Il mercato auto cresce e continuerà a crescere da 1.970.000 vendite nel 2017 a 2.048.000 nel 2018 a 2.203.000 nel 2019

Nell’intero 2017 le immatricolazioni di autovetture in Italia toccheranno quota 1.970.000 unità con una crescita dell’8% sul 2016 e nel 2018 si arriverà a 2.048.000 per salire poi nel 2019 a 2.203.000 toccando il livello fisiologico per il mercato italiano in questa fase di mercato. Queste previsioni sono state presentate da Gian Primo Quagliano, presidente del Centro Studi Promotor, nella conferenza stampa dedicata alla situazione e alle prospettive dell’economia italiana e del mercato dell’auto tenuta oggi alle 17 in occasione della giornata stampa del 41° Motor Show di Bologna, che aprirà al pubblico sabato 2 dicembre. 

 

Come è ben noto, le vendite di autovetture sono state fortemente penalizzate dalla crisi economica iniziata nel 2008 con una caduta massima del Pil che ha toccato l’8,67% e che non è stata ancora completamente recuperata dato che il Pil 2017, al netto dell’inflazione, dovrebbe chiudersi su un livello ancora inferiore del 5,3% a quello ante-crisi (2007). Nell’ultimo anno la ripresa dell’economia ha comunque accelerato. Il tasso tendenziale di crescita del Pil è passato dallo 0,9% del terzo trimestre 2016 all’1,8% del terzo trimestre 2017 con la prospettiva di un completo recupero del calo sul 2007 nel 2021 e quindi con un forte ritardo rispetto alle altre grandi economie avanzate.  

 

L’accelerazione della ripresa ha naturalmente favorito il mercato dell’auto che nel 2017, come si diceva, dovrebbe chiudere l’anno con un incremento dell’8%. L’inversione di tendenza delle vendite di vetture nella crisi iniziata nel 2008 si è verificata a cavallo tra il 2013 e il 2014 e ha innescato un recupero piuttosto robusto con tassi di crescita del 16% sia nel 2015 che nel 2016 ed ora nel 2017, con l’incremento dell’8% di cui si è detto. Dopo le forti crescite dei due anni precedenti il dimezzamento del tasso di sviluppo del 2017 è ovviamente fisiologico. Nell’ultimo trimestre dell’anno sta però influendo sulle vendite un cambiamento nella politica commerciale, limitato per ora ad alcuni marchi, ma con la possibilità di estendersi ad altri. 

 

Giunte in vista della stagione dei bilanci le Case interessate da questo cambiamento nella loro politica commerciale hanno deciso di puntare più sui margini che sul numero di auto immatricolate e di conseguenza di allentare la pressione sul mercato esercitato con sconti, promozioni e km zero. Dopo il forte impegno economico di Case e concessionari per sostenere il recupero degli ultimi tre anni gli operatori dell’auto avvertono ora il bisogno di tirare il fiato e mettere fieno in cascina. Ovviamente questo nuovo orientamento di politica commerciale non può essere né di medio né di lungo periodo, ma interesserà comunque anche il 2018, in cui, fra l’altro, la domanda di auto delle aziende nel secondo semestre dell’anno non potrà più beneficiare dei super ammortamenti che scadranno il 30 giugno.