Comprare l’auto? Gli italiani preferiscono sempre di più farlo online

Indagine AutoScout24: il futuro della mobilità passa dal digitale. Nel 2030 il 10% delle transazioni per l’acquisto di auto in Italia avverrà online, oltre la media europea (8%).

Le previsioni di vendita di auto online in Italia, che nel 2018 hanno rappresentato solo l’1% del mercato totale, potrebbero superare nei prossimi 10 anni il 10% delle vendite totali, raggiungendo nel 2030 oltre 500.000 veicoli venduti. Questa stima emerge da una ricerca condotta a livello europeo sull’Online Transaction da AutoScout24.

acquisto auto online

SEMPRE PIÙ ITALIANI FAVOREVOLI ALL’ACQUISTO ONLINE DI AUTO

Secondo quanto emerge dalla ricerca, il dato previsionale dell’Italia supera anche la media in Europa, pronta oggi al cambiamento con il 57% favorevole all’acquisto dell’auto interamente online, preparando il campo ad uno scenario che nel 2030 si attesterà sull’8% (era il 2% nel 2018).

L’Italia supera anche Paesi come Belgio, (0,9% nel 2018 e 6,9% nel 2030), Germania (1,8% nel 2018 e 6,5% nel 2030), Austria (1,8% nel 2018 e 5,6% nel 2030) e Olanda (1,7% nel 2018 e 5,4%). Unica eccezione la Francia, che già nel 2018 ha una quota più alta di auto vendute (3,9%), con una previsione che supererà il 13% nel 2030.

Leggi anche: Quali sono i Suv usati più venduti online nel 2020?

ITALIANI PIÙ OTTIMISTI

La ricerca di AutoScout24, che ha esplorato il livello di fiducia degli europei nel rapporto auto ed e-commerce, mostra che gli italiani sono i più ottimisti in Europa: oltre il 38% dei consumatori è convinto della possibilità di acquistare un’auto interamente online.

Una fotografia in linea anche con i dati interni di AutoScout24, che attestano come quasi un italiano su quattro ha cambiato positivamente il proprio atteggiamento nei confronti degli acquisti online di auto, e come per oltre la metà (53%) questo canale sia una buona alternativa a quello tradizionale.

car buying

CAMBIANO LE ABITUDINI

“Il futuro delle abitudini di acquisto digitali – sepigano da AutoScout 24 – è la naturale prosecuzione di un contesto attuale da cui emergono nuovi trend che stanno cambiando radicalmente la distribuzione auto e le preferenze dei cittadini in fatto di mobilità, che oggi può essere condivisa o privatissima, macro o micro, sempre più connessa e più green, con una trasformazione della customer experience che necessita ormai di una strategia omnichannel“.

Il mercato automotive, dunque, se fino ad oggi era ancora ad una fase iniziale, coperto principalmente dalle case auto, adesso potrebbe avere un’accelerazione con nuove sfide, ma anche opportunità per alcune aziende di riadattare strategicamente il modello di business alle nuove esigenze dei consumatori, soprattutto in ottica di e-commerce.

Leggi anche: Auto usate online: ecco come sono andate le vendite nel terzo trimestre 2020