Fiat Punto con TwinAir: elegante con brio

imageUna bella sorpresa il bicilindrico TwinAir montato sulla Punto. Sembrava il motore ideale per la 500 viste le dimensioni ed il peso di questo modello, ma sulla “sorella maggiore”, la Punto, non perde nemmeno una delle sue qualità e della brillantezza di marcia già messa in mostra su strada con la 500. Non si avvertono vibrazioni, la ripresa è sufficientemente brillante grazie al turbo che spinge con energia fino ai 5 mila giri, il rumore contenuto, la potenza (85 cavalli) adeguata e lo stesso discorso vale per la coppia (145 Nm).

Consumi
Il vero vantaggio di questa operazione di downsizing dovrebbe risiedere nei consumi che in Fiat hanno omologato a livello di 23,8 km/litro. In ogni caso la Punto, con il TwinAir sotto il cofano, si dimostra all’altezza delle concorrenti per quel che riguarda consumi ed emissioni, con il vantaggio però di uno spunto in velocità ragguardevole che arriva a sfiorare i 180 km/h.

Il modello della nostra prova è stato il “tre porte”, scelto per la bella linea che la fa assomigliare ad un coupè. Con una lunghezza di poco superiore ai 4 metri (4,06 per l’esattezza) la Punto si dimostra agile nei percorsi tortuosi e comoda in città dove le operazioni di parcheggio sono facilitate non solo dalle dimensioni compatte, ma anche dal diametro di sterzata (11,4 metri) e dalla leggerezza del volante che, spingendo il tasto City posto sulla plancia, riduce lo sforzo da esercitare. Invece quando si viaggia in autostrada o sulle statali il volante risulta molto meno leggero per offrire una buona sensibilità di marcia.

imageAll’interno
L’accesso al posto-guida (e, naturalmente, a quello del passeggero) è agevole per via della grande apertura delle due portiere. Si fatica di più, come accade su tutte le “tre porte” come quella della nostra prova, ad accomodarsi nei posti dietro dove la larghezza della vettura (1,69 metri) rende problematica la presenza del terzo passeggero seduto al centro. Davanti invece lo spazio è più che sufficiente con i due sedili in posizione leggermente rialzata, il che consente di avere una buona visibilità. Il bicilindrico da 85 cv spinge che è un piacere fino oltre i 5 mila giri grazie al piccolo turbo. Nessuna fastidiosa vibrazione per via di un efficace contralbero di equilibratura. Agile nei percorsi tortuosi, comoda in città dove è facile parcheggiarla grazie alle dimensioni compatte (4,06 metri di lunghezza) e ad uno sterzo leggero nella funzione City Questa Punto aveva subito un importante restyling dell’abitacolo già con la versione Evo e di conseguenza anche la TwinAir gode degli interventi di razionalizzazione dei comandi: il cruscotto, protetto da un’ampia palpebra, ha due grandi indicatori circolari ed altri due più piccoli con in mezzo un piccolo display per i dati del trip computer. La grande consolle centrale contiene il sistema audio ed alcuni tasti importanti quali l’Eco per attivare la funzione che taglia le prestazioni del motore per ridurre consumi ed emissioni; il tasto City per alleggerire il volante nelle operazioni di parcheggio; lo Start&Stop ed infine il pulsante per disinserire l’antislittamentoAsr. Il tutto ingentilito dalla presenza di eleganti inserti con materiale laccato nero.

Sotto la consolle si trovano le regolazioni per il climatizzatore manuale di serie con display luminoso (optional l’automatico bi-zona); sopra invece ci sono le due griglie per l’aerazione sormontate dal supporto del navigatore portatile Tom Tom. Sul tunnel la leva del cambio (un efficiente manuale a 6 marce), il freno a mano ed alcuni ripostigli. Le poltrone con fasce bicolori sono molto accoglienti e di facile regolazione, il divanetto posteriore è ripiegabile in due parti (1/3 e 2/3) con la possibilità di aumentare la capienza del bagagliaio da 275 litri ad oltre mille.

imageLa linea
La linea esterna è quella ristilizzata con la versione Evo: muso sporgente, due prese d’aria, una più sottile l’altra ampia con i fendinebbia incorporati. Il paraurti, che ospita la targa, è dello stesso colore della carrozzeria, il cofano spiovente favorisce una perfetta percezione dell’ingombro della parte anteriore, il parabrezza è molto inclinato. Spiccano i retrovisori esterni dipinti in nero brillante, i fari sono carenati, mentre le luci posteriori si trovano in alto all’altezza del lunotto, circondati da una vistosa C illuminata da luci a led. Infine un piccolo spoiler sovrasta il lunotto e la targa posteriore si trova protetta in uno spazio apposito nel paraurti.

Il propulsore
Torniamo al motore. E’ un bicilindrico brillante, imagema anche elastico. Non ha vibrazioni sgradevoli grazie ad un contralbero di equilibratura; è sistemato sotto il cofano in posizione trasversale per offrire più spazio ai passeggeri. La trazione naturalmente è anteriore, il blocco dei cilindri in ghisa e la testata in lega leggera. Il peso complessivo della vettura è di poco superiore ai mille chili (1.090) e questa “leggerezza” concorre alla brillantezza dei comportamenti su strada. La spinta del motore è senza incertezze dai 1.500 giri fino ad oltre i 5mila grazie all’azione costante del piccolo turbo. Affrontando una serie di curve in velocità emerge la tendenza al sottosterzo con il muso che è portato ad allargare. E’ sufficiente sollevare imageil piede dall’acceleratore per riportare la vettura in traiettoria: se si è esagerato ci pensa l’Esp a tagliare la potenza e a raddrizzare la Punto. In accelerazione il bicilindrico TwinAir regge il confronto con i motori di 1.4 litri e con potenze superiori ai 100 cv. Dell’agilità in manovra abbiamo già scritto; c’è da aggiungere solo il comfort offerto dalle sospensioni e dalla buona resistenza dei freni anche con la vettura a pieno carico.

Il giudizio finale per la PuntoTwinAir è decisamente positivo: il modello è promosso grazie al suo “cuore”, cioè all’efficienza del suo piccolo motore, al comportamento sempre onesto su strada, alla qualità dei materiali che arredano l’abitacolo, alla linea slanciata, al comfort che offre (meglio a 4 passeggeri che a 5). Il prezzo concorrenziale (in fase di lancio) dà l’ultimo significativo contributo alla sua promozione.

Lascia un commento