Il giudizio dei fleet manager

di Alfredo Marasti

image“Sono 200 le vetture Mercedes-Benz – dice Gilda Sanfelici Operations Manager Fleet & Mobility di Hewlett Packard Italia, multinazionale dell’informatica – che fanno attualmente parte del nostro parco italiano di 1.650 autoveicoli aziendali, si tratta in particolare di modelli Classe E e Classe C in disponibilità, rispettivamente, a top management e dirigenti.

La scelta di auto di un marchio premium, come Mercedes-Benz, per il parco aziendale deriva di norma da precisi indirizzi di car policy. Nell’esperienza di alcune importanti aziende, questa scelta corrisponde a specifiche finalità in termini di immagine e di motivazione del management, ma si basa soprattutto sulla qualità delle prestazioni, sulla maggior sicurezza e sui minori consumi ed emissioni delle vetture.Mercedes-Benz è uno dei partner riconosciuti da Hewlett Packard, confermato negli anni e riproposto anche a seguito dei risultati di un’approfondita analisi internazionale, svoltasi di recente.  Lo scorso anno, durante una rivisitazione della car list effettuata su direttive della Hewlett Packard Corporate, difatti Mercedes-Benz è stato riproposto e quindi qualificato anche a livello europeo come uno dei pochi brand selezionabili dagli utilizzatori di auto aziendale. L’obiettivo ricevuto dalla corporate negli Stati Uniti era, in particolare, quello della riduzione dei costi, del contenimento dei consumi e delle emissioni di CO2. La ricerca su questa tematica è in continuo sviluppo su diversi fronti da parte di diverse funzioni all’interno di HP. La conferma della scelta per modelli della gamma Mercedes-Benz – dice Gilda Sanfelici – è stata in particolare determinata dalle loro caratteristiche di sicurezza, di ergonomicità e di affidabilità, così come, dalla qualità delle motorizzazioni in termini di prestazioni”.

imageAffidabilità e sicurezza
Motivazioni che, in gran parte, ricorrono anche nelle parole di Luca Corvascio, Responsabile Acquisti e Fleet Manager di Jungheinrich Italiana, gruppo internazionale della logistica di magazzino. “Affidabilità, sicurezza ed immagine sono, nell’ordine, i fattori principali che motivano la scelta di utilizzare vetture Mercedes-Benz nella nostra flotta aziendale. Nella nostra esperienza questo significa innanzitutto poter disporre di vetture rappresentative dal punto di vista dell’immagine e quindi particolarmente idonee per funzionari e manager aziendali, ma anche e soprattutto poter contare su vetture che mediamente registrano un limitatissimo numero di giornate di fermo in officina per manutenzione. Sono 23 le auto Mercedes-Benz del nostro parco che comprende 211 autoveicoli aziendali. Attualmente le nostre car list prevedono la Classe B per i funzionari commerciali e la Classe C per i dirigenti, mentre la Classe E è riservata al top management”.

Migliorare l’efficienza
Per chi svolge la professione del Fleet Manager, quello che conta di più è che le auto possano efficacemente contribuire a migliorare l’efficienza della gestione della flotta. Questo, nel caso delle vetture Mercedes-Benz, si traduce non solo in maggior sicurezza, riduzione dei consumi e delle emissioni delle vetture, ma anche in termini, secondo Gilda Sanfelici “di maggiore soddisfazione dei driver, così come anche di migliori valori residui delle vetture, alla fine del loro ciclo di vita aziendale. “I nostri funzionari commerciali e dirigenti – dice Luca Corvascio – che quotidianamente guidano vetture della casa di Stoccarda sono particolarmente soddisfatti delle prestazioni ed anche delle dotazioni a loro disposizione sulle vetture. La car list di Jungheinrich Italiana, infatti, anche nel caso delle vetture Mercedes-Benz, comprende dotazioni standard di sicurezza in tutte le vetture ed un’ampia possibilità di scelta degli optional, così che i driver aziendali hanno la possibilità di configurarsi su misura la propria auto”. Se un’efficiente gestione della flotta è indispensabile in primo luogo per la soddisfazione di coloro che tutti i giorni utilizzano i veicoli aziendali, analogamente ciò vale anche nei confronti di altri ambiti aziendali coinvolti nella gestione della flotta, dall’amministrazione alle Human Resources fino al gestore della flotta “ed in questo senso – dice Gilda Sanfelici – ciò dipende in qualche misura anche dallo sviluppo di un rapporto soddisfacente tra cliente e fornitore e da questo punto di vista Mercedes-Benz è certamente per Hewlett Packard, in tutti i paesi europei dove circolano le nostre flotte, uno dei partner più importanti”.

Consumi ed emissioni
Tra i compiti del gestore aziendale della flotta, invariabilmente, vi è anche quello di scegliere modelli sempre aggiornati in termini di prestazioni, consumi ed emissioni e programmare al meglio i cicli di rinnovo delle vetture. E’ un compito non sempre facile e sotto questo profilo una relazione di partnership con una casa automobilistica può costituire un riferimento molto importante. “Da sempre – dice Gilda Sanfelici – siamo particolarmente sensibili a tutte le tematiche relative alla tutela dell’ambiente ed alla riduzione dell’inquinamento dei mezzi della flotta. La ricerca e l’innovazione tecnologica dell’automobile su questi temi sono in continuo sviluppo e richiedono, quindi, un nostro aggiornamento costante che è reso più agevole se, come nel caso di Mercedes-Benz, l’approfondimento avviene attraverso il confronto con un partner con cui si ha rapporto consolidato da tempo”. “La nostra relazione diretta con Mercedes-Benz – afferma Luca Corvascio – ci consente di essere sempre aggiornati, non solo su tutte le novità di prodotto, ma anche sui programmi futuri della casa della “stella a tre punte” per il mercato dell’auto aziendale. La nostra car policy colloca la sostenibilità ambientale ed il risparmio dei consumi delle vetture in testa alle nostre priorità e per questo siamo molto favorevoli all’adozione sulle auto della nostra flotta di ogni innovazione in tal senso utile, come ad esempio, la funzione ECO start/stop e la tecnologia BlueEFFICIENCY entrambi presenti sui modelli della gamma Mercedes-Benz”.

Lascia un commento