Company Car Drive, un’occasione di formazione

di Luigi Gemma

A Company Car Drive, oltre a poter provare le auto messe a disposizione dalle case automobilistiche su sei percorsi appositamente predisposti, i fleet manager potranno partecipare ad un programma molto qualificato di seminari di formazione sui temi dell’auto aziendale proposti da A.I.A.G.A. e da Econometrica in collaborazione con la Fondazione Alma Mater dell’Università di Bologna.
La necessità di una formazione e di aggiornamento costante da parte dei fleet manager emerge anche da una recente inchiesta del Centro Studi Auto Aziendali, che ha rilevato anche i temi di aggiornamento di maggiore interesse per i fleet manager. Secondo quanto emerge dall’inchiesta il 59,4% dei fleet manager con dieci o più auto in flotta è interessato a partecipare ad iniziative di formazione sull’attività di acquisto e gestione delle auto aziendali. Al primo posto della graduatoria delle preferenze c’è il costo di esercizio e la corretta determinazione del Total Cost of Ownership della flotta (34%), al secondo le procedure d’acquisto e di controllo di gestione (18%), seguono poi nell’ordine il tema della fiscalità dell’auto aziendale (15%), l’analisi dei servizi e della gestione delle assicurazioni e la gestione finanziaria della flotta (entrambe al 14%), chiude la graduatoria la gestione della fuel card (5%).

I seminari
I seminari che si terranno a Company Car Drive si svolgeranno all’interno di un’aula del Centro Congressi dell’autodromo. Il programma prevede due moduli formativi: “Gestione del Total Cost Of Ownership delle flotte aziendali” e “Il fleet manager come partner strategico per la creazione del valore d’impresa” a cura del prof. Angelo Paletta, docente di Economia Aziendale e di Controllo ed analisi dei costi della Facoltà di Economia dell’Università degli Studi di Bologna. Il programma di formazione si completa poi con altri due seminari dedicati rispettivamente a: “Le auto elettriche in flotta” ed alle “Novità fiscali per l’auto aziendale”.Non solo prove in pista e su strada: a Vallelunga ci sarà anche un’importante offerta di formazione per i fleet manager presenti a Company Car Drive. I temi trattati dai seminari in programma vanno dal total cost of ownership per le flotte all’evoluzione del ruolo del fleet manager e poi ancora dalle auto elettriche nelle flotte alle ultime novità fiscali per le auto aziendali. I seminari, ognuno della durata di un’ora, si ripeteranno per tutti e due i giorni in cui si svolgerà Company Car Drive; questo per dare la possibilità ai fleet manager che saranno presenti a Vallelunga anche solo per un giorno di poter usufruire pienamente di queste occasioni di formazione.

I temi affrontati
Al centro del modulo di formazione “Gestione del Total Cost Of Ownership delle flotte aziendali” vi è una questione di fondamentale rilievo per la corretta gestione di una flotta aziendale, e cioè quali sono i fattori che determinano il costo di gestione di una flotta, ed in che misura questi fattori (ad esempio valore finanziario di un veicolo, spesa per il carburante, per l’assicurazione, ecc.) influiscono sulla determinazione del TCO. Il seminario “Il fleet manager come partner strategico per la creazione del valore d’impresa”, poi, intende mettere in rilievo la centralità del ruolo del fleet manager all’interno delle strategie d’impresa.

Le auto elettriche
Con il seminario su “le auto elettriche in flotta” si farà il punto su una questione che negli ultimi tempi ha assunto una grande rilevanza nella gestione di una flotta, e cioè la possibilità di utilizzare veicoli elettrici, mettendo in particolare a fuoco cosa comporta l’inserimento di auto elettriche nella flotta e che benefici se ne possono ricavare in termini di riduzione dell’impatto ambientale e della spesa per il carburante. Per capire quanto l’opportunità di adottare veicoli elettrici in flotta sia presa in seria considerazione da un numero crescente di fleet manager, si può citare, anche in questo caso, la recente inchiesta condotta dal Centro Studi Auto Aziendali. Secondo i risultati di questa inchiesta, di fronte ad un’alternativa secca (cioè alla richiesta di rispondere sì o no a una serie di “soluzioni verdi”) il 19% dei fleet manager interpellati ha manifestato l’intenzione di acquisire auto elettriche. Ad una domanda di approfondimento, poi, ben il 55% degli intervistati dichiara di essere interessato a provare un’auto elettrica. Ovviamente l’interesse alla prova non implica un immediato interesse all’acquisto e, tra l’altro, il desiderio di testare su strada un’auto elettrica è stato stimolato dalle molte e interessanti offerte delle case automobilistiche. L’interesse manifestato dalle flotte per provare l’auto elettrica è comunque indubbiamente elevato e Company Car Drive rappresenta un’occasione particolarmente importante che consentirà  ai fleet manager di provare su strada e su pista la maggior parte delle auto elettriche attualmente disponibili.
Un ultimo focus a cui è dedicato un approfondimento con un apposito seminario riguarda le ultime “novità fiscali per l’auto aziendale”. Questo seminario trae spunto dal fatto che uno dei fattori che penalizzano maggiormente il mercato delle flotte nel nostro Paese rispetto agli altri paesi europei è la pressione fiscale, che è ritenuta eccessiva da tutti gli attori di questo mercato. Il seminario sarà quindi un’occasione per fare il punto sia sui provvedimenti che più recentemente hanno contributo ad inasprire la pressione sull’auto aziendale, sia, più in generale, sul quadro fiscale a cui il settore delle flotte aziendali è sottoposto e sulle proposte che sono portate avanti per migliorarlo.

Lascia un commento