Fiat per le flotte, soluzioni sostenibili

di Vincenzo Conte

imageDottor Napolitano, in un contesto di mercato piuttosto negativo la possibilità di risparmiare, il rispetto ambientale e la sicurezza sembrano essere i fattori che guidano le scelte dei consumatori (anche nel segmento di mercato delle flotte aziendali). Come si pone Fiat rispetto a questa situazione?
“Il mondo delle flotte è sempre più sensibile al tema del TCO (Total Cost of Ownership) e l’attenzione del Gruppo Fiat è rivolta anche al nuovo concetto di TCS (Total Cost of Sustainability). Alla sensibilità delle flotte ai temi per il risparmio e dell’ambiente, il Gruppo Fiat offre una risposta adeguata, grazie a motori sempre più ecologici. Nel 2011, per il quinto anno consecutivo, Fiat Automobiles è stato il brand che ha registrato il livello più basso di emissioni di CO2 per le vetture vendute in Europa, con un valore medio di 118,2 g/km (4,9 g/km in meno rispetto alla media del 2010). Anche come Gruppo, Fiat è risultato primo in classifica con 123,3 g/km e un miglioramento di 2,6 g/km rispetto al 2010”.

I grandi player del mercato dell’auto guardano con sempre maggiore attenzione alle flotte aziendali, che vengono considerate un segmento che offre importanti possibilità di crescere. Abbiamo discusso dei programmi del Gruppo Fiat sulle auto aziendali con Luca Napolitano, direttore fleet & used cars di Fiat Group AutomobilesIn Italia il mercato delle flotte aziendali non è ancora arrivato al livello di penetrazione sull’intero mercato automobilistico rilevato negli altri maggiori mercati europei. Quali sono i provvedimenti che potrebbero favorire la crescita nel nostro Paese del comparto delle auto aziendali?
“Nel resto dell’Europa i volumi di vendita sul mercato delle flotte hanno un peso più consistente perché molte aziende offrono il benefit della company car come una forma di retribuzione. In Italia questo strumento è riservato solo a partire dal middle management; l’estensione di questa politica avrebbe effetti positivi sulla soddisfazione dei dipendenti e rappresenterebbe un modo efficace per accelerare il rinnovo del parco circolante con vetture nuove e meno inquinanti”.

Ci può anticipare quali saranno le linee guida dell’azione di Fiat Group sul mercato delle flotte nei prossimi mesi e quali sono le principali novità di prodotto su cui puntate per far crescere la vostra quota di mercato?
“L’obiettivo di Fiat Group sul mercato delle flotte è quello di sviluppare una partnership sempre più stretta con i nostri clienti. Per quanto riguarda le novità di prodotto consolidiamo l’offerta della nostra gamma alimentata con carburanti alternativi, con soluzioni intelligenti soprattutto in un periodo in cui il prezzo di benzina e gasolio aumenta costantemente. Ha debuttato alla fine di maggio la Fiat Panda EasyPower con alimentazione a gpl; si evolve eco:Drive, l’applicativo che aiuta ad avere uno stile di guida più responsabile ed eco-compatibile, nella declinazione fleet, che aiuta i gestori di flotte e i conducenti di auto aziendali a ridurre consumi ed emissioni in modo semplice ed efficace. Sicuramente la protagonista dell’appuntamento più importante per le flotte aziendali del secondo semestre del 2012 è 500L, dove L sta per Large, la nuova estensione della gamma 500, che sviluppa la strategia del brand tesa a ampliare la propria offerta introducendo modelli capaci di soddisfare tipologie di clienti differenziate”.

Particolarmente importante, per le case automobilistiche al fine di crescere nel segmento delle flotte, è una fattiva collaborazione con le società di noleggio. Quali sono i programmi di Fiat Group a questo proposito?
“La nostra strategia, che fino ad oggi si è rivelata vincente, è quella di lavorare a stretto contatto con tutti gli attori dell’attività di noleggio a lungo termine. All’’interno della nostra struttura c’è un team dedicato, non solo a livello nazionale ma anche internazionale per mantenere quotidiane relazioni con le società di noleggio e per sviluppare offerte sempre più competitive e innovative”.

In che modo il fatto di avere un bouquet di marchi importanti (Fiat, Lancia, Alfa Romeo, Jeep, Fiat Professional) da proporre ai vostri clienti vi favorisce nel mercato delle flotte aziendali?
“I nostri brand ci consentono di coprire tutte le diverse fasce di mercato e di proporre un prodotto adeguato per tutte le esigenze. Partiamo dalle city car, come la 500 TwinAir con il propulsore 0.9 turbo da 85 CV – nominato “International Engine of the Year 2011” – che le consente di essere la vettura a benzina con il migliore rapporto tra prestazioni e consumi della categoria, per arrivare all’ammiraglia Lancia Thema che combina gli standard di riferimento del segmento con gli inconfondibili comfort e classe che da sempre contraddistinguono le vetture Lancia. Senza trascurare la nostra offerta off-road con il marchio Jeep che incarna stile, funzionalità, qualità costruttiva e straordinarie capacità fuoristradistiche. Non dimentichiamoci, poi, che Fiat Group Automobiles con il brand Fiat Professional da sempre occupa un ruolo di rilievo nella vendita di veicoli commerciali leggeri”.

Lascia un commento