Compass completa la famiglia Jeep

di Paolo Artemi

Cominciamo bene, viene da dire all’inizio del primo appuntamento con la nuova Jeep Compass: la versione che ci farà compagnia per l’intera giornata ha il portellone posteriore ad apertura elettrica e caricare le masserizie si rivela un’operazione facile grazie a una capienza-base da 368-438 litri. La Compass che proviamo è quella di mezzo, con motore due litri da 140 cavalli e cambio automatico a nove rapporti. Di rigore le quattro ruote motrici, sennò che Jeep sarebbe? 

 

 

Viaggiare sul velluto

Il traffico della mattina in città è infernale, si possono solo apprezzare, nell’ordine, la rapidità con cui il climatizzatore deumidifica l’aria garantendo a chi guida l’effetto-benessere, la maneggevolezza della vettura, dovuta alla taglia medium e l’ottima coppia che è lecito aspettarsi da un propulsore con queste caratteristiche. Usciti dalle spire del caos urbano ecco l’autostrada: sul filo dei 130 si viaggia davvero sul velluto, connessi in tutta sicurezza con il resto del mondo grazie al sistema di info intrattenimento da gestire attraverso un grande schermo (optional) da 8,4 pollici. Al casello ci si immette sulla statale che salendo prima dolcemente poi in modo più brusco porta ai circa 900 metri di altitudine della meta. 

 

Tante le assistenze per il guidatore

Il tempo, si sa, più sali più diventa imprevedibile e adesso piove che Dio la manda. La Compass è stabilissima, ci mancherebbe altro, ma sapere che anche nei tornanti affrontati alla garibaldina le ruote che lavorano sono quattro dà una sicurezza in più. E studiando la cartella stampa abbiamo scoperto che i sistemi installati a bordo destinati a prevenire gli incidenti o quantomeno a ridurne gli effetti ai minimi termini sono più di 70… 

 

 

Punto di forza la versatilità 

Alla eventuale obiezione: «Perché non l’avete portata in fuoristrada?», si risponde che in pochi oggi avrebbero il coraggio di portare un’auto come questa su sentieri troppo scoscesi o tratturi, con il rischio di graffiare la carrozzeria: per quel lavoro sporco ci sono altri modelli, anche se questo non toglie che in caso di necessità la Compass sappia disimpegnarsi sui terreni difficili con una maestria degna delle antenate. 

 

Guarda anche il video: JEEP COMPASS – TEST DRIVE