CCD 2014: test drive, formazione e Fleet Italy Awards

di Beatrice Selleri

imageGiunto ormai alla terza edizione, Company Car Drive, evento realizzato da GL events Italia, società organizzatrice del Motor Show di Bologna e da Econometrica, società editrice di Auto Aziendali Magazine, si afferma nel panorama nazionale delle manifestazioni automobilistiche come un evento unico e di grande successo. Il format della manifestazione è caratterizzato dalla possibilità per i fleet manager di provare un’amplissima gamma di auto in un contesto assolutamente suggestivo e idoneo per testare le diverse possibilità di utilizzazione. Le prove delle auto, infatti, si svolgeranno senza soluzione di continuità durante tutto l’arco di entrambe le giornate di Company Car Drive. L’accesso ai test drive, così come alla manifestazione, è totalmente gratuito per i fleet manager che dovranno solamente essere in possesso della patente di guida e partecipare ad un safety briefing iniziale per ottenere tutte le informazioni necessarie in merito ai percorsi e alle misure di sicurezza.

imageQuattro percorsi
Diverse sono le possibilità per testare le automobili. A disposizione dei fleet manager, infatti, vi saranno quattro percorsi. Il percorso autostradale (rosso) ripercorre il tracciato F1 dell’Autodromo, il percorso di guida sicura (giallo) dà la possibilità di simulare situazioni di emergenza, il percorso country (verde), è un off-road leggero aperto a tutte le tipologie di vetture, infine il percorso stradale esterno (azzurro) si sviluppa sulle strade circostanti il Parco di Monza e consente ai fleet manager di testare l’autovettura nelle condizioni tipiche delle aree urbane.
Si svolge mercoledì 14 e giovedì 15 maggio all’Autodromo di Monza l’ormai tradizionale appuntamento con Company Car Drive. Anche quest’anno, infatti, l’evento di riferimento per i fleet manager e gli operatori del settore delle auto aziendali si terrà nell’evocativa cornice dell’Autodromo di Monza, già teatro delle gare di Formula Uno.Oltre alla possibilità di effettuare test drive, però, Company Car Drive si presenta anche come un’importante occasione di formazione ed aggiornamento su alcune delle tematiche di maggiore attualità per il settore dell’auto aziendale. Quattro i convegni in programma.
14 maggio, alle 10.45 con “L’utilizzo di veicoli a metano e gpl nelle flotte aziendali”.
[adrotate group=”3″]Anche nel nostro Paese cresce il numero di aziende interessate ai veicoli a metano e a gpl: e ciò è dovuto, da un lato, ai notevoli risparmi economici che l’uso di questi veicoli può garantire nella spesa per il carburante e, dall’altro, al fatto che con l’utilizzo di veicoli ad alimentazione alternativa può essere ridotto anche l’impatto ambientale della flotta, favorendo così anche le istanze aziendali di Corporate Social Responsibility. Per consentire il pieno sviluppo e la diffusione dell’impiego di veicoli a metano ed a gpl nelle flotte occorre però rimuovere alcuni fattori di criticità. In particolare, per quanto riguarda il metano, l’ostacolo maggiore è rappresentato da una ancor insufficiente rete di distribuzione, mentre per il gpl pesano le limitazioni all’utilizzo ad esempio nei parcheggi coperti. Nel corso del workshop saranno illustrati anche i risultati di una ricerca che approfondisce i principali aspetti dell’impiego di auto a gas con interviste a fleet manager che utilizzano veicoli a metano e gpl.
Sempre il 14 maggio, dalle 12.15 si discuterà su “L’utilizzo di veicoli elettrici nelle flotte aziendali”.
Oltre ai veicoli a metano e Gpl, le flotte aziendali dimostrano interesse anche per i veicoli elettrici, la cui offerta sul mercato è in crescita. Restano però, anche nel caso dei veicoli elettrici, non pochi aspetti da aprofondire, ad esempio l’autonomia, i tempi di ricarica e la corretta valutazione del valore residuo. imageAnalizzare questi aspetti e delineare le prospettive future, a breve e medio termine, dell’uso di veicoli elettrici nelle flotte aziendali, è di fondamentale importanza per tutte le aziende che stanno pensando di inserire questi veicoli nelle proprie flotte.

Driver satisfaction
Un’altro tema di grande interesse verrà affrontato sempre il 14 maggio a partire dalle 16 “La scelta delle auto aziendali e la driver satisfaction”.
L’efficacia delle car policy è determinata anche dal grado di accettazione e, soprattutto, di soddisfazione dei driver aziendali. Per questo motivo la definizione della car list aziendale deve prevedere un opportuno coinvolgimento dei driver, che così possono contribuire sia direttamente, sia indirettamente con propri pareri ed opinioni alle scelte dei veicoli per il parco auto. Per svolgere al meglio la propria attività i fleet manager aziendali devono pertanto essere in grado di monitorare costantemente le considerazioni tecniche e professionali, le preferenze ed il grado di soddisfazione (la driver satisfaction) degli utilizzatori dei mezzi della flotta. La centralità del driver e la sua importanza nel processo di definizione della car list sono poi, ovviamente, un elemento cruciale anche per chi, come case automobilistiche, società di noleggio, fornitori di prodotti e servizi per le flotte vuole proporsi con qualche possibilità di successo in questo mercato.
Di grande interesse infine il 15 maggio alle 11 il seminario “Fleet International best practices and trends”. Si tratta di un incontro sulle best practices e sulle tendenze in atto nel settore delle auto aziendali nei più importanti mercati mondiali: uno scenario più ampio per verificare quanto sta emergendo in termini di strategie di gestione delle flotte, di riduzione dei costi, di diffusione di mezzi con carburanti alternativi, di car sharing aziendale, di integrazione tra le diverse aree della mobilità aziendale, di sistemi di rilevazione dei dati, di modalità di monitoraggio del TCO, di applicazioni telematiche, di sicurezza e di formazione dei driver, di nuove tendenze dell’outsourcing aziendale, di soluzioni alternative per la mobilità aziendale e molto altro.
Oltre ai quattro seminari si terrà anche la cerimonia di assegnazione dei Fleet Italy Awards, i premi promossi da Aiaga, l’Associazione Italiana di Acquirenti e Gestori di Auto aziendali e da Econometrica e assegnati alle più efficienti esperienze di gestione di flotte di auto aziendali realizzate nel corso del 2013.