Advertisement

Covid19: come funziona l’uso di auto tra persone non conviventi

di Carla Brighenti e Davide De Giorgi

FISCO E DINTORNI – GLI ESPERTI RISPONDONO
Rubirca a cura di Carla Brighenti e Davide De Giorgi

QUESITO: “Il Coronavirus impone limitazioni all’uso di auto tra persone non conviventi?

Come chiarito dalle FAQ Istituzionali (“Fase 2” – Domande frequenti sulle misure adottate dal Governo) pubblicate sul sito ufficiale www.governo.it, è possibile l’utilizzo di automobili e altri mezzi di locomozione tra persone non conviventi.

Tuttavia, considerato che l’emergenza sanitaria non è ancora terminata, viene chiarito che tale utilizzo deve comunque rispettare le stesse misure di precauzione previste per il trasporto non di linea. In altre parole, deve essere garantita la presenza del solo guidatore nella parte anteriore della vettura e di due passeggeri al massimo per ciascuna ulteriore fila di sedili posteriori.

Inoltre, è previsto l’obbligo per tutti i passeggeri di indossare la mascherina. Come specificato nella risposta istituzionale “L’obbligo di indossare la mascherina può essere derogato nella sola ipotesi in cui la vettura risulti dotata di un separatore fisico (plexiglas) fra la fila anteriore e posteriore della macchina, essendo in tale caso ammessa la presenza del solo guidatore nella fila anteriore e di un solo passeggero per la fila posteriore”. Tuttavia nessuno di questi limiti si applica se i mezzi sono utilizzati solo da persone conviventi.

CHIEDI AGLI ESPERTI