Fleet Manager Academy, un altro grande successo con l’8a edizione

di Gennaro Speranza

L’edizione di ottobre 2016 di Fleet Manager Academy si è svolta per la prima volta nel cuore del quartiere fieristico di Bologna. L’evento dedicato al mondo dell’auto aziendale, giunto alla ottava edizione, ha visto la partecipazione di oltre 340 fleet manager e la presenza di 16 brand automobilistici, che hanno esposto 28 modelli di autovetture ideali per le flotte, e di 21 aziende di servizi che operano nel mercato delle business car. Come sempre, l’evento è stato organizzato da Econometrica e dal Centro Studi Promotor, con il patrocinio di Aiaga (l’Associazione Italiana degli Acquirenti e dei Gestori di Auto Aziendali) e di Aniasa (Associazione Nazionale dell’Industria dell’Autonoleggio e dei Servizi Automobilistici).

 

Sicurezza in primo piano

Al centro della giornata sei sessioni di formazione seminariale. Tema conduttore è stato la sicurezza, declinata a 360° nel settore delle flotte. In particolare, grande successo ha riscosso la lectio magistralis di Paola Carrea (Direttore Generale di AlfaEvolution Technology, Gruppo Unipol), che ha illustrato i trend futuri delle tecnologie applicate alla sicurezza dei passeggeri e in generale alla sicurezza stradale (con un occhio di riguardo alle flotte). Centrale, nell’intervento di Carrea, il tema dell’auto connessa e assistita, il cui mercato sarà destinato a crescere su scala globale nei prossimi anni. 

 

L’inchiesta del CVO

Sempre in tema di sicurezza, nel corso di Fleet Manager Academy è stata presentata la ricerca “L’importanza della sicurezza nelle flotte aziendali”, realizzata dal Corporate Vehicle Observatory di Arval Italia. L’indagine ha analizzato l’attenzione delle aziende sui temi della sicurezza stradale e le iniziative messe in atto per ridurre la sinistrosità. Dall’analisi dei dati è emerso un distacco netto tra l’interesse manifestato dalle aziende verso i temi legati alla sicurezza e quanto viene poi realizzato per migliorarla concretamente. Infatti, se il 76% dei Fleet Manager intervistati ha reputato sufficiente la diffusione all’interno della propria azienda della cultura della sicurezza stradale, soltanto il 20% ha dichiarato di aver messo in atto provvedimenti concreti come, ad esempio, la programmazione di corsi di guida sicura. 

 

 

Gli altri seminari 

Nel corso degli altri seminari si è parlato poi di mobilità elettrica, di company e driver satisfaction e delle recenti innovazioni del Codice della Strada in materia di omicidio stradale. Molto apprezzata è stata anche la lezione di Giovanni Tortorici (presidente di Aiaga e purchasing manager di Barilla) sulla scrittura di un capitolato di fornitura di noleggio a lungo termine, ovvero il documento che in genere si utilizza in una gara di aggiudicazione per il noleggio a lungo termine che contiene tutte le specifiche richieste dal committente e che, successivamente, dovranno essere poi erogate dal fornitore che si aggiudica la gara. 

 

La forza del netwoking

Oltre al programma di formazione offerto dall’edizione bolognese di Fleet Manager Academy, non è mancato ai partecipanti il tempo per ammirare, all’interno dei padiglioni della fiera, le vetture esposte dalle case automobilistiche presenti. Intorno ad esse, così come ai desk delle 21 aziende di servizi presenti a Fma, si è come sempre creata quella intensa rete di contatti tra i fleet manager e i responsabili flotte delle Case, uno degli ingredienti fondamentali del successo di un evento che riesce a coniugare in armonia momenti di vera formazione e opportunità commerciali. A chiudere l’Academy è stato poi il consueto appuntamento con il Question Time fiscale (affidato all’apposito servizio di Auto Aziendali Magazine) che ha risposto ai quesiti dei numerosi fleet manager ancora presenti in aula al termine di una lunga e impegnativa giornata di lavori. 

 

 SAVE THE DATE

Il 15 marzo a Milano la 9a edizione di Fleet Manager Academy

L’appuntamento per la prossima edizione di Fleet Manager Academy è fissato per il 15 marzo nella splendida cornice del Palazzo del Ghiaccio a Milano, già teatro delle edizioni primaverili di Fleet Manager Academy del 2015 e del 2016. In particolare, la sessione primaverile 2017 di Fleet Manager Academy svilupperà tre tematiche di particolare interesse per la gestione delle flotte aziendali

la tendenza in atto verso una crescente integrazione delle tre aree della mobilità aziendale (flotta, viaggi e spostamenti casa-lavoro). All’argomento sarà dedicato un seminario sulle prassi in atto nelle flotte italiane e un workshop con indicazioni concrete su come scegliere i servizi e le soluzioni di mobilità innovativa. La tematica si inserirà poi nello scenario di grande respiro che il professor Paolo Santi del MIT (Massachusetts Institute of Technology) di Boston delineerà nela lectio magistralis che aprirà i lavori del pomeriggio.

le esigenze dei driver e le politiche adottate dalle aziende nell’elaborazione della car policy e della car list per conciliare preferenze dei driver e obiettivi aziendali. La discussione prenderà spunto da due distinte inchieste sulle motivazioni alla base della scelta di un’auto nella car list: la prima sui driver in generale e la seconda sui driver donne.

la sempre più sentita esigenza di assicurare ai fleet manager un percorso di formazione permanente analogamente a quanto avviene per le professioni regolamentate e quindi esercitate da iscritti in appositi albi professionali. A questo tema è destinato un seminario di particolare importanza che chiuderà i lavori della Academy.