto una crescita del 7,7%. Questa crescita ha riguardato sia le categorie di autobus con capienza fino a 30 posti (+21,5%), sia quelli con capienza superiore a 60 posti (+9,1%). L’unica flessione nelle immatricolazioni si è registrata per gli autobus con capienza compresa tra 31 e 60 posti (-0,8%). Questi dati derivano da un’elaborazione dell’Osservatorio sulla Mobilità sostenibile di Airp (Associazione Italiana Ricostruttori Pneumatici) sulla base di dati Aci. L’elaborazione fornisce anche il prospetto dell’evoluzione delle immatricolazioni di autobus a livello regionale, dalla quale emerge che le regioni che hanno registrato la crescita maggiore sono la Valle d’Aosta (+122,2%), Abruzzo (+120,4%), Toscana (+118,5%), Molise (+72,2%) e Lombardia (+42%). Secondo l’analisi di Airp, i motivi che hanno portato a questa crescita sono da ricondursi certamente alla ripresa economica, ma anche alla necessità di sostituire i mezzi più datati e che sono ancora in circolazione.