Boom del car sharing in Italia: nel 2016 quasi 6,3 milioni di noleggi

Sono numeri da record quelli del car sharing in Italia. Secondo una ricerca condotta da Aniasa, nel 2016 nel nostro Paese sono stati realizzati ben 6,3 milioni di noleggi (+33% sul 2015). Si tratta di un fenomeno in grande sviluppo, testimoniato anche da altri numeri di assoluto rilievo: 1.080.000 tessere di iscrizione (+70% sul 2015) e una flotta di 6.000 veicoli (+33%).
Dalla ricerca emergono poi altri dati interessanti: l’utente medio del car sharing è maschio, 38 anni in media, pendolare, utilizza il car sharing prevalentemente per motivi di lavoro (nel 55% dei casi è un dipendente di un’azienda), vive soprattutto in zone centrali (46%) e o semi-centrali (27%) nelle quali utilizza il servizio.
Dalla ricerca, inoltre, emerge come in realtà l’auto condivisa al momento rappresenti un’opportunità di mobilità aggiuntiva, eventualmente sostitutiva della seconda auto. Il 43% degli intervistati non è ancora pronto ad abbandonare la propria vettura e il 32% lo farebbe se solo potesse affidarsi pienamente al car sharing, ma l’11% ha rinunciato a comprare un’auto e il 6% ne ha già venduta una, passando al car sharing. I dati mostrano quindi che l’auto condivisa sta ormai avendo un impatto concreto sulle abitudini di mobilità degli italiani.