Advertisement

FATTI E PERSONE

imageMarco Girelli nuovo Sales Director di Alphabet Italia
Marco Girelli è stato nominato Sales Director di Alphabet Italia Fleet Management. Al nuovo membro del Management Team italiano di Alphabet il compito di guidare le strategie commerciali e gestire la struttura vendite. Laureato in Economia e Commercio presso l’Università Cattolica di Milano, Girelli ha maturato una pluriennale esperienza in ambito commerciale ricoprendo vari ruoli con responsabilità via via crescenti  in particolare nel noleggio a lungo termine e nella gestione delle flotte aziendali, arrivando ad occupare la posizione di Direttore Vendite presso GE Capital Fleet. In passato Girelli ha ricoperto il ruolo di Division Manager Top Accounts presso LeasePlan Italia, ed ha operato, sempre in ambito commerciale, in multinazionali come Lexmark, Total, ADP e Success Factor. “È con grande entusiasmo, passione e orgoglio che intraprendo questa nuova sfida professionale”, ha detto Girelli.


imageDopo anni di calo tornano a crescere i furti di auto
Dopo 10 anni contrassegnati da un trend quasi ininterrottamente in calo, il numero dei furti di auto nel 2012 torna a crescere (+1,84%). Contestualmente, si accentua la diminuzione dei recuperi di auto rubate. Lo scorso anno solo 49.572 delle 115.451 vetture sottratte in modo criminale sono state restituite ai legittimi proprietari, pari al 43% (erano il 45% nel 2011 e il 47% nel 2010). Di quasi 66mila veicoli si sono perse le tracce. Sono questi i principali indicatori che emergono dal “Dossier annuale sui Furti d’Auto 2012”, elaborato da LoJack Italia, azienda leader nel rilevamento e recupero di beni rubati, che raccoglie e analizza i dati forniti dal Ministero dell’Interno.


imageUna cartolina di sicurezza
I pneumatici non sono solo l’unico punto di contatto della vettura con la strada ma la superficie di un pneumatico che realmente tocca l’asfalto è grande quanto una cartolina postale! Per questo, avere cura dei pneumatici è importante: scarsa manutenzione, pressione insufficiente, eccessiva usura mettono a rischio la sicurezza degli automobilisti. Bridgestone ha condotto un sondaggio che ha coinvolto importanti giornalisti di viaggi e una selezione di rivenditori specializzati nella vendita di pneumatici. Come viaggiano gli italiani? I pacchetti last minute e i voli low cost presentano un trend in crescita ma l’auto rimane il mezzo preferito dalle famiglie soprattutto per la libertà di movimento senza vincoli di orari e check-in che garantisce. Proprio perché l’auto resta il mezzo privilegiato per godersi la vacanza, alla vigilia delle partenze estive gli italiani si dimostrano informati e previdenti: ben l’80% delle famiglie italiane si reca dal gommista e il controllo più richiesto è quello dei pneumatici (usura del battistrada e pressione), seguito da freni ed olio. Per non sbagliare, i meno esperti, si affidano completamente al proprio meccanico per un check-up completo. Anche il fronte rosa offre dati molto positivi: ben il 32% dei clienti che si reca dal gommista per il cambio dei pneumatici appartiene al gentil sesso, mentre l’abitudine al controllo periodico dello stato di usura dei pneumatici è “donna” per il 19% (dato in crescita).


imageNasce ALD Permuta, il noleggio a l.t. che acquista la tua auto usata
ALD Automotive lancia la nuova soluzione ALD Permuta, pensata per chi vuole passare da un’auto di proprietà al noleggio a lungo termine. Con la nuova formula Permuta, infatti, ALD acquista l’auto usata al valore riconosciuto dal periodico Quattroruote, e utilizza l’ammontare come anticipo sul noleggio a lungo termine. Inoltre, nel caso in cui il valore dell’usato ceduto fosse superiore all’anticipo richiesto, la differenza viene recuperata sui canoni mensili di noleggio che, riducendosi, diverranno quindi ancora più vantaggiosi. Spiega Crescenzo Ilardi – Strategic Accounts & Marketing Director : “Crediamo fortemente in questa nostra innovatIva soluzione ideata per rispondere in modo positivo e concreto a una delle prime domande che ogni nuovo potenziale cliente si pone quando pensa al noleggio a lungo termine: ma cosa me ne faccio della mia vecchia auto? Oggi, grazie ad ALD Permuta liberiamo il cliente da quest’onere, utilizzando proprio la sua vecchia auto come chiave per rendere ancora più vantaggioso l’accesso alla soluzione di noleggio preferita”.


imageSeconda edizione del Corso Universitario per Fleet Manager
Si è conclusa lo scorso 7 giugno la seconda edizione del Corso Universitario di Formazione Permanente “Fleet e Mobility Manager: sviluppo di capacità manageriali”, realizzato dalla Fondazione Alma Mater dell’Università di Bologna (Unibo), da Aiaga. (Associazione Italiana Acquirenti e Gestori di Auto Aziendali) e da Econometrica (società editrice di Auto Aziendali Magazine). Anche per questa edizione un notevole contributo al corso è stato fornito da Arval Italia. Numerosi sono stati gli argomenti affrontati, a partire dalla gestione tecnica e dai modelli di gestione delle flotte aziendali. Di particolare interesse per i corsisti si è dimostrata la lezione sul tema della gestione fiscale e amministrativa del parco auto e gli approfondimenti in materia di TCO. Le altre lezioni hanno toccato diversi temi tra cui la redazione della corporate car policy ed il legame fra il fleet manager e le risorse umane. I docenti intervenuti sono stati: Giovanni Tortorici, purchasing manager Barilla e presidente di Aiaga, Robert Satiri, responsabile servizi generali di Colacem, Ermanno Molinari, caporedattore di Auto Aziendali Magazine e Segretario Generale di Aiaga, Viviana Scampone, Head of Consulting  di Arval, Gianfranco Martorelli, General Services Fleet & Mobility Manager di Wind, Gian Primo Quagliano, docente di Comunicazione all’Università di Bologna e presidente di Econometrica e del Centro Studi Promotor, Massimo Guidetti, direttore del personale di Twinergy, Andrea Mazzini, responsabile risorse umane dell’istituto bancario Credem, Angelo Paletta, docente di Economia aziendale all’Università di Bologna, Carla Brighenti, dottore commercialista, e Davide De Giorgi, avvocato tributarista.


imageIl 93% degli automobilisti non sa prestare soccorso ad un ferito
Il 93% degli automobilisti italiani non sa soccorrere efficacemente un ferito in incidente stradale. Questo è quanto emerge da uno studio EuroTEST condotto in 14 Paesi europei dagli Automobile Club in collaborazione con la Croce Rossa. In Europa 2 automobilisti su 3 si dichiarano pronti ad intervenire ma poi, nei fatti, solo il 18% sa cosa fare. Il 68% ha comunque seguito un corso specifico. La metà dei decessi nei sinistri stradali avviene entro pochi minuti dall’incidente, quindi è fondamentale saper intervenire in questi casi con alcuni accorgimenti prima dell’arrivo del personale medico. Solo il 14% degli intervistati nel nostro Paese ha risposto correttamente su come la prima cosa da fare sia mettere in sicurezza il luogo dell’incidente. Il 61,5% non ha mai seguito un corso di primo soccorso e il 10,4% ha ricevuto qualche nozione solo per il conseguimento della patente di guida. Benché il 62,3% degli automobilisti si dichiari in grado di intervenire, il 97,5% non conosce appieno la procedura da seguire (percentuale più alta in Europa) e l’85,5% non sa che il numero europeo di emergenza è il 112.


imageCVO Arval: focus su fiscalità, mobilità e telematica
Fiscalità, mobilità integrata e telematica “guideranno” il 2013 delle flotte aziendali italiane. A evidenziarlo, le oltre 300 interviste condotte nel primo trimestre di quest’anno dal Corporate Vehicle Observatory di Arval. Interrogate sull’evoluzione potenziale della loro flotta nei prossimi tre anni, circa il 30% delle grandi aziende dichiara che il numero dei veicoli in flotta aumenterà. Continua il trend di aumento della durata contrattuale media, sia per le auto (durata media oltre i 40 mesi), sia per i veicoli commerciali, (durata media oltre i 50 mesi). Il trattamento fiscale delle auto aziendali diventa uno dei principali criteri adottati dalle grandi aziende per la composizione della loro flotta. Il rapporto del CVO evidenzia inoltre come il fleet manager si stia evolvendo sempre di più verso la figura di mobility manager, (un’unica figura professionale per la gestione della flotta e dei viaggi d’affari) presente già nel 65% delle aziende con più di 100 dipendenti e nel 75% delle aziende con più di 1.000 dipendenti. Anche la telematica risulta essere uno strumento sempre più apprezzato dalle grandi aziende.


imageTavola rotonda del Centro Studi Auto Aziendali su telematica e flotte
Ha destato notevole interesse la 7a Round Table del CSAA che ha coinvolto autorevoli rappresentanti del mondo delle auto aziendali. Nella tavola rotonda sono state approfondite tematiche di particolare interesse per le flotte (come la questione dell’uso di dispositivi telematici) ed in cui si è parlato di mercato, facendo il quadro della situazione ad oggi e fornendo le previsioni sull’andamento di qui alla fine dell’anno del mercato automobilistico, in particolare del segmento delle auto aziendali. A sedersi intorno al tavolo per discutere di questi argomenti sono stati esponenti di importanti case automobilistiche, di case produttrici di pneumatici, di società attive nel comparto della telematica, ospiti dell’evento sono stati Romano Valente, direttore generale di Unrae, Pietro Teofilatto, direttore di Aniasa e Cristiana Petrucci, responsabile del Centro Studi Unrae ed alcuni autorevoli fleet manager di Aiaga. La tavola rotonda è stata anche l’occasione per presentare ai convenuti l’iniziativa “Fleet Manager Academy 2013” di cui parliamo diffusamente nell’articolo a pagina 27.