Deducibilità agevolata/2: periodo di imposta e assegnazione

di Stefano Sirocchi

FISCO E DINTORNI – L’ESPERTO RISPONDE
Rubrica a cura di Stefano Sirocchi, dottore commercialista

QUESITO: Si può beneficiare della deducibilità al 70% dei costi se l’auto è assegnata a partire da un momento successivo all’acquisto o noleggio?

Il requisito della prevalenza del periodo di assegnazione è soddisfatto se l’utilizzo promiscuo avviene per la metà più uno dei giorni che compongono il periodo d’imposta. Può accadere che l’impresa abbia un periodo di imposta inferiore all’anno solare. Ad esempio, nell’ipotesi in cui il periodo d’imposta di un’impresa decorra dal 1° luglio al 31 dicembre (per un totale di 184 giorni) e che l’acquisto dell’autovettura sia avvenuto il 1° settembre, la condizione posta dalla norma può ritenersi soddisfatta allorché l’autovettura sia stata data in uso promiscuo al dipendente entro il 29 settembre (93 giorni al termine del periodo d’imposta).

Altra casistica ricorrente è quella in cui l’assegnazione non avviene in concomitanza dell’acquisto o del noleggio. Operativamente, la condizione della prevalenza del periodo di assegnazione è verificata ove il veicolo sia concesso in uso promiscuo ai dipendenti per la maggior parte del periodo decorrente dal momento dell’acquisto fino al termine del periodo d’imposta. Ad esempio, un’impresa con periodo d’imposta coincidente con l’anno solare che abbia acquistato un’autovettura il 31 luglio (giorni residui alla fine del periodo d’imposta 153) può beneficiare della deducibilità al 70% dei costi se la concessione in uso promiscuo ai dipendenti sia avvenuta a partire dal 16 ottobre (77 giorni al termine del periodo d’imposta) o in altra data a questa antecedente.

Leggi anche: Deducibilità agevolata/1: ecco chi ne può usufruire

CHIEDI AGLI ESPERTI