Centro Studi Promotor: “Il mercato auto affonda”

Secondo i dati pubblicati da Acea, a maggio sono state immatricolate appena 948.149 autovetture: -12,5% su maggio 2021 e -34,3% su maggio 2019

Secondo i dati pubblicati oggi dall’Acea, nei 30 mercati nazionali dell’Europa Occidentale (UE+EFTA+UK) a maggio sono state immatricolate 948.149 autovetture, con un calo del 12,5% sul maggio 2021 e del 34,3% su maggio 2019. In totale, nei primi cinque mesi di quest’anno sono state vendute 4.531.598 auto: -12,9% sul periodo corrispondente del 2021 e -34,7% sul mese corrispondente del 2019.

FORTE CALO DELLE VENDITE IN ITALIA E SPAGNA

In Italia, tra gennaio e maggio le immatricolazioni sono in calo del 38,9% sul gennaio-maggio 2019. Sempre nei primi cinque mesi dell’anno, rispetto allo stesso periodo del 2019, si registrano cali del 43,3% in Spagna, del 35,8% in Francia e del 33,5% in Germania. In nessun paese si prevede una inversione di tendenza.

“L’EUROPA RILANCI IL MERCATO”

“Data questa situazione – ha spiegato Gian Primo Quagliano, presidente del Centro Studi Promotor – Sarebbe molto opportuno che le autorità di Bruxelles, così attente alla mobilità del futuro oltre che all’ambiente, adottassero o suggerissero agli stati membri provvedimenti per rilanciare oggi il mercato dell’auto che è al collasso e che vede già volumi di immatricolazioni che in tutta l’area sono insufficienti per garantire la normale sostituzione dei veicoli giunti a fine vita e ciò con grave pregiudizio per l’ambiente e per la sicurezza della circolazione.